Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La filosofia del boudoir

edizione integrale

Di

Editore: newton compton

3.6
(423)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 190 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000075713 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace La filosofia del boudoir?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Quello che il titolo promette, il libro mantiene

    Elegante manifesto filosofico inframezzato da frammenti orgiastici.
    Nichilismo a palate, edonismo e libertinaggio come piovessero, turboilluminismo.
    Eros a sprazzi, anzi, a schizzi.

    ha scritto il 

  • 2

    Duecento anni dopo sarebbe banale nichilismo. Le esasperazioni non concettuali nè letterarie su dimensioni e performance fanno pensare a una personalità irrisolta.
    La digressioni con pretese teologiche sono quasi comiche ma noiosissime.

    ha scritto il 

  • 4

    ...illuminante! Di certo non è come leggere qualcosa della Santacroce (e per fortuna!!!) p.s. sì lo so sono pesante nel voler smontare a tutti i costi il paragone tra Isabella e il Marchese... ma dai... pensateci... ci vuole coraggio per accostare De Sade a una che è ancora convinta di trasgredi ...continua

    ...illuminante! Di certo non è come leggere qualcosa della Santacroce (e per fortuna!!!) p.s. sì lo so sono pesante nel voler smontare a tutti i costi il paragone tra Isabella e il Marchese... ma dai... pensateci... ci vuole coraggio per accostare De Sade a una che è ancora convinta di trasgredire nel 2008 scrivendo di sesso spinto!

    ha scritto il 

  • 1

    devastiamo la Virtù (e la mamma)

    un ultimo capitolo degno di nota.. nel senso che basta per farti odiare il Marchese. la Filosofia è in un bel libro: parole squisite, metafore fiorite (le rose sulla strada di Sodoma... e altre beltà). La solita perfida e lubrica Milady con amici libertini e sodomiti, il fratello dotato e incestu ...continua

    un ultimo capitolo degno di nota.. nel senso che basta per farti odiare il Marchese. la Filosofia è in un bel libro: parole squisite, metafore fiorite (le rose sulla strada di Sodoma... e altre beltà). La solita perfida e lubrica Milady con amici libertini e sodomiti, il fratello dotato e incestuoso... si parla e si "fotte" per educare la piccola Eugeniè, figlia di bigotta mamma appena uscita dalle suore. Tra tutto quello che le fanno e le inculcano ci sono poche percosse (strano questo, qui niente verghe di salice, solo verghe di carne e con dovizia di particolari in forma e dimensioni). C'è persino un libello semi-politico molto leggibile e godibile declamato durante un momento di sana pausa. Insomma pura letteratura libertina di alto livello, ma poi... prendete la mamma bigotta accorsa a salvare la figlioletta traviata, violentatela, riempitela di morbo, cucitele gli orifizi con rosso filo cerato.. e riconsegnatela al mondo ...
    a che pro?.. continuo a preferire la farsa della povera Justine, barbie insensibile che ne passa di ogni...

    ha scritto il 

  • 3

    Sicuramente diverso dalle "120 giornate di sodoma" questo è più un manifesto del libertinaggio secondo De Sade. Viene trattata l'istruzione al libertinaggio di una ragazza da parte di una libertina esperta in compagnia del fratello e di un amico di quest'ultimo, molto esperto. Viene presentato so ...continua

    Sicuramente diverso dalle "120 giornate di sodoma" questo è più un manifesto del libertinaggio secondo De Sade. Viene trattata l'istruzione al libertinaggio di una ragazza da parte di una libertina esperta in compagnia del fratello e di un amico di quest'ultimo, molto esperto. Viene presentato sotto forma di conversazione con 6 dialoghi in ordine temporale con gli stessi personaggi ai quali si aggiungono dei secondari. Per molti tratti mi è piaciuto anche se poco dopo la metà, quando si viene a leggere un testo venduto per strada, diventa un pò monotono e ripetitivo. Per concludere è l'esatto manifesto di De Sade nel quale tutto è concesso e nulla è contro natura. O lo si ama o lo si odia, voto 7/10

    ha scritto il 

Ordina per