Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La fattoria degli animali

By George Orwell

(309)

| Paperback

Like La fattoria degli animali ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1760 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuol sentirsi dire.

    Una sconvolgente riflessione sul potere e sull'effetto che il potere stesso esercita su chi lo possiede. Grazie all'utilizzo di allegorie umane/animali estremamente azzeccate ed una satira pungente sulla società e su un'ideologia si ottiene questo in ...(continue)

    Una sconvolgente riflessione sul potere e sull'effetto che il potere stesso esercita su chi lo possiede. Grazie all'utilizzo di allegorie umane/animali estremamente azzeccate ed una satira pungente sulla società e su un'ideologia si ottiene questo inquietante spaccato della realtà in cui viviamo. Amaro, talvolta brutale il constatare come i maiali si "umanizzano" una volta ottenuto il potere. Imprescindibile.

    Is this helpful?

    Giampa_The IRONMAN said on Sep 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Rottamare per conservare...

    Da Esopo in poi, passando per Fedro e La Fontaine, le favole con animali come protagonisti sono state utilizzate per descrivere difetti e vizi degli uomini. In questa tradizione si inserisce Orwell con questo racconto bellissimo, attraversato da una ...(continue)

    Da Esopo in poi, passando per Fedro e La Fontaine, le favole con animali come protagonisti sono state utilizzate per descrivere difetti e vizi degli uomini. In questa tradizione si inserisce Orwell con questo racconto bellissimo, attraversato da una sottile ironia e pieno di saggezza.
    Se l’intento primo era, come specifica l’autore stesso in una post-fazione, quello di prendere di mira l’Unione Sovietica e la degenerazione della rivoluzione comunista, la sua critica ha però una valenza più ampia (e sempre attuale) in quanto si applica indistintamente a tutte le forme di potere quando queste si esercitano in forma oligarchica, garantendo privilegi alla ‘casta’ che occupa la scena politica. Quando una nuova ‘casta’ si sostituisce ai precedenti dominatori, i nuovi inquilini tendono inevitabilmente a perpetuare gli stessi esecrabili modi di esercitare il potere di coloro che sono stati appena spodestati. Come direbbe il Gattopardo “cambiare tutto perché niente cambi”.

    Is this helpful?

    Lilli48 said on Sep 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Cosa succederebbe se gli animali potessero ribellarsi al potere dell'uomo? Proprio questo accade in una fattoria inglese dove, a seguito di una rivolta contro l'uomo, gli animali iniziano a gestire l'azienda, producendo da soli il necessario alla lor ...(continue)

    Cosa succederebbe se gli animali potessero ribellarsi al potere dell'uomo? Proprio questo accade in una fattoria inglese dove, a seguito di una rivolta contro l'uomo, gli animali iniziano a gestire l'azienda, producendo da soli il necessario alla loro sopravvivenza e vivendo seguendo una serie di regole in armonia.
    Dapprima la ribellione si rivela una mossa vincente: tra gli animali regna il principio dell'uguaglianza e della fratellanza, e finalmente tutti possono ritenersi soddisfatti, in quanto per la prima volta il loro lavoro non viene sfruttato per il guadagno di un'altra razza.
    Con il passare del tempo però, vi è un graduale cambiamento che riporterà al malcontento generale. I maiali, gli animali più intelligenti e colti della fattoria, iniziano ad abusare dell'ignoranza del resto degli animali per ricavarne vantaggio. Così, a poco a poco, scompaiono le regole e i diritti, ogni tentativo di rivolta viene prontamente frenato dai cori unanimi delle pecore facilmente corrotte e dalle minacce dei maiali, e tutto sembra assomigliare alla situazione di partenza.
    L'unico cambiamento sta nel fatto che i maiali hanno sostituito l'uomo. E proprio così si conclude il libro, lasciando un senso di amaro nel riflettere su come gli abusi di potere a cui assistiamo ogni giorno sono forse -purtroppo- inevitabili.

    Is this helpful?

    Veronica said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    La favola ha per protagonisti gli animali di una fattoria inglese: gli ideali di uguaglianza di un maiale gettano le basi per una rivolta contro il padrone umano; gli animali prendono così il controllo della fattoria (che diventa "Fattoria degli Anim ...(continue)

    La favola ha per protagonisti gli animali di una fattoria inglese: gli ideali di uguaglianza di un maiale gettano le basi per una rivolta contro il padrone umano; gli animali prendono così il controllo della fattoria (che diventa "Fattoria degli Animali"). Ma i maiali, in particolare Napoleone, riescono a soggiogare gli altri animali diventando così i nuovi padroni della fattoria.

    Il romanzo è un'analogia del totalitarismo di Stalin: le vicende storiche e i personaggi che hanno caratterizzato tale dittatura sono riprodotte piuttosto fedelmente nella favola satirica; per fare alcuni esempi: la lotta tra Stalin e Trotsky è simboleggiata dai dissidi tra Napoleone e Palladineve, i rapporti tra la Fattoria degli Animali e le altre fattorie (governate da umani) rappresentano i rapporti tra l'Unione Sovietica e gli altri stati, il cavallo Boxer fa propri i principi stachanovisti.

    Orwell riesce a narrare efficacemente i passaggi che portano dal motto "tutti gli animali sono uguali" a "tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri".

    Is this helpful?

    Velociraptor said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Grazie, George.

    Capolavoro! Perché quale altra parola potrebbe meglio definire questo libriccino? Devo solo ringraziare Orwell per questa piacevolissima lettura; per tutto. Mi sono quasi commosso, soprattutto per il personaggio di Boxer. Ed è con questi libri che se ...(continue)

    Capolavoro! Perché quale altra parola potrebbe meglio definire questo libriccino? Devo solo ringraziare Orwell per questa piacevolissima lettura; per tutto. Mi sono quasi commosso, soprattutto per il personaggio di Boxer. Ed è con questi libri che senti qualcosa ribollire dentro, una rabbia incontenibile.

    Is this helpful?

    RobertLangdon said on Sep 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    UNO DI QUEI LIBRI CHE TI RIPORTA,TRISTEMENTE E INESORABILMENTE A RIFLETTERE SULLA VERA NATURA "DELL'ANIMALE UOMO"

    Is this helpful?

    FARFALLA said on Aug 26, 2014 | Add your feedback

Improve_data of this book

Groups with this in collection