Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La finestra dei Rouet

By Georges Simenon

(891)

| Paperback | 9788845923975

Like La finestra dei Rouet ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un lento, soffocante pomeriggio estivo. In un modesto appartamento di Faubourg Saint-Honoré, una donna sta ricucendo un vecchio vestito. Al di là della porta che divide la sua stanza da quella attigua, due corpi giovani si stiracchiano rumorosamente Continue

Un lento, soffocante pomeriggio estivo. In un modesto appartamento di Faubourg Saint-Honoré, una donna sta ricucendo un vecchio vestito. Al di là della porta che divide la sua stanza da quella attigua, due corpi giovani si stiracchiano rumorosamente dopo aver fatto l'amore, «crogiolandosi in quell'odore di bestia umana»: la donna sente tutto, immagina ogni gesto. Nel lungo specchio rettangolare dell'armadio, prima di provarsi il vestito, si guarda i seni, li prende in mano, li stringe: nessuno sa quanto siano belli, ancora adesso che sta per compiere quarant'anni, nessuno sa che il suo corpo è lo stesso di quando ne aveva sedici. Dall'altra parte della strada vive la ricchissima famiglia dei Rouet, proprietari non solo del palazzo in cui abitano, ma di buona parte dei palazzi intorno. Per ore e ore, da dietro le persiane accostate, la donna spia i loro movimenti: quelli dei vecchi, al piano di sopra, quelli del giovane Hubert e della sua bella, irrequieta moglie Antoinette, al piano di sotto. Finché, proprio in un assolato pomeriggio di luglio, è l'unica testimone di un omicidio che potrebbe facilmente non essere riconoscibile come tale. Da questo momento, la donna comincia a vivere per procura la vita di quella Antoinette così diversa da lei: una vita «fervida, invadente, in tutta la sua spaventosa brutalità», una vita «proibita», che a poco a poco diventa la sua. Fino alle più crudeli, atroci conseguenze.

119 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Dalle pagine di questo libro esce, prepotente, l'odore polveroso della solitudine.

    "Tutto era vivo intorno a lei, solo il suo cuore batteva a vuoto, come una sveglia dimenticata in una valigia"

    Is this helpful?

    Babx said on Jun 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Veramente un bel libro! Una disperazione così umana da essere reale e per questo spaventosa. Una solitudine totale e a tratti imbarazzante. Ti ritrovi a pensare che ti dispiace per Dominique e per la sua tristezza angosciante e palpabile. Un'ottima ...(continue)

    Veramente un bel libro! Una disperazione così umana da essere reale e per questo spaventosa. Una solitudine totale e a tratti imbarazzante. Ti ritrovi a pensare che ti dispiace per Dominique e per la sua tristezza angosciante e palpabile. Un'ottima scrittura e caratterizzazione dei personaggi, anche queli secondari, fa da contorno ad una storia perversa e malata.

    Is this helpful?

    Melisah85 said on Apr 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dominique

    Forse gli uomini non pensano che l'inizio del giorno è misterioso
    quanto il crepuscolo, che ha in sè sospesa la stessa parte di eternità. Non si ride fragorosamente, di un riso volgare, nella freschezza tutta nuova dell'aurora, più di quanto non lo s ...(continue)

    Forse gli uomini non pensano che l'inizio del giorno è misterioso
    quanto il crepuscolo, che ha in sè sospesa la stessa parte di eternità. Non si ride fragorosamente, di un riso volgare, nella freschezza tutta nuova dell'aurora, più di quanto non lo si faccia nell'attimo in cui si sfiora il primo alito della notte. Siamo più seri, proviamo l'impercettibile angoscia dell'essere umano davanti all'universo, perchè la strada non è ancora la solita strada rassicurante, ma un pezzo di quel gran tutto in cui si muove l'astro che mette pennacchi di luce sugli angoli aguzzi dei tetti.

    Is this helpful?

    Flower23 said on Jan 15, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Non so se l'impressione sia derivata da un mio "errore di prospettiva" per cui, durante la lettura, mi sono concentrata tanto su Dominique quanto sui Rouet e i Caille, che in realtà percepiamo solo filtrati dallo sguardo avido della - appunto - prota ...(continue)

    Non so se l'impressione sia derivata da un mio "errore di prospettiva" per cui, durante la lettura, mi sono concentrata tanto su Dominique quanto sui Rouet e i Caille, che in realtà percepiamo solo filtrati dallo sguardo avido della - appunto - protagonista, attendendomi una qualche evoluzione dalla trama, beh, sta di fatto che mi sono annoiata.
    Forse ho sbagliato, e d'altra parte, mi dico, il personaggio di Dominique non aveva l'intensità necessaria ad attrarre il mio sguardo.

