Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La fine del gioco

Ciclo del Belgariad - Libro V

Di

Editore: Editrice Nord

4.2
(737)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 355 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese

Isbn-10: A000094074 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La fine del gioco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La grande cerca sembrava conclusa. L'Orb era tornata nella reggia dei re di Riva e Garion sedeva sul trono che era legittimamente suo, a fianco della sua deliziosa regina, Ce'Nedra. Ma ad oriente il maligno dio Torak, tuttaltro che sconfitto, stava anzi per risvegliarsi a preparare la sua rivincita. Garion non poteva sfuggire alla Profezia: un ultimo, estremo confronto lo attendeva, in cui uccidere o essere ucciso. La guerra fiammeggiava nuovamente lungo i confini dei regni occidentali e un viaggio pericolosissimo attendeva Garion. In una cornice di epica grandezza si conclude la straordinaria saga dei Belgariad, il ciclo fantasy più venduto e più acclamato dell'ultimo decennio.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    emozionante

    molto bella la saga e molto ben scritti i libri forse troppo buonismo ma ci sta vista la faccenda il finale è come sempre un po' la parte più difficile da scrivere ma in fondo rende l'idea di quel che è stato e lascia aperte le porte alla fantasia per quello che è sarà il futuro

    ha scritto il 

  • 3

    Ho aspettato di finire tutta la saga prima di scrivere la mia recensione.....nel complesso la considero discreta, quello che non mi ha convinto del tutto e' la mancanza di una certa epicità tanto che nei primi quattro libri siamo di fronte ad un continuo cammino con scontri brevi ed episodici coi ...continua

    Ho aspettato di finire tutta la saga prima di scrivere la mia recensione.....nel complesso la considero discreta, quello che non mi ha convinto del tutto e' la mancanza di una certa epicità tanto che nei primi quattro libri siamo di fronte ad un continuo cammino con scontri brevi ed episodici coi cattivi, i quali rimangono quasi sempre defilati senza una descrizione partecipata della loro situazione...

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    E vissero tutti felici e contenti...


    Degno finale della saga, come molti fantasy classici risente del problema che io chiamo "happy ending" scontato.
    E' evidente che alla fine di una saga di fantasy classica i buoni devono vincere contro i cattivi, solo George R.R. Martin non si fa alcuno ...continua

    E vissero tutti felici e contenti...

    Degno finale della saga, come molti fantasy classici risente del problema che io chiamo "happy ending" scontato. E' evidente che alla fine di una saga di fantasy classica i buoni devono vincere contro i cattivi, solo George R.R. Martin non si fa alcuno scrupolo nel far fuori i personaggi, tuttavia, fino all'ultimo si può lasciare il dubbio oppure, con un colpo di scena da manuale, qualche personaggio, anche molto amato, può non farcela... questo non succede nella saga di Eddings.

    Garion, Belgarath e Silk raggiungono le insidiose coste di Mallorea dove avverrà il temuto scontro finale con Torak, il dio orbo. L'immagine stessa di Torak, con l'occhio accecato dal globo in fiamme, richiama abbastanza l'unico occhio di Sauron... Garion è comprensibilmente spaventato dal confronto con il dio degli angarak, come può un semplice uomo affrontare un dio? Nel mentre, Ce n'edra si ritrova a dover mobilitare e guidare un vero e proprio esercito composto da: Alorn, Arend, Tolnedran e Sendar per fare da diversivo e sconfiggere una volta per tutte i seguaci di Torak i perfidi e sadici sacerdoti Grolim. La piccola principessa da il meglio di sé per aiutare l'amato Garion a raggiungere in sicurezza le oscure terre di Mallorea. Aiutata dalla splendida e, un pò troppo perfetta, Polgara la principessina riuscirà a infiammare gli animi delle truppe. Per fortuna, Ce n'edra può sempre contare sull'ardito Lelldorin, sul possente Barak, e su Rodhar ed Hettar.

