Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La giocatrice di scacchi

Di

Editore: Einaudi

3.6
(146)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 119 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8806181742 | Isbn-13: 9788806181741 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Balmelli

Genere: Fiction & Literature , Romance

Ti piace La giocatrice di scacchi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A 42 anni, con due figli già grandi e un matrimonio ormai annegato nella noiadel quotidiano, Eleni non ha più grandi ambizioni per la sua vita. Lavorarecome cameriera ai piani in un albergo di Naxos, l'isola greca da cui non si èmai allontanata, le sembra un buon modo per concedersi un po' d'evasione: unosvolazzo di profumo sconosciuto o una frase rubata in qualche lingua stranierale bastano per sognare altre vite, altri luoghi, e per sentirsi dopotuttosoddisfatta. Poi, un giorno, l'imprevisto: rassettando in una stanza, siimbatte in una scacchiera in cui è in corso una partita, e per magia il giocodegli scacchi, che non aveva mai imparato, la cattura. Sarà l'inizio di unapassione clandestina che la porterà fuori dai binari della quotidianità,donandole una voglia di vivere del tutto nuova.
Ordina per
  • 3

    E' la storia di un riscatto dalla vita tutta uguale, non voluto ma arrivato per caso; Eleni, la protagonista vive su un’isola greca, luccicante di bianco e d’azzurro, fa la cameriera in un hotel e pulendo una camera un giorno si imbatte in una scacchiera con una partita aperta. Questo gioco la po ...continua

    E' la storia di un riscatto dalla vita tutta uguale, non voluto ma arrivato per caso; Eleni, la protagonista vive su un’isola greca, luccicante di bianco e d’azzurro, fa la cameriera in un hotel e pulendo una camera un giorno si imbatte in una scacchiera con una partita aperta. Questo gioco la porterà lontano, più di quanto lei stessa potesse pensare. Un libro semplice, che si fa leggere senza infamia né lode.

    ha scritto il 

  • 2

    Eau sauvage!

    “Venti camere, quaranta letti, ottanta teli da bagno bianchi, posacenere da vuotare in numero variabile”. Sono queste le incombenze di una quarantaduenne, senza alcuna brillantezza particolare, che passa le sue mattine assolvendo i soliti compiti di cameriera in un albergo, fino a quando la sua a ...continua

    “Venti camere, quaranta letti, ottanta teli da bagno bianchi, posacenere da vuotare in numero variabile”. Sono queste le incombenze di una quarantaduenne, senza alcuna brillantezza particolare, che passa le sue mattine assolvendo i soliti compiti di cameriera in un albergo, fino a quando la sua attenzione non viene catturata da una scacchiera, da una partita interrotta e da un piccolo pedone nero che accende la sua fantasia. Questa strana attrazione per gli scacchi, quella sensazione di sprofondare in un altro mondo, diventa così un’evasione clandestina, uno scampolo di vita esclusivamente suo. Una passione che appare però incongrua per gli abitanti dell’isoletta di Naxos nel mar Egeo, tanto che, per questa originalità, Eleni paga il prezzo della messa al bando, “punizione prevista dalla comunità per non essersi piegata alle sue regole tacite”.

    Anche il romanzo, a mio avviso, non presenta brillantezza particolare, proprio come la vita della protagonista. Forse l’aspetto più interessante è rappresentato dalla metafora della vita che il gioco degli scacchi esprime. I pezzi del gioco degli scacchi descrivono bene, infatti, la battaglia di Eleni per affermare le sue aspirazioni. Eleni, proprio come un pedone, “ha l’aria inutile”, eppure non si sacrificherà per avere l’approvazione della comunità (o per evitare di distruggere il suo matrimonio), ma sbarrerà la strada al Re in fuga. Con la sua avanzata inesorabile, senza rinunciare alle proprie aspirazioni, riuscirà a trasformarsi in Regina e ad ottenere la propria vittoria, rivelandosi “il pezzo più temibile, riuscendo a dominare la partita con le sue veloci avanzate e molteplici capacità.”

    Ecco, forse, “quest’idea sovversiva”, insita nel gioco degli scacchi, rappresenta bene l’insurrezione di Eleni, una donna apparentemente di non grande interesse, il cui percorso (proprio come quello di un pedone) era “semplice, sempre uguale, poco grintoso”.

    ha scritto il 

  • 4

    La giocatrice di scacchi – Bertina Henrichs

    Una piccola e suggestiva isola greca, Naxos, e un grande scandalo…anzi gigantesco visto che la protagonista è una donna!!! La sua colpa???…si è innamorata di una scacchiera! Pensate un po’…
    Eh si perché a Naxos il tempo scorre lento e la vita si ripete giorno dopo giorno in un incessante routine ...continua

    Una piccola e suggestiva isola greca, Naxos, e un grande scandalo…anzi gigantesco visto che la protagonista è una donna!!! La sua colpa???…si è innamorata di una scacchiera! Pensate un po’… Eh si perché a Naxos il tempo scorre lento e la vita si ripete giorno dopo giorno in un incessante routine, un posto dove tutti conoscono tutti e tutti sanno di tut ti, dove non puoi permetterti neanche di fare una sorpresa a tuo marito il giorno del suo compleanno, perché tanto lui lo verrebbe a sapere prima ancora che tu l’abbia pensato… Ebbene in questo anonimo scenario, Eleni pensa bene di dare un calcio alla sua monotonia e di provare il brivido dentro di una passione… Eh no cara Eleni… certe cose, in certi luoghi, non sono consentite…dovresti saperlo, no?! A me non sembra poi così strano tutto questo… e non perché non lo sia ma perché certe cose apparentemente normali in alcuni posti diventano assolutamente A-normali!!!!

    ha scritto il