Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La figlia del Capitano

Di

Editore: Gherardo Casini Edizioni

3.7
(1124)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 318 | Formato: Altri

Isbn-10: A000051659 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace La figlia del Capitano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Bellissimo romanzo in cui si trova un po' di tutto, avventura, intrighi, amore. E' ambientato nelle steppe russe nel ‘700 quando bande di nomadi cosacchi contendevano il potere alla zarina Caterina. S ...continua

    Bellissimo romanzo in cui si trova un po' di tutto, avventura, intrighi, amore. E' ambientato nelle steppe russe nel ‘700 quando bande di nomadi cosacchi contendevano il potere alla zarina Caterina. Su questo sfondo, nasce la storia d'amore tra un ufficiale e la figlia del suo capitano di guarnigione.
    Temevo potesse essere una lettura pesante e invece è stato scorrevolissimo e molto piacevole.

    ha scritto il 

  • 0

    Mi riferisco solo all'edizione, non all'opera in sé.

    Deludente. Non che a € 7,90 mi aspettassi un'edizione critica con introduzione e vita dell'autore, ma avrei voluto vedere qualche nota, soprattutto quando si mantengono inalterati i termini non italia ...continua

    Deludente. Non che a € 7,90 mi aspettassi un'edizione critica con introduzione e vita dell'autore, ma avrei voluto vedere qualche nota, soprattutto quando si mantengono inalterati i termini non italiani. Insomma, ho dovuto chiedere a un madrelingua cosa significhi bàtjuska perché non si ha voglia di scrivere una riga in più...

    ha scritto il 

  • 3

    E' il racconto della crescita e della maturazione di un giovanissimo ufficiale, che diventerà un uomo valoroso, pronto a difendere la donna che ama.
    Cito: Un romanzo ricco di azione e colpi di scena, ...continua

    E' il racconto della crescita e della maturazione di un giovanissimo ufficiale, che diventerà un uomo valoroso, pronto a difendere la donna che ama.
    Cito: Un romanzo ricco di azione e colpi di scena, ma allo stesso tempo un libro romantico, che rievoca antiche atmosfere e tutto il fascino della Russia di Caterina la Grande.

    Bello, ma mi ha lasciato un po' freddina. Mah, sarà stata la neve della steppa...

    ha scritto il 

  • 3

    Incredibile! Un romanzo russo breve, semplice e lineare!
    Ecco perché mi piace meno degli altri!
    E' una lettura leggera e gradevole. Ed è tutto ciò che c'è da dire di questo romanzo. ...continua

    Incredibile! Un romanzo russo breve, semplice e lineare!
    Ecco perché mi piace meno degli altri!
    E' una lettura leggera e gradevole. Ed è tutto ciò che c'è da dire di questo romanzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Storia gradevole e appassionante, anche se il romanzo (scritto nel 1836) sembra risentire della sua età e la narrazione pare a volte un po' troppo scarna e semplicistica.

    ha scritto il 

  • 3

    La figlia del Capitano, Aleksandr Puskin

    Su questo romanzo avrò poco da dilungarmi.
    Io amo i libri. Io non amo la Storia.
    Se vogliamo mettere in relazione le due proposizioni, potremmo così dire:
    "Divorando libri di ogni genere, sono in grad ...continua

    Su questo romanzo avrò poco da dilungarmi.
    Io amo i libri. Io non amo la Storia.
    Se vogliamo mettere in relazione le due proposizioni, potremmo così dire:
    "Divorando libri di ogni genere, sono in grado anche di leggere un romanzo storico, nonostante la Storia sia una mia grande nemica, ma ciò non comporta che l'impresa mi risulti facile e che mi dia soddisfazioni."
    Ecco, così si riassume la mia esperienza con il primo (e ultimo) approccio a Puskin. Un libro che avrei potuto leggere tranquillamente in due-tre giornate si è rivelato un mattoncino terminato in una settimana, dopo aver arrancato e faticato dietro ad ogni pagina.
    Le due stelline si sono trasformate in tre solo perché il finale mi è sembrato un filino più interessante e movimentato. Certo, però, non è stato sufficiente a farmi gridare al capolavoro e a farmi ringraziare gli dei della letteratura per questa scoperta.
    Sì, interessante anche l'idea che tutta la storia tra il protagonista e la figlia del Capitano possa anche essere realmente accaduta. Inoltre, contestualizzando il tutto, ci troviamo davanti ad un prezioso spaccato della storia della Russia del '700, con il ritratto di un personaggio storico del calibro di Pugacev.
    Solo, c'è un altro problema: odio contestualizzare.

    ha scritto il 

  • 4

    Un classico intramontabile, gli eventi si susseguono con il loro sapore di un tempo lontano, di una lingua diversa, di un modo di sentire profondo e discreto, anche nel dolore della guerra. Essenziale ...continua

    Un classico intramontabile, gli eventi si susseguono con il loro sapore di un tempo lontano, di una lingua diversa, di un modo di sentire profondo e discreto, anche nel dolore della guerra. Essenziale nelle descrizioni, scorrevole e piacevole alla lettura.

    ha scritto il 

Ordina per