Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La freccia nera

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar Classici; 491)

3.7
(1500)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 310 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Tedesco

Isbn-10: 8804534443 | Isbn-13: 9788804534440 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Quirino Maffi ; Prefazione: J. R. Hammond , Claudio Magris

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , Copertina rinforzata scuole e biblioteche

Genere: Fiction & Literature , History , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace La freccia nera?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Echi di Ivanhoe

    Ho letto casualmente questo romanzo in contemporanea con Ivanhoe, quindi mi è stato impossibile non fare confronti.
    Anche Stevenson mette su gli ingredienti caratteristici del genere cavalleresco: l'o ...continua

    Ho letto casualmente questo romanzo in contemporanea con Ivanhoe, quindi mi è stato impossibile non fare confronti.
    Anche Stevenson mette su gli ingredienti caratteristici del genere cavalleresco: l'onore, l'amore, le donzelle, le parti in lotta (York e Lancaster), ma la narrazione sembra poco matura e i fatti tendono a svolgersi in modo molto sbrigativo.
    Mancano i dialoghi fra i personaggi, ricchi di intensità, in cui traspaiono i confronti anche aspri fra gli individui in lotta.
    La lettura è piacevole, in ogni caso e la trama sembra ben orchestrata, anche se a tratti risulta prevedibile.
    Un libro che, comunque, consiglierei.

    ha scritto il 

  • 2

    Perso tra la giungla di episodi

    Rilettura adolescenziale del romanzo che anche all'epoca non mi aveva entusiasmato. Dovessi riassumere la trama farei leggermente difficoltà: mi sono sentito un po' perso di fronte alla rapida e incal ...continua

    Rilettura adolescenziale del romanzo che anche all'epoca non mi aveva entusiasmato. Dovessi riassumere la trama farei leggermente difficoltà: mi sono sentito un po' perso di fronte alla rapida e incalzante successione degli eventi. L'atmosfera de "le donne, i cavalier, l'armi, e l'amore" e i tanti dialoghi rendono in ogni caso il romanzo godibilissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo medievale

    Si tratta di un bellissimo romanzo storico, ambientato nell’Inghilterra del XV secolo, durante la Guerra delle Due Rose precisamente ai tempi di Enrico VI.

    Tutto comincia con una freccia nera, scoccat ...continua

    Si tratta di un bellissimo romanzo storico, ambientato nell’Inghilterra del XV secolo, durante la Guerra delle Due Rose precisamente ai tempi di Enrico VI.

    Tutto comincia con una freccia nera, scoccata in una giornata primaverile, la quale trafigge mortalmente un anziano guerriero.
    Il tutto viene narrato in una cornice medievale nella quale ritroviamo persino Robin Hood, con la foresta e la banda segreta che vi si nasconde.
    Le vicende di Richard Shelton, il protetto di Sir Daniel, ci presentano un’Inghilterra devastata da una guerra civile, dove la vita semplice del popolo dei villaggi, fra la povertà e la paura, si mescola ai giochi di potere dei signori e dei ricchi.
    Dick Shelton si muove fra gli uni e gli altri. Conoscerà il tradimento e la fuga, il coraggio e il riscatto. Da un accampamento all’altro e da uno schieramento all’altro, il ragazzo diventerà uomo ed anche un abile condottiero, acquistando la fiducia dei suoi soldati e lottando per amore della sua bella.
    Non si tratta solo intrighi tra nobili signori e guerre spietate all’ultimo sangue perché proprio tra la polvere delle strade ed il rovinio delle battaglie Dick vive la sua vita di uomo innamorato,
    seguendo i suoi obblighi di soldato e allo stesso tempo prodigandosi a compiere la sua missione.

    Un romanzo storico pieno di avventura, con un finale da favola, che dire… Provare per credere!

    ha scritto il 

  • 4

    chi non ha discernimento non dovrebbe maneggiare la spada

    Un romanzo d'avventura semplice e a lieto fine. I personaggi sono approfonditi in maniera abbastanza superficiale, e Dick è più veloce di spada che di testa, ma l'atmosfera mi piace molto, sebbene il ...continua

    Un romanzo d'avventura semplice e a lieto fine. I personaggi sono approfonditi in maniera abbastanza superficiale, e Dick è più veloce di spada che di testa, ma l'atmosfera mi piace molto, sebbene il mio sia un parere troppo di parte, dal momento che le parole cavalieri, armature e battaglie contribuiscono particolarmente a farmi interessare ad un romanzo. Nel complesso una lettura leggera. Evviva i vecchi, semplici romanzi d'avventura!

    ha scritto il 

  • 4

    La premessa, doverosissima avendo messo 4 stelle, è che, leggendo questo romanzo, si deve tenere sempre presente che è diretto ad un lettore giovane. Detto ciò, l’ho ri-letto perché ne avevo un bel ri ...continua

    La premessa, doverosissima avendo messo 4 stelle, è che, leggendo questo romanzo, si deve tenere sempre presente che è diretto ad un lettore giovane. Detto ciò, l’ho ri-letto perché ne avevo un bel ricordo di quando ero bambina (regalo della mia mamma) e non mi ha delusa. È un romanzo d’avventura, con duelli e inseguimenti; c’è la storia d’amore contrastata, c’è il buono e il cattivo. In sottofondo un po’ di storia, ma effettivamente non si può parlare di “romanzo storico”. Dal momento che viviamo in un periodo in cui i (pessimi) romanzi per ragazzi parlano solo di vampiri, mostri e simili, io credo che “La freccia nera” sia senz’altro consigliabile, innanzitutto perché è scritto bene e poi perché l’eterna lotta fra il Bene e il Male è vinta dai buoni sentimenti!

    ha scritto il 

  • 2

    Edizione ridotta (non consigliata)

    Quasi una favola per bambini, ho trovato il libro un po' confusionario e ripetitivo; i personaggi sono insipidi e lo stile mi è parso noiosetto.

    Il mio voto, forse, è dato dall'aver letto un'edizione ...continua

    Quasi una favola per bambini, ho trovato il libro un po' confusionario e ripetitivo; i personaggi sono insipidi e lo stile mi è parso noiosetto.

    Il mio voto, forse, è dato dall'aver letto un'edizione ridotta, potrei dargli un'altra chance nel caso riuscissi a trovare la versione integrale.

    ha scritto il