Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La fortezza dei cosmonauti

Urania 1541

By Ken MacLeod

(145)

| Paperback

Like La fortezza dei cosmonauti ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

USCITA PREVISTA DICEMBRE 2008

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Buon romanzo, anche se di non facile lettura, almeno all'inizio, quando si fatica a capire i vari salti cronologici.

    Is this helpful?

    Alberto5808 said on Mar 4, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Gli autori scozzesi sono quelli che ultimamente leggo con maggior piacere.
    Nonostante le situazione (soprattutto politica) dell'Europa descritta da MacLeod sia, alla luce degli avvenimenti degli ultimi 12 anni, assai meno che improbabile, lo scenario ...(continue)

    Gli autori scozzesi sono quelli che ultimamente leggo con maggior piacere.
    Nonostante le situazione (soprattutto politica) dell'Europa descritta da MacLeod sia, alla luce degli avvenimenti degli ultimi 12 anni, assai meno che improbabile, lo scenario è comunque credibile e ben costruito.
    Divertenti alcune trovate, come il sindacato dei lavoratori del WWW soprannominati Webblies, citazione dei Wobblies del famoso IWW.
    Qualche piccola difficoltà iniziale la si può avere nel collegare i due periodi temporali che si alternano nella lettura, ma tutto sommato è anche divertente scoprire un po' per volta le varie connessioni.
    Un buon primo capitolo della trilogia Engines of Light.

    Is this helpful?

    Kluge said on Jun 16, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un'ottimo inizio per questa trilogia

    Is this helpful?

    Vico said on Apr 11, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Fatica a decollare ma poi raggiunge buoni livelli. Divertente!

    Is this helpful?

    Mannu said on Nov 27, 2009 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    www.operanarrativa.com

    Urania è la collana che mi ha avvicinato alla fantascienza, nel lontano 1992. Asimov era morto da pochi giorni, quando usciva un suo bellissimo romanzo, Nemesis. Il mio battesimo del genere.<br />Dopo tanti anni non mi sono ancora stancato di l ...(continue)

    Urania è la collana che mi ha avvicinato alla fantascienza, nel lontano 1992. Asimov era morto da pochi giorni, quando usciva un suo bellissimo romanzo, Nemesis. Il mio battesimo del genere.<br />Dopo tanti anni non mi sono ancora stancato di leggere fantascienza e credo che difficilmente perderò il vizio visto la capacità che autori e romanzi hanno di proiettarmi sempre in mondi diversi, di meravigliarmi, di farmi fare lunghi viaggi.</p><p>Ho iniziato a leggere La fortezza dei Cosmonauti non appena ho letto la notizia dell’uscita del seguito, Luce Nera, sempre su Urania. Allora mi sono detto che potevo iniziare una saga con la speranza di terminarla, prima o poi.</p><p>MacLeod è un autore scozzese e la sua narrativa è un mix di space opera, politica, informatica e tecnologia. Un autore di quelli che sanno raccontarti una storia, ma che sanno anche come metterti in difficoltà, buttando nella storia tante di quelle cose da farti pensare che qualcuno magari te la poteva risparmiare. E infatti seguire le vicende di un’Europa sotto il dominio russo, tra complotti, CIA, viaggi nello spazio, hacker e quanto altro, non è sempre semplice, benché i personaggi, molto ben caratterizzati, aiutino il lettore a procedere.<br />Un romanzo che si snoda su due piani, uno nell’immediato futuro della Terra, l’altro nello spazio, chissà dove, chissà quando, ma da subito i legami delle vicende appaiono chiari ed evidenti.<br />Più difficile capire dove la storia voglia andare a parare. Si legge tutto con piacere, quasi vivendo assieme ai personaggi, ma a mano a mano che ci si avvicina alla fine del romanzo si intuisce che qualcosa manca.<br />Il finale, appunto, o almeno, un finale definitivo (scusate il gioco di parole), di quelli che ti lasciano con una certa soddisfazione.<br />E allora ti viene in mente che stai leggendo una saga (e lo stai facendo di proposito) e capisci che devi andare un po’ più in là per dare un senso al romanzo. Da solo, intendiamo, è godibile, ma non basta, non passerà certo alla storia come una lettura memorabile (non ha lo stesso effetto di Hyperion, per intenderci).</p><p>E quindi mettiamo in conto di continuare a leggere MacLeod, che non ha sfigurato, che non ha impressionato tantissimo, ma che sembra essere un autore interessante, dotto e capace di narrare. Il resto, ve lo sapremo dire.

    Is this helpful?

    Andrea Franco said on Apr 18, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sono un po' incerto sul come giudicare questo romanzo dello scozzese Ken MacLeod: da un lato la storia è ben congegniata, lo scorrere parallelo dei due flussi temporali - un futuro prossimo sorprendentemente sovietico e uno remoto con tanto di sauri ...(continue)

    Sono un po' incerto sul come giudicare questo romanzo dello scozzese Ken MacLeod: da un lato la storia è ben congegniata, lo scorrere parallelo dei due flussi temporali - un futuro prossimo sorprendentemente sovietico e uno remoto con tanto di sauri intelligenti al seguito - risulta ben bilanciato e la descrizione dei due mondi in cui si svolge l'azione sufficientemente meravigliosa e realistica da non annoiare. Però ogni tanto MacLeod m'ha dato l'impressione di perdersi un po' troppo in chiacchiere e di parlarsi addosso senza ce ne fosse davvero necessità, con il risultato di perdere il lettore per strada senza offrirgli nulla in cambio. Se a questo aggiungete il costante bisogno che l'autore ha di iniettare nel romanzo una visione Seria e Impegnata della Storia e della Politica capite bene che il piacere della lettura rischia a volte di scivolare mestamente verso la noia e il pregiudizio.
    Ma forse il problema è che non tutti hanno il talento di un Banks o la leggerezza di uno Stross e quando un autore normale percorre le strade battute da gente di quel calibro il confronto salta agli occhi e un romanzo peraltro piacevole come La fortezza dei cosmonauti rischia una sorte peggiore di quanto forse meriterebbe.

    iguana blog: http://iguanajo.blogspot.com/2009/02/rapporto-letture-g…

    Is this helpful?

    Iguana Jo said on Feb 9, 2009 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (145)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 320 Pages
  • ISBN-10: A000012437
  • Publisher: Mondadori (Urania)
  • Publish date: 2008-12-01
Improve_data of this book