La grande foresta

Strider

Di

Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform (Strider saga)

3.7
(7)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 340 | Formato: Paperback

Isbn-10: 1491230479 | Isbn-13: 9781491230473 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Illustratore o Matitista: Ivan Calcaterra ; Colorista: Giuseppe Di Dio ; Revisore: Sara Rizzo

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Adolescenti

Ti piace La grande foresta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un tempo vi fu una guerra terribile, un conflitto tra gli uomini… e qualcos’altro. La storia stessa è un susseguirsi d’invasioni e soprusi, ma nessuno era preparato ad affrontare ciò che uscì dalla nebbia che un giorno avvolse il Nord. Da quel momento qualcosa cambiò per sempre, nel mondo e nelle persone. Ma per due ragazzini di quello che potrebbe essere l’ultimo villaggio esistente, la Nebbia Nera ed i guerrieri conosciuti come Strider sono solo vecchie storie… fino a quando un orfano senza alcuna memoria del proprio passato sconvolge le loro vite, perché la Progenie non è solo un ricordo e la guerra… forse non è mai davvero finita.

Nuova edizione del primo episodio della saga fantasy scritta e ideata da Andrea Grassi, ora arricchita dalle illustrazioni inedite di Ivan Calcaterra.
Ordina per
  • 3

    Inizio davvero promettente!

    Se c'è una cosa che questo romanzo mi ha fatto capire, è che devo tornare a dedicarmi di più al genere Fantasy. In questo primo capitolo della saga ho trovato l'avventura e le emozioni che solo mostri ...continua

    Se c'è una cosa che questo romanzo mi ha fatto capire, è che devo tornare a dedicarmi di più al genere Fantasy. In questo primo capitolo della saga ho trovato l'avventura e le emozioni che solo mostri e combattimenti sanno regalarmi, ma che per qualche motivo negli ultimi tempi ho un po' abbandonato. Sono quindi felicissima di essere finalmente riuscita a leggere La Grande Foresta, perché è una storia oserei dire unica, che dopo un inizio un po' faticoso è riuscita ad appassionarmi moltissimo. I primi capitoli, come dicevo, mi avevano lasciata un po' spaesata, ci ho messo un po' a ingranare e a mettere tutti i tasselli al posto giusto, forse perché l'autore ci getta fin da subito in pasto a questo bizzarro mondo un po' Fantasy e un po' post apocalittico, difficile da inquadrare. Superata la parte iniziale mi sono subito affezionata ai personaggi e, sempre più incuriosita dalla trama e dalla voglia di scoprirne di più su questa Grande Foresta e sui misteriosi Strider, cacciatori di mostri, ho divorato il romanzo in un weekend, riuscendo a fatica a staccarmi dalle pagine. Parlando dei personaggi, l'autore è stato particolarmente bravo a caratterizzare i nostri giovani eroi, Nora, Ian ed Elana. Dare voce a dei protagonisti adolescenti non è facile per un adulto, c'è sempre il rischio di renderli poco reali o troppo maturi, cosa che in questo caso non è successa e che ho apprezzato molto. Ammetto di essere rimasta particolarmente incuriosita da Ian, e dal suo carattere scontroso e avventato, sono sicura che lui e Nora avranno modo di essere sviluppati ancora meglio nei successivi volumi della saga.

    Nora fece il primo passo verso l’età adulta rendendosi conto del fatto che la questione della responsabilità era davvero fastidiosa: si trattava alla fin fine di scegliere una cosa, di pagare il prezzo del non aver scelto l’altra. In pratica, una fregatura.

    La mia impressione generale su questo primo capitolo è buona, come avrete capito. Mi sono trovata davanti ad una trama originale e ben intrecciata, e ad un'ambientazione davvero degna di nota: La Grande Foresta. Un luogo misterioso e irto di pericoli, ma anche affascinante. I popoli che la abitano mi hanno davvero colpita, mi sono divertita molto a scoprire le tradizioni di queste oscure tribù e, ripensandoci, credo che la mia parte preferita del romanzo sia proprio quella ambientata nella Foresta, così vivida e ben descritta da essere facilmente immaginata e respirata. Immergersi nelle pagine di Strider è come tuffarsi nella mente dell'autore, con il suo stile è riuscito a mostrarmi, letteralmente, ciò che stava succedendo nella sua testa. Una nota di merito va anche all'illustratore, che ha realizzato la copertina e le splendide tavole che arricchiscono le pagine, dandogli davvero una marcia in più. Nonostante i piccoli difetti non manchino - come le troppe parole scritte in corsivo o le frasi in dialetto inserite nei discorsi, che personalmente non apprezzo mai nei romanzi - posso dire che secondo me questa storia ha un grande potenziale, che spero di vedere sfruttato al massimo nei seguenti capitoli della saga.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo avvincente, ambientato in uno strano mondo a metà tra un futuro post apocalittico ed un universo parallelo, dove uno sparuto gruppo di sopravvissuti deve farsi strada in mezzo a pericoli e ...continua

    Un romanzo avvincente, ambientato in uno strano mondo a metà tra un futuro post apocalittico ed un universo parallelo, dove uno sparuto gruppo di sopravvissuti deve farsi strada in mezzo a pericoli e mostri per avvisare l'impero della grave e misteriosa minaccia che incombe sull'intera umanità.
    Questo libro mi ha letteralmente tenuto sveglio la notte per leggerlo; dovendo trovare dei difetti direi che l'editing potrebbe essere migliorato, ma è decisamente ad un buon livello se si considera che è un libro autoprodotto.
    L'altro difetto? La storia non finisce, ma se il secondo capitolo si rivelerà all'altezza del primo di sicuro non deluderà, regalando fantastiche ore di lettura a metà del costo di un film al cinema.

    ha scritto il