Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La gita di mezzanotte

Di

Editore: Salani

3.5
(119)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 158 | Formato: eBook

Isbn-10: 8862569777 | Isbn-13: 9788862569774 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessandro Peroni

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La gita di mezzanotte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La nonna è all'ospedale. Mary, sua nipote, le vuole molto bene, ma è dura per lei andarla a trovare. Durante le visite la nonna dorme quasi sempre e Mary sa che la sua vita è prossima alla fine. Un giorno, tornando da scuola, Mary incontra una donna misteriosa, dall'immagine sfuggente. Si chiama Tansey e aiuterà Mary ad accettare l'inevitabile, accompagnando lei, la madre e la nonna in un'ultima, gloriosa, avventura di mezzanotte. Dopo "Il trattamento Ridarelli" e "Paddy Clarke ab ah ah!", un romanzo che attraversa le barriere del tempo e racconta la vita e la morte in ogni loro aspetto più profondo: ora ironico, ora strano, ora... naturale. E lo fa con un garbo e una freschezza unici, nei dialoghi perfetti, sfiorando il fantastico, attraverso gli occhi di una ragazza che sta diventando donna. Un libro commovente, dal sapore agrodolce, che ha per protagoniste quattro generazioni di donne: una celebrazione dell'amore e della perpetuazione degli affetti familiari nel momento dell'addio, alla scoperta di quel bambino che rimane per sempre in tutti noi, non importa se sul nostro volto sono già comparse le prime rughe. Età di lettura: da 9 anni.

Ordina per
  • 4

    sì, "solo" un libro per bambini. Delicato, ironico, scritto bene, commovente senza esser sdolcinato. Facile da leggere, non facile da scrivere, immagino.
    Come una favola, anche per grandi, per una serata di conforto

    ha scritto il 

  • 3

    Un bel racconto...

    La storia in sè è abbastanza bella, peccato per il linguaggio povero e per la continua ripetizione della parola "insolente", di cui l'autore (o il traduttore?) abusa!

    ha scritto il 

  • 2

    Roddy Doyle dovrebbe scrivere o libri per adulti o libri per bambini (che poi leggono pure gli adulti ma è un altro discorso ;-)). Le vie di mezzo gli vengono proprio male.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo qualcosa di diverso da questo libro. Ero ansioso di considerare il modo in cui l'autore è riuscito a trattare il tema della morte con delicatezza. Purtroppo, credo che lo abbia fatto senza osare, senza aggiungere nulla di nuovo e soprattutto nulla di significativo. Un dramma familiar ...continua

    Mi aspettavo qualcosa di diverso da questo libro. Ero ansioso di considerare il modo in cui l'autore è riuscito a trattare il tema della morte con delicatezza. Purtroppo, credo che lo abbia fatto senza osare, senza aggiungere nulla di nuovo e soprattutto nulla di significativo. Un dramma familiare che tocca il cuore, ma non lascia molto, alla fin fine. Peccato!

    ha scritto il