La fiesta del chivo

(Punto de Lectura)

By

Publisher: Punto de Lectura

4.4
(667)

Language: Español | Number of Pages: 576 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , French , Chi simplified , Portuguese , Chi traditional

Isbn-10: 8466303316 | Isbn-13: 9788466303316 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Others

Category: Fiction & Literature , History , Political

Do you like La fiesta del chivo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In this magisterial and long-awaited novel, Mario Vargas Llosa recounts the end of a regime and the terrible birth of a democracy, giving voice to the historical Trujillo and to the victims, both innocent and complicit, who were drawn into his deadly orbit.

Blurb in Spanish: En La Fiesta del Chivo asistimos a un doble retorno. Mientras Urania Cabral visita a su padre en Santo Domingo, volvemos a 1961, cuando la capital dominicana aún se llamaba Ciudad Trujillo. Allí un hombres que no suda tiraniza a tres millones de personas sin saber que se gesta una maquiavélica transición a la democracia. Vargas Llosa, un clásico contemporáneo, relata el fin de una era dando voz, entre otros personajes históricos, al impecable e implacable general Trujillo, apodado el Chivo, y al sosegado y hábil doctor Balaguer (sempiterno presidente de la República Dominicana). Con una precisión difícilmente superables, este peruano universal muestra que política puede consistir en abrirse camino entre cadáveres, y que un ser inocente puede convertirse en un regalo truculento.

Sorting by
  • 5

    Magistrale

    Senz'altro uno dei libri più Belli che abbia mai letto: l'ho iniziato con coinvolgimento, ho proseguito a rilento - colpa della stanchezza fisica - per poi innamorarmi nell'ultima parte. Ho terminato ...continue

    Senz'altro uno dei libri più Belli che abbia mai letto: l'ho iniziato con coinvolgimento, ho proseguito a rilento - colpa della stanchezza fisica - per poi innamorarmi nell'ultima parte. Ho terminato la lettura da alcuni giorni, ma i nomi dei personaggi e i loro drammi continuano a riempirmi la mente.
    Non mi sono ancora documentata quanto vorrei, ma credo che MVL abbia seguito fedelmente la vicenda storica dell'attentato e degli attentatori, infondendo loro carne e sangue. La costruzione narrartiva, che si chiude solo nelle ultime, agghiaccianti pagine, è perfetta.
    Come accennavo, mi è venuto in mente di coltivare il filone "Dittature sudamericane" ripescando dalla memoria "Purgatorio", di Tomàs Eloy Martinez, argentino, che avevo letto in un gruppo di lettura e che mi è piaciuto più profondamente di quanto credessi.
    In queste storie si trovano empatia ed orrore, crudeltà e sadismo per i quali non cesso di stupirmi e - grazie all'abilità dei grandi autori - una dimensione tragica.
    Più di tutte, non riesco a togliermi dalla testa le figure di Pupo Romàn, di Amado Garcia Guerrero e di Johnny Abbes Garcìa.

    said on 

  • 5

    A circa trent'anni da un altro suo capolavoro (Conversazione...) Vargas Llosa torna ad occuparsi di storia latino-americana (nella fattispecie la Repubblica Dominicana e la caduta del dittatore Trujil ...continue

    A circa trent'anni da un altro suo capolavoro (Conversazione...) Vargas Llosa torna ad occuparsi di storia latino-americana (nella fattispecie la Repubblica Dominicana e la caduta del dittatore Trujillo) e tira fuori un gran libro.
    Meno sperimentale nello stile rispetto a quello ambientato in Perù, ci consegna comunque una prova di grande maestria portando avanti tre storie in parallelo (il dittatore, i congiurati e la figlia di un alto esponente del regime che a distanza di anni ritorna nella terra natia in cerca di pace...o di vendetta) senza mai perdere la tensione narrativa,riordinando via via tutti i tasselli e lasciando in sospeso - come un vero mago del racconto - la storia più efferata, a cui dedica l'ultimo capitolo.
    Volendo condensare il senso del libro si potrebbe dire che è una grande analisi delle degenerazioni del potere,materiale fornito in grande quantità presso quelle latitudini.

    said on 

  • 4

    LA FESTA DEL CAPRONE di Mario Vargas LLosa
    Non è una delle sue opere recenti di Vargas Llosa (pubblicato nel 2000) ma il romanzo non accusa assolutamente il passare degli anni.
    Sovrapponendo ed altern ...continue