    Finalmente, vengono rivelati alcuni punti salienti della profezia, la sorte del mondo e di tutti coloro che sono coinvolti nella profezia, verrà decretata dalla scelta della bella e potente Polgara. Come nei libri precedenti, Eddings sottolinea costantemente l'importanza delle sue amate figure femminili che sono il sostegno imprescindibile dei protagonisti della storia. Questo aspetto viene ulteriormente sottolineato dalla scelta delle sovrane di governare i rispettivi regni durante l'assenza dei reali consorti partiti per la guerra. Merel, Layla e Porenn non solo guideranno i loro regni al posto dei mariti ma saranno anche perfettamente in grado di risolvere i problemi che affliggono i loro regni con sottile astuzia e delicatezza tutta femminile. L'autore si prende il suo tempo per portare a compimento anche le storie d'amore dei suoi amati personaggi: il rude e prode Hettar (l'algar assetato di sangue), cede all'amore della bella e delicata Adara mentre l' avventato ma simpatico Lelldorin è felicissimo con la sua Ariana. E, visto che tutta questa felicità poteva sembrare eccessiva, ovviamente qualcuno è dovuto rimanere single e un pò infelice mi domando solo perchè questa sorte è dovuta toccare al mio amato Silk.

    Tutto è bene ciò che finisce bene, lasciamo dunque re Belgarion e la sua amata Ce n'edra ai loro affanni diciamo addio alla stirpe di Belgarath il mago per dedicarci a nuove appassionanti letture.

    ha scritto il 

  • 4

    Gran saga

    Esto es un libro clásico de fantasia, que todo el mundo debe leer.


    Es simple, si. No es una obra maestra, no. No esta maguinificamente narrada, no. No pasara a la historia por tener personajes perfectos y emotivos, no. PEro cuando la acabes y pase el tiempo, sera uno de esos pocos libros q ...continua

    Esto es un libro clásico de fantasia, que todo el mundo debe leer.

    Es simple, si. No es una obra maestra, no. No esta maguinificamente narrada, no. No pasara a la historia por tener personajes perfectos y emotivos, no. PEro cuando la acabes y pase el tiempo, sera uno de esos pocos libros que añoraras, y sentiras algo especial al recordarlo.

    ha scritto il 

  • 5

    ebook

    C'è la spada impugnabile solo dal re che non sa di esserlo. C'è la maga millenaria, che finalmente trova un uomo degno di lei. Ci sono anche diverse battaglie, con rese dei conti troppo a lungo rimandate. Matrimoni, scontati e non.

    ha scritto il 

  • 3

    il Ciclo di Belgariad parte III

    recensione completa: http://beatblog2.blogspot.it/2012/12/david-eddings-il-c…

    Col terzo romanzo si conclude la prima parte della vicenda, legata al talismano e alla sua sparizione, che è anche la più interessante e avvincente. Ma nei fantasy la storia non si limita mai ...continua

    recensione completa: http://beatblog2.blogspot.it/2012/12/david-eddings-il-ciclo-di-belgariad.html

    Col terzo romanzo si conclude la prima parte della vicenda, legata al talismano e alla sua sparizione, che è anche la più interessante e avvincente. Ma nei fantasy la storia non si limita mai a una sola missione e a un piccolo gruppo di persone: l'intero mondo è in bilico quando gli dei (che in questo caso esemplificano i poteri del bene e del male) sono in disaccordo. I re si preparano alle battaglie e i prescelti devono affrontare personalmente i poteri del male. Il quarto e il quinto libro parlano delle conseguenze di quanto accade prima, l'ultimo dovere a cui si è chiamati per ripristinare l'equilibrio delle cose. Eddings ha usato il fantasy nel miglior modo possibile: attorno alla semplicità e agli schemi del genere lo scrittore ha ricamato idee e contorni molto ben dosati, e personaggi che escono dalle pagine. [...]

    ha scritto il