Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La genesi della specie

Urania 1536

Di

Editore: Mondadori (Urania)

3.7
(94)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 332 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000110286 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giuseppe Costigliola

Genere: Gay & Lesbian , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La genesi della specie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Chi è Ponter Boddit, e cosa vuole nel nostro universo? Non è questione di razzismo - benché Ponter sia piuttosto brutto e abbia tutta l'aria di un parvenu - ma di elementare evoluzionismo: quell'essere è un Neanderthal! Ora, tutti sanno che i Neanderthal hanno perso, che al gioco delle specie più evolute hanno subito il cappotto, venendo soppiantati dall'Homo sapiens. Ma forse gli uomini di Neanderthal hanno fatto fortuna altrove, forse abitano un mondo diverso e tuttavia reale da cui, a volte, si può ritornare. Se è così, Ponter Boddit, coltissimo scienziato Neanderthal, ha fatto semplicemente naufragio nella nostra poco ospitale realtà…
Ordina per
  • 4

    Primo volume della Trilogia dei Neanderthal.

    Interessante questa finzione di una Terra parallela dove l'Homo sapiens si è estinto ed il Neanderthal, da cranio di maggior volume, si è evoluto.
    Questa diversa realtà serve all'autore per ipotizzare un diverso possibile sviluppo della ci ...continua

    Primo volume della Trilogia dei Neanderthal.

    Interessante questa finzione di una Terra parallela dove l'Homo sapiens si è estinto ed il Neanderthal, da cranio di maggior volume, si è evoluto.
    Questa diversa realtà serve all'autore per ipotizzare un diverso possibile sviluppo della civiltà, in un mondo in cui gli umani rispettino la natura ed i loro simili e non abbiano superaffollato il pianeta.
    Ne segue di conseguenza un diverso stile di vita e diversi usi e tradizioni.
    Alcune cose ci danno effettivamente da riflettere, altre lasciano il tempo che trovano.

    ha scritto il 

  • 5

    Entusiasmante, un'idea notevole e ben sviluppata.
    Le realtà parallele sono sempre intriganti, e una terra popolata di Neanderthal, e in cui i sapiens si siano estinti, lo è in particolar modo.
    Come spesso accade, il primo è il migliore dei tre.

    ha scritto il 

  • 4

    Originale

    Romanzo originale, scorrevole, fantascienza tipica di Sawyer: uno dei più belli (meno di Processo Alieno, decisamente di più di FlashForward). Paradossi fisici, mondi paralleli, piccoli pretesti per parlare dell'uomo e la sua idiosincrasia verso il diverso.

    ha scritto il 

  • 4

    Sawyer si conferma come uno dei pochi scrittori di sf contemporanei in grado di convincere. Sarà che ho un'innata simpatia per i Canadesi... Questo romanzo è il primo di una saga sui Neandertaliani, incentrata sul concetto degli universi paralleli. Ricorrendo al personaggio di Ponter Boddit, scie ...continua

    Sawyer si conferma come uno dei pochi scrittori di sf contemporanei in grado di convincere. Sarà che ho un'innata simpatia per i Canadesi... Questo romanzo è il primo di una saga sui Neandertaliani, incentrata sul concetto degli universi paralleli. Ricorrendo al personaggio di Ponter Boddit, scienziato neandertaliano precipitato nel nostro universo grazie ad un megacomputer quantistico, Sawyer ha modo di criticare abbastanza radicalmente società e religione del nostro mondo di "Homo sapiens".

    ha scritto il 

  • 4

    Della trilogia di Neanderthal, e' l'unico veramente bello, vuoi per l'idea originale che per la fantasia dei mondi descritti. Purtroppo con gli altri due.... la solita minestra.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi sono chiesto cosa si potesse scrivere di nuovo su un tema, quello degli universi paralleli, ormai vecchio e consunto. Mi sono stupito ancor più del fatto si trattasse di una trilogia. In effetti niente di originale. Sawyer è come sempre piacevole da leggere ma la sua rilettura critica della no ...continua

    Mi sono chiesto cosa si potesse scrivere di nuovo su un tema, quello degli universi paralleli, ormai vecchio e consunto. Mi sono stupito ancor più del fatto si trattasse di una trilogia. In effetti niente di originale. Sawyer è come sempre piacevole da leggere ma la sua rilettura critica della nostra civiltà non basta a rendere il ciclo "essenziale" (il che poi non è gravissimo).

    ha scritto il 

  • 5

    http://forumtgmonline.futuregamer.it/showthread.php?t=198387

    Mi trovo un po' in difficoltà a parlarvi di questo romanzo.
    Ho riscritto e cancellato questa recensione piu' volte.

    L'ho letto, amato, riletto e ricordato perchè lo amavo.
    Mi piace da morire l'autore e lo conside ...continua

    http://forumtgmonline.futuregamer.it/showthread.php?t=198387

    Mi trovo un po' in difficoltà a parlarvi di questo romanzo.
    Ho riscritto e cancellato questa recensione piu' volte.

    L'ho letto, amato, riletto e ricordato perchè lo amavo.
    Mi piace da morire l'autore e lo considero il miglior scrittore vivente di sci-fi. ( opinabile quanto volete, ma ognuno ha i suoi "eroi" no? )

    Mi piacerebbe farvi arrivare quanto m'è piaciuto, quanto a distanza di 5 anni dalla prima lettura abbia conservato su di me il suo fascino praticamente integro, quanto mi sia goduto, lentamente, ma allo stesso tempo con ingordigia, ogni singola riga di questo ..bho...trattato culturale di scambio e confronto tra due razze molto simili ma anche indirizzate a futuri cosi' opposti?

    Mi piacerebbe tutto cio' ..ma contemporaneamente non generarvi quelle aspettative spesso dannose per la godibilità di un romanzo alla fine di evasione, leggero... che pero' non potrà mancare di stimolare la vostra fantasia.

    Due Terra collasseranno, un uomo di neanderthal arriverà sulla nostra e questa è la storia di come l'uomo sapiens si troverà di fronte a... ditemelo voi: leggetelo!

    Sawyer è geniale nelle sue trovate, dal calendario alle abitudini del quotidiano, dalla procreazione al cibo, dalla giurisprudenza di una società fondata su basi completamente opposte alle nostre a.. tutto il resto! Ha creato una Terra nuova (??) e ci costruisce sù una storia fatta alla fine solo da due personaggi! M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-O.

    Nessun colpo di scena, nessun espediente letterario ...solo genio!

    Quando la sci-fi è scritta cosi' bene non importa che non ci siano spade laser, astronavi, alieni, mondi sconosciuti, cyloni o asciugamani ...magari non aspettatevi eccessivi approfondimenti... e preparatevi una certa semplicità e linerità nel finale...ma in fondo è solamente il primo di tre...e non vedo l'ora di iniziare il 2°, tipo... adesso!

    GIUDIZIO FINALE
    PRO:
    + geniale, coerente.
    + questa è sci-fi signori miei!
    + una Terra nuova a 360°.

    CONTRO:
    - molto lineare e senza colpi di scena.

    grafica ( copertina ): ** ( devo dire brutta, ma almeno pertinente )
    giocabilità ( stile di scrittura ): ***** ( Sawyer ne sà )
    longevità ( storia vera e propria ): **** ( con poco... il massimo! )
    globale: *****/5

    Configurazione minima ( cosa ci somiglia ): ....ora non saprei.
    Configurazione consigliata ( dello stesso autore ): Killer on line, Avanti nel tempo, Il processo alieno, Apocalisse su Argo, I Transumani... non so' scegliere

    ha scritto il