    LA FESTA DEL CAPRONE di Mario Vargas LLosa
    Non è una delle sue opere recenti di Vargas Llosa (pubblicato nel 2000) ma il romanzo non accusa assolutamente il passare degli anni.
    Sovrapponendo ed alternando più piani diversi e numerosi personaggi che si muovono in epoche diverse ognuno con la propria storia ed il proprio percorso, Vargas Llosa affronta il tema della dittatura di Trujillo nella Repubblica Dominicana, denunciandone tutto l’orrore e la barbarie.
    A partire da Urania che torna dopo trent’anni a Santo Domingo apparentemente senza sapere nemmeno lei perché, il realtà (lo si capisce bene alla fine) per ripercorre il suo personale dramma accaduto appunto trent’anni prima, fino ad arrivare uno per uno a tutti i partecipanti alla congiura contro il dittatore, alla figura di Trujillo stesso, dei suoi familiari e del suo entourage
    E’ un opera dove lo scrittore di razza emerge con forza. Solo i migliori infatti (e non sono molti…) riescono a reggere una trama così complessa, così densa di personaggi ognuno, per alcune pagine, reso protagonista, in un continuo andare e ritornare nel tempo, facendo si che il lettore non perda mai il filo del discorso né il pathos che regge la storia
    Avverto solo che le ultime pagine sono un po’ “dure”: la crudeltà gratuita e senza senso del regime e delle torture viene raccontata con dovizia di particolari. Ma fa parte del quadro complessivo del romanzo. Non poteva che essere così.
    Bellissimo!

    said on 

  • 5

    Il Male Assoluto (dicono di 50000 morti sotto il governo di Rafael Loenidas Trujillo) affrescato dal Genio Assoluto quale è Mario Vargas Llosa.

    said on 

  • 5

    Un libro meraviglioso! Non ho parole... Cosa si può chiedere di più da un libro? Appassionato, storico, intrigante, emozionante.. L'ho finito da 15 giorni e ancora penso ad alcune scene del testo, non ...continue

    Un libro meraviglioso! Non ho parole... Cosa si può chiedere di più da un libro? Appassionato, storico, intrigante, emozionante.. L'ho finito da 15 giorni e ancora penso ad alcune scene del testo, non riesco a dimenticare le torture, l'incontro della figlia del senatore, Urania, con il dittatore truillio, la sua vita, i suoi soprusi, il cui carisma. E mille domande mi affiorano alla mente: come è possibile sacrificare la propria figlia per difendere uno status quo perduto? Potrei anch'io vendere quello che amo per difendere le mie sicurezze o raggiungere i miei traguardi? Perché il Pupo non ha la forza di proseguire il lavoro del commando che uccide il dittatore pur sapendo che poi verrà catturato e torturato? Quanto il popolo è disposto a perdere della propria libertà per un benessere economico, la sicurezza, il potere? E mille altre domande..
    Un libro da leggere e rileggere..

    said on 

  • 5

    Un popolo che ha bisogno della figura dominante...

    Leggendo questa storia, ci si rende conto che lo status latino di una popolazione ha bisogno di un usurpatore di democrazia, di un faro che si autoimponga a "Salvatore della Patra", salvo poi una vol ...continue

    Leggendo questa storia, ci si rende conto che lo status latino di una popolazione ha bisogno di un usurpatore di democrazia, di un faro che si autoimponga a "Salvatore della Patra", salvo poi una volta averlo rimosso con un colpo d'azione improvviso, glorificare il golpe stesso. Se poi parallelamente, ti viene narrata la storia umana ed ed emotiva di una donna privata in un'età estremamente formativa, della propria dignità come futura amante, beh allora capisci che stai leggendo un'opera grandiosa!

    said on 

  • 5

    Oltre a una storia che funziona e che avvince sotto ogni punto di vista (i capitoli dedicati a Trujillo più degli altri, eccezionali), il vero divertimento di questo romanzo sta nel seguire il disinvo ...continue

    Oltre a una storia che funziona e che avvince sotto ogni punto di vista (i capitoli dedicati a Trujillo più degli altri, eccezionali), il vero divertimento di questo romanzo sta nel seguire il disinvolto e apparentemente semplice piroettare di Vargas Llosa tra i diversi registri, piani temporali, voci e persone narranti, scivolando da un personaggio all'altro, cambiando momento e luogo della narrazione tre volte in dieci righe, il tutto con una mirabile perfezione e un tocco stilistico leggero e incredibilmente padrone di sé.

    said on 

  • 5

    el día de la bestia...

    Tratteggiare il ritratto di un tiranno e della sua schiera di cortigiani, trasformare un fatto di cronaca epocale in un thriller e descrivere il dramma personale di una donna. Tre romanzi in uno, in q ...continue

    Tratteggiare il ritratto di un tiranno e della sua schiera di cortigiani, trasformare un fatto di cronaca epocale in un thriller e descrivere il dramma personale di una donna. Tre romanzi in uno, in questo modo Vargas Llosa racconta la storia di Santo Domingo.
    Tre piani narrativi diversi, che per la maestria dell'autore, si intersecano e finiscono per sostenersi coerentemente l'uno sull'altro.
    La scrittura non è omogenea, ma si adatta di volta in volta alle circostanze della narrazione, rendendo ulteriore merito al premio Nobel peruviano.
    Capolavoro. Nient'altro da aggiungere.

    said on 

Sorting by