    Is this helpful?

    soltanto_Claudia said on Oct 6, 2013 | 1 feedback

  • 11 people find this helpful

    Dominique

    Sono davvero a corto di parole che mi possano aiutare nel descrivere le sensazioni trasmesse da questo "La finestra dei Rouet".
    Simenon è riuscito a concentrare nel personaggio di Dominique e nella sua storia tutte le angosce silenziose di una vita l ...(continue)

    Sono davvero a corto di parole che mi possano aiutare nel descrivere le sensazioni trasmesse da questo "La finestra dei Rouet".
    Simenon è riuscito a concentrare nel personaggio di Dominique e nella sua storia tutte le angosce silenziose di una vita letteralmente buttata.
    C'è la povertà dignitosa, in quei rammendi di calze grigie e nella miseria del guardaroba di Dominique, quarantenne sola, che ha trascorso anni sterili nell'illusione che qualcosa cambiasse, ma sapendo di non potere mai avere una vita affettiva.
    La sua è una vita riflessa, di osservazione, da spettatrice silenziosa: sente e spia gli accoppiamenti dei due giovani, ai quali affitta una camera, immaginando ciò che mai ha provato e che mai proverà; segue ossessivamente ciò che accade dietro le finestre dei Rouet, ricchissima famiglia che vive dall'altra parte della strada. Antoinette Rouet, giovane, bella e irrequieta vedova, diventa la sua vita immaginaria.
    Ma nell'arco di poco meno di un anno, i destini degli altri cambiano e si muovono, lasciando un vuoto incolmabile nella vita di Dominique. Quelli che erano i personaggi dai quali la donna assorbiva un po' di esistenza, muoiono, traslocano, fuggono, lasciandola a confrontarsi con una solitudine inenarrabile e insopportabile.
    Simenon descrive magnificamente i suoi ennesimi personaggi femminili, le due protagoniste di questa storia, così differenti fra di loro, ma che si nutrono l'una della vita dell'altra.
    Ho amato l'indifesa, remissiva Dominique, riconoscendole, alla fine, di avere dimostrato una forza e una volontà feroci: solo lei, fra tutti, è quella che decide la svolta finale di una vita sempre sottomessa al mondo.

    Is this helpful?

    Elishebaez said on Sep 18, 2013 | 7 feedbacks

  • 6 people find this helpful

    Il voyeurismo e la solitudine prima, molto prima, di Facebook

    Quarto Simenon estivo, probabilmente uno dei migliori, sicuramente tra i romanzi più deprimenti nella storia della letteratura mondiale. Ci sono tutti i temi cari allo scrittore: Parigi, col sole e con la pioggia, gli ombrelli, gli odori, gli albergh ...(continue)

    Quarto Simenon estivo, probabilmente uno dei migliori, sicuramente tra i romanzi più deprimenti nella storia della letteratura mondiale. Ci sono tutti i temi cari allo scrittore: Parigi, col sole e con la pioggia, gli ombrelli, gli odori, gli alberghi, equivoci per definizione, le portinaie, le zitelle, i vecchi che vanno a puttane, i giovani che poi ci vanno anche loro, le arrampicatrici sociali, i figli dei ricchi un po' sfigati che muoiono nelle prime pagine e nessuno, neanche la madre, li rimpiange, le giovani coppie che scopano tutto il tempo come solo a Parigi, chissà perché, succede, le fotografie dei morti alle pareti, i ricordi, in genere dolorosi, di quando si era bambini o adolescenti inconsapevolmente felici, ma soprattutto la solitudine, tanta, e le finestre, dappertutto.

    Is this helpful?

    Biagiorandagio said on Aug 17, 2013 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (891)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 177 Pages
  • ISBN-10: 8845923975
  • ISBN-13: 9788845923975
  • Publisher: Adelphi (Biblioteca Adelphi 543)
  • Publish date: 2009-06-17
  • Also available as: Hardcover , Others
Improve_data of this book

Collection with this book

Margin notes of this book