Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La figlia oscura

By Elena Ferrante

(76)

| Paperback | 9788876418440

Like La figlia oscura ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Leda è un'insegnante, divorziata da tempo, tutta dedita alle figlie e al lavoro. Ma le due ragazze partono per raggiungere il padre in Canada. Ci si aspetterebbe un dolore, un periodo di malinconia. Invece la donna, con imbarazzo, si sente come liber Continue

Leda è un'insegnante, divorziata da tempo, tutta dedita alle figlie e al lavoro. Ma le due ragazze partono per raggiungere il padre in Canada. Ci si aspetterebbe un dolore, un periodo di malinconia. Invece la donna, con imbarazzo, si sente come liberata e la vita le diventa più leggera. Decide di prendersi una vacanza al mare in un paesino del sud. Ma, dopo i primi giorni quieti e concentrati, l'incontro con alcuni personaggi di una famiglia poco rassicurante scatena una serie di eventi allarmanti. Pagina dopo pagina la trama di una piacevole riconquista di sé si logora e Leda compie un piccolo gesto opaco, ai suoi stessi occhi privo di senso, che la trascinerà verso il fondo buio della sua esperienza di madre.

97 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Cronache del mal d'amore: Vade retro...

    Se, malauguratamente, avessi letto per primi 'I giorni dell'abbandono' e 'La figlia oscura', non sarei mai arrivata alla trilogia de 'L'amica geniale', e sarebbe stato un peccato, perché, invece, l'ho trovata notevole.
    Sembra ci sia un'altra testa di ...(continue)

    Se, malauguratamente, avessi letto per primi 'I giorni dell'abbandono' e 'La figlia oscura', non sarei mai arrivata alla trilogia de 'L'amica geniale', e sarebbe stato un peccato, perché, invece, l'ho trovata notevole.
    Sembra ci sia un'altra testa dietro le 'Cronache del mal d'amore'; una testa totalmente femminile, (alla faccia della supposta ambiguità di genere della Ferrante), che genera, immancabilmente, una scrittura tutta incentrata su famiglia, nevrosi matrimoniali, mariti, divorzi, gravidanze, gestazioni, figli, morbosità, frustrazioni post-partum, affanni genitoriali, paturnie pre e post-menopausali, (come se non ne avessi abbastanza delle mie), e via discorrendo; quella che io chiamo scrittura 'ovarica' o 'uterina' a seconda della fase - insomma tutto quello che non cerco in un libro.
    2 palle e 1/2 stella.

    Is this helpful?

    AdrianaT. said on Aug 17, 2014 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Bambola rubata

    Leda è affezionata alla sue figlie, eppure con loro ha un rapporto fatto di amore, gelosie, incomprensioni, abbandono e sollievo quando loro se ne vanno in Canada ad abitare col padre.

    Perpetra questo strano rapporto, che nella sua infanzia ha subit ...(continue)

    Leda è affezionata alla sue figlie, eppure con loro ha un rapporto fatto di amore, gelosie, incomprensioni, abbandono e sollievo quando loro se ne vanno in Canada ad abitare col padre.

    Perpetra questo strano rapporto, che nella sua infanzia ha subito dalla madre popolana, anche su una misteriosa giovane madre conosciuta sulla spiaggia e sulla di lei bimba rubando Nani, la bambola della bambina.

    La bambola, il suo contenuto, i parenti della ragazza, le nuove conoscenze nel luogo di villeggiatura faranno riflettere la protagonista sul suo vero io e sulle sue scelte.

    Al primo acchito sembra inconcludente, non mi è piaciuta la velocità con cui l'autrice ha voluto chiudere il romanzo (anche se sembra più un racconto breve), ma credo che voglia esprimere molto più di quanto sembri.

    Credo che lo rileggerò.

    Is this helpful?

    «Roi Margot» ~ Mi gioco tutto con candore e furia! said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La figlia oscura

    Bel libro, scritto bene e scorrevole nel suo alternare la storia attuale ai ricordi di questa madre. Ho però trovato la protagonista molto strana, quasi pazza direi. Secondo me è una donna insoddisfatta della sua vita e delle sue scelte, tutto quello ...(continue)

    Bel libro, scritto bene e scorrevole nel suo alternare la storia attuale ai ricordi di questa madre. Ho però trovato la protagonista molto strana, quasi pazza direi. Secondo me è una donna insoddisfatta della sua vita e delle sue scelte, tutto quello che ha fatto l'ha fatto perché "si deve fare" e non perché lo volesse realmente (infatti ci sono rare volte in cui fa ciò che vuole realmente e svela la sua parte egoistica). Prova un affetto anormale e troppo intenso per una donna vista da lontano una mattina e non riesce a mostrarle il suo affetto se non facendole del male. Una donna quasi malata. Il libro è scritto bene anche se brevissimo, sembra quasi un racconto. Ma il personaggio davvero troppo distante dalla realtà del lettore.

    Is this helpful?

    Martina Belli said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    da leggere

    contiene molte tracce che saranno sviluppate

    Is this helpful?

    linodigia said on Apr 17, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    amare, mare, madre

    Ci sono libri che fanno male, che ti torcono le budella, che ti scavano dentro, che ti portano indietro a quando eri figlia e ti ricordano che sei madre, ti rammentano che essere madre non è come nella pubblicità del mulino, né in quella di "bimbo be ...(continue)

    Ci sono libri che fanno male, che ti torcono le budella, che ti scavano dentro, che ti portano indietro a quando eri figlia e ti ricordano che sei madre, ti rammentano che essere madre non è come nella pubblicità del mulino, né in quella di "bimbo bello", essere madre è amare fino alla spasimo, ma anche "detestare" quell'esserino che ti succhia l'aria, desiderare il meglio e la perfezione per lui e soffrire con e più di lui davanti alle frustrazioni della vita.
    Essere madre significa desiderare fino allo spasimo rimettertelo in pancia, tenerlo lì al caldo, protetto ai rumori del mondo.
    Essere madre significa tentare di sfuggire a tua madre, rinnegare e ripercorrere la tua infanzia, desiderare che fosse stata diversa, prometterti che sarà diversa e ritrovarti nella rabbia nell'impotenza e nel dolore a ripercorrere parole gesti che si tramandano nella tua famiglia da sempre.

    9+10

    p.s. finale insulso

    Is this helpful?

    Marta said on Feb 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La Ferrante si ripete. Oppure non sa raccontare altro.
    Però è un po' noiosa la storia della donna insoddisfatta che vaga tra il desiderio della volgarità popolana e lo snobismo di chi non comprende realmente ciò che è diverso da sè.
    Sono un po' delus ...(continue)

    La Ferrante si ripete. Oppure non sa raccontare altro.
    Però è un po' noiosa la storia della donna insoddisfatta che vaga tra il desiderio della volgarità popolana e lo snobismo di chi non comprende realmente ciò che è diverso da sè.
    Sono un po' delusa...

    Is this helpful?

    Vera Demes said on Feb 13, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (76)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 153 Pages
  • ISBN-10: 887641844X
  • ISBN-13: 9788876418440
  • Publisher: E/O (Tascabili e/o)
  • Publish date: 2008-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book