La gang del pensiero ovvero la zetetica e l'arte della rapina in banca

Di

Editore: Garzanti Libri

3.9
(648)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 384 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese

Isbn-10: 881162021X | Isbn-13: 9788811620211 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: R. Duranti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Filosofia

Ti piace La gang del pensiero ovvero la zetetica e l'arte della rapina in banca?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Eddie Coffin è un filosofo fallito, un erotomane praticante, sta ingrassando eperde qualche capello. Soprattutto ha un grosso guaio con la polizia. Insomma,ha dovuto scappare in Francia. Lì incontra Hubert, rapinatore sfortunato epasticcione che tra una disavventura e l'altra ha accumulato un'incredibilequantità di protesi. L'amicizia con Hubert regala a Eddie un'idea di genialesemplicità: si guadagneranno da vivere alla grande rapinando banche. La suacarriera di malavitoso e filosofo ci offre pagine divertenti, rileggendo inchiave beffarda, erotica e criminale, l'intera storia del pensierooccidentale.
Ordina per
  • 0

    Un romanzo d'azione in cui l'umorismo graffiante, le citazioni filosofiche, l'ironia dissacrante e l'assurdo la fanno da padroni.
    E l'dea guida della vicenda è folle ma interessante ed accattivante.

    A ...continua

    Un romanzo d'azione in cui l'umorismo graffiante, le citazioni filosofiche, l'ironia dissacrante e l'assurdo la fanno da padroni.
    E l'dea guida della vicenda è folle ma interessante ed accattivante.

    Alcuni passaggi sono divertentissimi ma altri decisamente fiacchi e, nel complesso, si fa una certa fatica nel superare certe ripetizioni e dei "tratti morti".
    Un "bene-bravo" per le idee ed un "passabile" per l'abilità nel raccontare.

    ha scritto il 

  • 5

    Non è mai troppo tardi per essere in ritardo

    Un libro così epigrammatico che mi verrebbe da citarlo tutto.

    "Il problema, quando si ha a che fare con Nietzsche - che ad ogni modo non lasciò mai istruzioni su come comportarsi nel caso ci si trovi ...continua

    Un libro così epigrammatico che mi verrebbe da citarlo tutto.

    "Il problema, quando si ha a che fare con Nietzsche - che ad ogni modo non lasciò mai istruzioni su come comportarsi nel caso ci si trovi ammanettati su un pavimento freddo in circostanze così poco dignitose - è che non si può mai essere sicuri se dice una cosa per scherzo o parla sul serio."

    "Questo è il bello di stare all'estero: anche se si conosce bene la lingua e si è solidamente acculturati, persino le conversazioni troppo volgari da prestarvi orecchio in patria assumono una patina d'interesse per il solo fatto di funzionare in una lingua diversa.
    Tutto è più interessante all'estero, perfino la morte."

    "Mi rendo sempre più conto che l'unica cosa che mi mancherà sono gli amici. A parte il diluvio di terrore connesso con la prospettiva di trasformarsi in carcassa, la cosa che mi dà più fastidio è l'idea di perdere quella manciata di persone con cui posso avere una conversazione decente. Ci vuole una vita per procurarsele. Perdere la vita non è poi una gran perdita, perdere loro, invece, sì."

    "Attraverso i secoli e le culture, indicare cose che gli altri non riescono a discernere non è stata in genere un'attività remunerativa - tentare la strada della santità, del pionierismo spirituale, è una mossa pericolosa in quanto una delle cose di cui non c'è mai penuria sono le fascine per bruciare la gente che si comporta in modo strano."

    "Avrei voluto che avessero la decenza di aspettare che fossi morto prima di ristrutturarmi i ricordi."

    "Non volevo che scoprisse che, come la maggior parte degli uomini, ero anch'io un sistema che serve a tenere in vita un fallo."

    "Piccolo consiglio per gli osservatori di imperi al tramonto: fatelo da casa vostra. Frammenti dell'impero che va a pezzi potrebbero danneggiarvi seriamente la salute."

    "Il bello di avere una pistola è che in un dialogo socratico ti mette automaticamente dalla parte giusta."

    ha scritto il 

  • 4

    Tibor Fischer è un geniale pazzoide che vi farà sbellicare!
    Il suo stile è un po' da One Man Show, da stand-up comedian ...

    Non sono tutte buone, il libro scricchiola, certe volte vi spazientirete, ma ...continua

    Tibor Fischer è un geniale pazzoide che vi farà sbellicare!
    Il suo stile è un po' da One Man Show, da stand-up comedian ...

    Non sono tutte buone, il libro scricchiola, certe volte vi spazientirete, ma vi rimpinzerete di grandi verità, vi spancerete di irriverenza e battute fantastiche, gongolerete come lumache in calore!!!!

    ha scritto il 

  • 3

    L'idea è geniale. Un filosofo cialtrone, truffatore e amante della bella vita incontra un rapinatore menomato ma affamato di conoscenza, e i due si uniscono per rapinare banche allo scopo di riempirsi ...continua

    L'idea è geniale. Un filosofo cialtrone, truffatore e amante della bella vita incontra un rapinatore menomato ma affamato di conoscenza, e i due si uniscono per rapinare banche allo scopo di riempirsi le tasche e diffondere la zetetica (onorata branca della filosofia).
    Il libro è divertente, ma purtroppo spesso ripetitivo e i tentativi di risolvere alcune situazioni con un fraseggio mirabolante alla lunga stancano.
    Da leggere, ma difficilmente da rileggere.

    ha scritto il 

Ordina per