Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La felicità - La libertà

Di

Editore: Rizzoli (BUR Classici Greci e Latini)

4.3
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 405 | Formato: Paperback

Isbn-10: 881717047X | Isbn-13: 9788817170475 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Maria Teresa Fumagalli Beonio Brocchieri ; Curatore: Maria Teresa Fumagalli Beonio Brocchieri

Genere: Philosophy

Ti piace La felicità - La libertà?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il volume presenta due dialoghi di sant'Agostino, De beata vita e De libero arbitrio, composti l'uno e l'altro in momenti cruciali della vita del santo: il primo nel 386, annus memorabilis della sua conversione, maturata sotto l'influsso della predicazione del vescovo Ambrogio, ricca di echi filosofici e di alta spiritualità; il secondo nel 391, all'inizio del suo difficoltoso impegno pastorale nella patria africana. Il De beata vita riporta un'appassionata discussione fra amici, condotta nella pace campestre di Cassiciaco, in Brianza, dove Agostino si era ritirato per vivere in meditazione, dopo aver deciso di troncare, a trentadue anni, una brillante carriera di retore imperiale a Milano: e il tono del dialogo riflette l'emozione di una ricerca spirituale che stinge e svuota di senso ogni pretesa di appagamento mondano. Per essere felici non basta avere ciò che si vuole. Non basta se ciò che sì vuole è il male, miseria dell'anima; non basta se si teme ogni istante di perdere ciò che si ha. La felicità è data solo dal possesso della verità, cioè dalla sapienza, che fa non solo conoscere, ma "essere" diversamente. L'avevano già detto gli stoici. Ma Agostino identifica la verità con il calore e la luce di Dio, l'unico bene stabile che si dona a chi lo cerca, ed è approdo definitivo di pace. E all'idea di felicità si lega strettamente quella di libertà. Nel De libero arbitrio, scritto in un contesto di perdurante manicheismo, Agostino affronta i temi più ardui del pensiero cristiano, i problemi del male, della grazia, della predestinazione. Al rapporto ragione-volontà, centrale nell'etica classica, egli sostituisce il rapporto fra la volontà e la fede, che la illumina e la sostiene contro la sua stessa debolezza. Rapidi e intensi, gli scritti dì Agostino smuovono pensieri, risvegliano intrecci esistenziali, pongono domande che coinvolgono il lettore, portandolo a scavare nella propria interiorità. Con essi si apre, attraverso la riflessione sul divino e lo stimolo al risveglio di sé, il grande cammino delta teologia cristiana.

Testo latino a fronte.