Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La fuga di Tolstoj

By Alberto Cavallari

(45)

| Hardcover | 9788806593858

Like La fuga di Tolstoj ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il momento della verità nella vita di Tolstoj: una ricostruzione che parte da un montaggio di documenti e testimonianze per arrivare alla trasparenza del romanzo.

13 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sapevo delle mattane senili di Tolstòj, non però con così tanta minuzia. Il povero Lev Nikolàevič, vessato dai malanimi di un matrimonio logoro, infervorato dalla volontà di dare alfine corso agli aneliti populistici, in fuga a ottantadue anni da un' ...(continue)

    Sapevo delle mattane senili di Tolstòj, non però con così tanta minuzia. Il povero Lev Nikolàevič, vessato dai malanimi di un matrimonio logoro, infervorato dalla volontà di dare alfine corso agli aneliti populistici, in fuga a ottantadue anni da un'esistenza prestigiosa eppure intimamente discordante, intenerisce. Avrà ciascuno di noi la propria Astàpovo, dove a un dato momento rintanarsi per decedere? Quanto tragico eroismo in questa frase di Alberto Cavallari: "L'importante era fuggire, in nome della disperata speranza che ci fa vivere"! L'umano, in sunto.

    Is this helpful?

    aleksandr said on Jul 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pagina 101

    Una notte, improvvisamente, si sollevò sul letto. "Scappare", disse, "bisogna scappare".

    Is this helpful?

    Arturo said on Feb 23, 2014 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    «Scappare – disse – bisogna scappare».

    Secondo la ricostruzione di Andrea Cavallari, queste furono fra le ultime parole pronunciate da Tolstoj prima di morire nella stazioncina di Astàpovo.
    Questo testo, a differenza del bellissimo libro di Vladimir Pozner:

    http://www.anobii.com/books/ ...(continue)

    Secondo la ricostruzione di Andrea Cavallari, queste furono fra le ultime parole pronunciate da Tolstoj prima di morire nella stazioncina di Astàpovo.
    Questo testo, a differenza del bellissimo libro di Vladimir Pozner:

    http://www.anobii.com/books/Tolstoj_è_morto/97888459249…

    ricostruisce prevalentemente la fuga da casa di T., iniziata nella notte tra il 27 e il 28 ottobre e conclusasi nella stazioncina sopra menzionata la sera del 31, quando lo scrittore manifestava già i sintomi della polmonite che lo condurrà, circa una settimana dopo, alla morte. Un'utilissima cartina aiuta a capire il percorso improvvisato che Tolstoj fece, utilizzando carrozze a cavalli, ma prevalentemente treni. Come un animale braccato cercava un rifugio, o forse – come ipotizza l'autore di questo volumetto – voleva ritrovare la sua giovinezza, liberandosi in tal modo della moglie e dei figli, ma soprattutto della moglie. «Questa pietra al collo con cui si deve nuotare, e che insegna a nuotare con una pietra al collo», così un giorno aveva detto riferendosi al matrimonio in generale, ma pensando molto probabilmente al suo.
    Fuga per la libertà, fuga dalla morte e fuga dalla vita: non la vita in sé (che amava ancora), ma la vita che conduceva nella vecchia casa di Jasnaja Poljana, dove era nato, ma dove non era destino che morisse.
    Questo libro è un'ottima integrazione a quello di Pozner (andrebbero letti però nella giusta sequenza). Lo stile narrativo è molto diverso, ma il risultato è assai piacevole. Poi, per chi volesse unire "fuga e morte" in un unico testo, ci sarebbe anche questa opera teatrale in un atto unico:

    http://www.anobii.com/books/Fuga_e_morte_di_Tolstoj/978…

    Is this helpful?

    Daisy (in perpetuo volo) said on Sep 10, 2011 | 1 feedback

  • 2 people find this helpful

    ... e così è fuggito e morto Tolstoj

    Buon lavoro questo di Alberto Cavallari. Gli ultimi giorni di vita di Tolstoj e la sua faga da Jasnaja Poljana, e soprattutto dalla moglie Sofja, sono ben tratteggiati. Mi è piaciuto molto leggere che in questi ultimi giorni Tolstoj voleva con sé I f ...(continue)

    Buon lavoro questo di Alberto Cavallari. Gli ultimi giorni di vita di Tolstoj e la sua faga da Jasnaja Poljana, e soprattutto dalla moglie Sofja, sono ben tratteggiati. Mi è piaciuto molto leggere che in questi ultimi giorni Tolstoj voleva con sé I fratelli Karamazov di Dostoevskij, I saggi di Montaige e Una vita di Maupassant. Ma la pagina più bella è quella sulle contraddizioni di Tolstoj (predicava bene e razzolava male, ha scritto Daisy...). Eccola: ... "[quest'uomo] cui erano piaciute le donne, la guerra, il gioco, la moglie, i figli, i salotti, il danaro, e che dopo le crisi mistiche del 1881 voleva essere un apostolo, faceva l'amore con Sofja ma poi ne aveva disgusto, amava i figli ma li considerava peccati e si condannava per averli avuti, odiava il sesso ma gli era sempre piaciuto fermarsi nelle isbe a possedere le contadine, voleva la povertà ma viveva con servi e cavalli, voleva fuggire da casa ma non poteva vivere senza la moglie che gli organizzava il lavoro, l'attività editoriale, la gloria, la corte degli amici e dei clienti...".

    Is this helpful?

    Tiziano said on Aug 19, 2011 | 1 feedback

  • 8 people find this helpful

    Gli ultimi giorni di Tolstoj

    Stavo affrontando i due volumi di Musil e non pensavo di leggere altro. Ma non ho potuto resistere al regalo di un amico che sa della mia passione per Tolstoj.Un libro bellissimo, cronaca e narrazione degli ultimi giorni dello scrittore, in fuga dall ...(continue)

    Stavo affrontando i due volumi di Musil e non pensavo di leggere altro. Ma non ho potuto resistere al regalo di un amico che sa della mia passione per Tolstoj.Un libro bellissimo, cronaca e narrazione degli ultimi giorni dello scrittore, in fuga dalla tenuta di Jasnaja Poljana, inseguito da familiari, da cronisti e da ammiratori. Cerca di scappare dai litigi con la moglie, dall'atmosfera claustrofobica della casa, ma, soprattutto, dalla paura finale, quella che assale tutti, quella della morte. Inutile. Finirà per morire nella stanza spoglia e disadorna della stazione di Astopovo, nella povertà che forse, da tempo, avrebbe voluto.

    Is this helpful?

    zia Grazia said on Jul 30, 2011 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Richiama atmosfere che si ritrovano nei romanzi tolstojani: percio' puo piacere a chi, come me, ama Tolstoj. Purtroppo l'esiguita' del testo impedisce qualsiasi tipo di giudizio.

    Is this helpful?

    Rachbee said on Jan 2, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (45)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Hardcover
  • ISBN-10: 8806593854
  • ISBN-13: 9788806593858
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 1986-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Groups with this in collection