Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La felicità difficile

Il mio viaggio nell'inferno della depressione e ritorno

By Elizabeth Wurtzel

(55)

| Others | 9788817670593

Like La felicità difficile ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

A parte il divorzio dei genitori, nulla nell'ambiente in cui Elizabeth crescepotrebbe far presagire i lunghi anni tormentati e dolorosi che avrebbe affrontato: lei stessa è una ragazza particolarmente dotata, intelligente e carina;eppure la su Continue

A parte il divorzio dei genitori, nulla nell'ambiente in cui Elizabeth crescepotrebbe far presagire i lunghi anni tormentati e dolorosi che avrebbe affrontato: lei stessa è una ragazza particolarmente dotata, intelligente e carina;eppure la sua vita è un inferno. Perché? Elizabeth non cerca di dare risposte;vuole solo far sapere alle migliaia e migliaia di adolescenti che soffrono didepressione che non sono soli e che oggi, soprattutto, ci si puo e ci si devefar aiutare e curare.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Che dire, ogni volta che leggo la Wurtzel mi vengono i nervi, solo perchè sono più simile a lei di quanto vorrei, bellissimo libro anche se il titolo italiano lascia molto a desiderare in confronto all'imponente "Proza Nation". Sicuramente da leggere

    Is this helpful?

    Novacaineoverthetrip said on Mar 28, 2012 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    aaah questo vezzo, tutto italico, di tradurre i titoli col culo.

    Is this helpful?

    K. said on Jan 12, 2011 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    E’ indubbiamente doloroso. Soprattutto il fatto che il “ritorno” da questo viaggio terribile non sembri mai del tutto concluso: la sensazione è che una volta dentro al tunnel depressivo, la ricaduta sia sempre in agguato, la depressione come un mostr ...(continue)

    E’ indubbiamente doloroso. Soprattutto il fatto che il “ritorno” da questo viaggio terribile non sembri mai del tutto concluso: la sensazione è che una volta dentro al tunnel depressivo, la ricaduta sia sempre in agguato, la depressione come un mostro orrendo, nero come la notte, con le fauci spalancate pronto ad inghiottirti di nuovo.
    “Ai non pochi lettori che mi hanno detto di aver trovato il libro irritante e noioso, ho risposto: <Bene, benissimo: significa che ho ottenuto lo scopo che mi proponevo> Se qualcuno si è sentito frustrato o adirato, significa che ho saputo trasmettere il senso di inutilità che provano quasi tutti coloro che nella vita di tutti i giorni devono trattare con un vero depresso. In una persona depressa c’è molto narcisismo e molta introversione, due aspetti così profondi e intensi da renderla incapace di dimenticare se stessa abbastanza a lungo per vedere il bene e la bellezza del mondo intorno a lei”.

    Is this helpful?

    fatapami (aka Little Miss Kawaii) said on Jun 4, 2009 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    Isteria pura.

    Ci tengo a precisare una cosa: questo libro NON racconta l' inferno degli psicofarmaci, ma l'inferno della depressione e ovviamente le sue conseguenze. Seconda cosa: non leggetelo se siete anche solo vagamente depressi o tendenti alla depressione, la ...(continue)

    Ci tengo a precisare una cosa: questo libro NON racconta l' inferno degli psicofarmaci, ma l'inferno della depressione e ovviamente le sue conseguenze. Seconda cosa: non leggetelo se siete anche solo vagamente depressi o tendenti alla depressione, la catarsi è inevitabile.

    Terza rilettura: Sarà che in questo periodo sono praticamente più devastata dell'autrice ma ogni volta che apro il libro (ma anche in generale) sento quella pesantezza, quel non riuscire a muoversi, quella speranza nella morte e allo stesso tempo temporeggiare e architettare un tentato suicidio, impasticcarsi cercando di spegnere temporaneamente il cervello... Credo che questo sia il periodo per me peggiore per rileggere Prozac Nation.
    La cosa più ironica è che anche quando leggevo il libro per la prima volta stavo così, anzi peggio. Sarà destino.

    Rileggendo ho anche avuto modo di apprezzare lo stile di scrittura di Elizabeth Wurtzel che mi piace molto, soprattutto nelle parti più in stile saggio. A volte del macabro e cinico umorismo non guasta.

    “(…) avevo così tanta paura di rinunciare alla depressione, avevo paura che in qualche modo la parte peggiore di me fosse in realtà tutto ciò che ero. L’idea di gettare via la mia depressione, di dover creare un’intera personalità, un intero modo di vivere ed essere che non comprendesse la sofferenza come tema centrale, era spaventosa. La depressione era stata per così tanto tempo una spiegazione conveniente ed onesta per tutto ciò che non andava in me (…)”.
    “E poi semplicemente qualcosa è cambiato in me. Nei giorni seguenti, mi sono sentita meglio, al sicuro nella mia pelle. È successo semplicemente così. Una mattina mi sono svegliata, e davvero volevo vivere, davvero non vedevo l’ora di accogliere il nuovo giorno (…). Era come se il miasma della depressione si fosse sollevato da me (…). La depressione provoca assuefazione come molte sostanze e molti modelli di comportamento, e come questi vizi è triste ma anche difficile da spezzare”.

    Is this helpful?

    Tess said on Oct 17, 2008 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Crescite difficili

    La discesa agli inferi autobiografica di una promettente ragazza americana di buona famiglia. Andata e ritorno narrati con stile asciutto e ritmo travolgente, addentrandosi nelle pieghe piu' recondite dell'animo giovanile e del disagio psichico. C'e' ...(continue)

    La discesa agli inferi autobiografica di una promettente ragazza americana di buona famiglia. Andata e ritorno narrati con stile asciutto e ritmo travolgente, addentrandosi nelle pieghe piu' recondite dell'animo giovanile e del disagio psichico. C'e' anche molta America di oggi e la fatica comune di trovare se stessi e crescere in un mondo complesso e contradditorio; ricorda Sylvia Plath a posteriori, ma fortunatamente con lieto fine: oggi l'autrice e protagonista e' scrittrice affermata e gia' vincitrice del prestigioso Premio Pulitzer.

    Is this helpful?

    daffodil said on Jun 29, 2008 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (55)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 400 Pages
  • ISBN-10: 8817670596
  • ISBN-13: 9788817670593
  • Publisher: Rizzoli
  • Publish date: 1996-01-01
Improve_data of this book