Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La fisica di Star Trek

Di

Editore: Longanesi

4.1
(475)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 213 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000013669 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Computer & Technology , Science & Nature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La fisica di Star Trek?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'universo di Star Trek a confronto con quello reale: che cosa c'è di scientificamente possibile (e cosa, invece, di assurdo) nelle avventure di una delle saghe fantascientifiche più amate di sempre? In che misura la fantascienza può prefigurare la scienza del futuro? Appassionato di Star Trek, al pari di molti altri fisici famosi, Lawrence Krauss ha deciso di «seguire» la mitica astronave Enterprise, in missione permanente nella Galassia, per esplorare gli affascinanti misteri dell'universo, spiegando la fisica di oggi e tentando di prevedere la fisica di domani.

"La fantascienza di Star Trek non è solo un buon divertimento, ma assolve anche uno scopo serio, che è quello di espandere l'immaginazione umana. Non siamo ancora in grado di arrivare là dove nessuno è mai giunto prima, ma almeno possiamo farlo mentalmente. Possiamo esplorare come lo spirito umano potrebbe rispondere a futuri sviluppi nella scienza e possiamo fare congetture su come potrebbero essere quegli sviluppi... La fantascienza di oggi è spesso la scienza di domani. La fisica di Star trek merita certamente di essere investigata. Limitare la nostra attenzione a questioni terrestri equivarrebbe a fissare dei confini allo spirito umano."
Stephen Hawking

Ordina per
  • 4

    La realtà è sempre più meravigliosa della fantasia

    Bello davvero. Nonostante gli argomenti non siano dei più semplici, il ritmo è scorrevole, leggero e si riesce a capire quasi tutto :) L'autore ama Star Trek e la fisica e si vede :)) Una gran ...continua

    Bello davvero. Nonostante gli argomenti non siano dei più semplici, il ritmo è scorrevole, leggero e si riesce a capire quasi tutto :) L'autore ama Star Trek e la fisica e si vede :)) Una gran bella lettura.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro gustosissimo e ricco di sottile ironia. Giocando sulla famosa serie televisiva coglie l'occasione per fare il punto delle conquiste della fisica moderna. Non credo assolutamente sia un libro ...continua

    Libro gustosissimo e ricco di sottile ironia. Giocando sulla famosa serie televisiva coglie l'occasione per fare il punto delle conquiste della fisica moderna. Non credo assolutamente sia un libro solo per fanatici, come ho visto che qualcuno ha scritto.

    ha scritto il 

  • 5

    Beam me up, Scotty!

    Lawrence Krauss is a professor of Physics, but he is also a Star Trek fan, and that’s what makes this book wonderful. He uses his knowledge of the laws of the Universe to analyze every device used ...continua

    Lawrence Krauss is a professor of Physics, but he is also a Star Trek fan, and that’s what makes this book wonderful. He uses his knowledge of the laws of the Universe to analyze every device used by the crew of the Enterprise to understand what kind of technologies presented in the world of Star Trek could be realized in the future or what is physically impossible and will remain just a “trekker dream”. The author explained the latest theories of relativity and quantum physics with impressive simplicity so that the book doesn’t result heavy for any kind of reader. He describes, thanks to the specifics given by the “Star Trek Technical Manual”, the mechanics of some technologies like the transporter, the holodeck and the warp engines, and reveals us the mysteries of the Universe: dark matter, extraterrestrial life, black holes, additional dimensions… His great enthusiasm will certainly beam you up to the NCC-1701! I’d suggest reading this book to every Trekker, so that he could find out if one day there will be a real Kirk or if he will be forever a legend.

    ha scritto il 

  • 3

    Libro consigliatomi da un mio collega spezzino (ci tiene anche a definirsi non genovese) diversi mesi fa. Iniziato appena avuto, finalmente sono riuscito a finirlo.

    Con la scusa di parlare di una ...continua

    Libro consigliatomi da un mio collega spezzino (ci tiene anche a definirsi non genovese) diversi mesi fa. Iniziato appena avuto, finalmente sono riuscito a finirlo.

    Con la scusa di parlare di una serie cult per molti, l’autore passa in rassegna gli artifici della sceneggiatura e della trama soffermandosi soprattutto sui dettagli scientifici e sviluppando di seguito le teorie scientifiche alla base di tali scelte. Vengono toccati vari argomenti interessanti quali il teletrasporto, i viaggi a velocità superiore a quella della luce, i raggi traenti ed altro. Si trovano anche piacevoli dissertazioni quasi al limite della filosofia su intelligenze aliene e su ciò che realmente è la realtà. Inoltre si trovano anche varie critiche verso gli errori, a volte anche grossolani, che gli sceneggiatori, di solito molto informati, non sono riusciti ad evitare.

    Il libro non ha nessun altra pretesa se non quella di essere un libro di divulgazione scientifica verso chi la scienza la conosce poco. Naturalmente sto parlando della scienza del novecento: relatività ristretta e generale, meccanica quantistica, teoria delle superstringhe; argomenti che non sono né facilmente digeribili né interessanti per persone non altamente appassionate a tali campi.

    Personalmente non sono molto attratto da libri che mi riespongono cose che già conosco e soprattutto da libri che utilizzano un linguaggio da scuola media. Ma questo non è un problema del libro né tanto meno dell’autore , ma di chi sceglie tale libro. Don’t you?

    ha scritto il 

  • 4

    L'ho letto il primo anno di università perché a Pisa, alla facoltà di Fisica, era un libro di culto. Per divertirsi con la fisica e con la fantascienza e sì........... si parla anche del ...continua

    L'ho letto il primo anno di università perché a Pisa, alla facoltà di Fisica, era un libro di culto. Per divertirsi con la fisica e con la fantascienza e sì........... si parla anche del teletrasporto

    ha scritto il 

Ordina per