Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La granja

By

Publisher: Punto de Lectura

3.6
(1282)

Language:Español | Number of Pages: 496 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , French , Swedish , German , Dutch , Norwegian , Hungarian , Portuguese

Isbn-10: 8466305920 | Isbn-13: 9788466305921 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Do you like La granja ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A story inspired by Grisham's own childhood in rural Arkansas. Seven-year old Luke Chandler lives in a little house in the cotton fields which his family farms. When the cotton is ready for harvesting, the family hires workers to help. Luke sees and hears things which are keeps to himself and unfortunately these secrets threaten the crop.

Description in Spanish:

"&¿Quién piensa en abogados? Grisham no, desde luego, al menos en esta cautivadora novela. Aquí, en lugar de abogados, encontramos sufridos granjeros, jornaleros miserables y un niño que va creciendo a lo largo de un libro tan rico en incidentes y conflictos como es habitual en Grisham, y más dotado de matices que nunca... Unos personajes inolvidables, un estilo más limpio y poderoso que en ninguna novela anterior, y una impresionante evocación de un tiempo y de un lugar que convierten esta historia en un clásico americano."& Publisher'&s Weekly

Sorting by
  • 3

    Tre stelle e mezzo, un buon libro

    LA CASA DIPINTA narra una storia piuttosto diversa dal solito filone di Grisham, in realtà.


    Tutto si svolge nell'Arkansas degli anni '50, tra piantagioni di cotone e le case di legno. Le vicende riguardano in particolare una famiglia e i suoi componenti (nonni, padre, madre e figlioletto) ...continue

    LA CASA DIPINTA narra una storia piuttosto diversa dal solito filone di Grisham, in realtà.

    Tutto si svolge nell'Arkansas degli anni '50, tra piantagioni di cotone e le case di legno. Le vicende riguardano in particolare una famiglia e i suoi componenti (nonni, padre, madre e figlioletto) alle prese con la raccolta del cotone, aiutati da montanari e messicani giunti in zona come lavoratori stagionali.

    Il lettore segue la storia attraverso gli occhi del piccolo Luke, che a soli 7 anni già aiuta la famiglia nella piantagione, venendo anche giustamente remunerato come ogni altro bracciante. Luke non ha il televisore in casa, ma alla radio segue le partite di baseball dei Cardinals e sogna di mettere da parte i soldi per comperare una giacca della sua squadra del cuore.

    La vita di questo bambinetto sveglio e intelligente viene però sconvolta da una serie di eventi (da quelli naturali come un'inondazione, a quelli umani come le morti o le nascite) che lo faranno davvere crescere, anche troppo in fretta, tra segreti da conservare e desideri da realizzare.

    Un libro che si legge con calma, questo. O almeno è così che l'ho letto io: un pò alla volta, senza avere l'ansia di arrivare presto alla fine, ma assaporando le atmosfere di quel tempo e soprattutto di quel mondo che è così lontano dalla nostra realtà.

    Sussulti veri e propri ce ne sono pochi per il lettore, ma anche questo può essere apprezzabile se si accetta il fatto che non si tratta di un thriller.

    L'autore è stato bravo a rendere la visione propria di un bambino, pur se già abbastanza maturo rispetto a tanti suoi coetanei. Le sue sensazioni, i suoi timori, le sue speranze.

    E il titolo del romanzo acquista un senso leggendolo. Non voglio svelare nulla a riguardo perchè è un particolare che a me è piaciuto capire arrivandoci pagina dopo pagina.

    said on 

  • 4

    Grisham? Dimenticate tribunali, colpi di scena e ciò a cui ci ha abituato. In questo libro la trama, piuttosto leggerina, è solo un contorno.
    Il piatto forte è l'ambientazione, tutte le descrizioni di come si viveva negli anni '50 nel sud degli Stati Uniti.

    said on 

  • 4

    Luke, un bambino cresciuto in mezzo ai campi di cotone, che all'improvviso si ritrova a dover conservare tanti segreti molto più grandi di lui. La quotidianità insieme ai suoi genitori, ai nonni, ai messicani e ai montanari.


    Non è un libro geniale, però è molto ben scritto e non annoia per ...continue

    Luke, un bambino cresciuto in mezzo ai campi di cotone, che all'improvviso si ritrova a dover conservare tanti segreti molto più grandi di lui. La quotidianità insieme ai suoi genitori, ai nonni, ai messicani e ai montanari.

    Non è un libro geniale, però è molto ben scritto e non annoia per niente.

    said on 

  • 0

    incipit

    I braccianti delle montagne e i messicani arrivarono lo stesso giorno ...

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/c/la-casa-dipinta-john-grisham/

    said on 

  • 4

    Libro insolito per Grisham, così lontano dal mondo degli avvocati dalle parcelle esorbitanti degli altri libri.
    Tuttavia, per chi volesse fare un salto in un'America più vicina agli scenari nostrani, fatta di famiglie unite di lavoratori, di persone timorate di Dio ma al contempo di abiezio ...continue

    Libro insolito per Grisham, così lontano dal mondo degli avvocati dalle parcelle esorbitanti degli altri libri.
    Tuttavia, per chi volesse fare un salto in un'America più vicina agli scenari nostrani, fatta di famiglie unite di lavoratori, di persone timorate di Dio ma al contempo di abiezioni insospettate, della voglia di difendere la propria terra ma anche di fuggire da essa, verso le fabbriche di automobili del Nord, verso la paga facile, verso un mondo in cui le case sono dipinte... beh allora questo libro è da leggere.

    said on 

  • 3

    Uno spaccato della vita rurale americana degli anni '50. Che dire, non è certo un capolavoro, ma la trama riesce a interessare e la lettura scorre piacevole fino alla fine.

    said on 

  • 4

    Manca the end

    Si stacca dal suo solito genere, per incantarci con una storia di 50 / 60 anni fa ..( e per altro ancora molto reale in alcuni posti). Il libro mi ricorda parecchio la mia vita da piccolo.. Si vede che il mestiere del contadino si é evoluto poco con il tempo e le criticità sono rimaste le stesse ...continue

    Si stacca dal suo solito genere, per incantarci con una storia di 50 / 60 anni fa ..( e per altro ancora molto reale in alcuni posti). Il libro mi ricorda parecchio la mia vita da piccolo.. Si vede che il mestiere del contadino si é evoluto poco con il tempo e le criticità sono rimaste le stesse di un secolo fa..
    Il suo modo di scrivere come al solito incanta il lettore facendoci desiderare tutto ció che il protagonista possiede fosse pure un vecchio e scassato pick-up o una vita fatta di fatica e sudore mettendoci sempre in mostra il bello che c'è nella vita
    L'unica critica vera la muovo verso "la fine" in quanto il libro non ha una fine vera e propria. In un certo senso grisham dopo averci raccontato una storia ci lascia liberi di immaginarci la fine come di più ci aggrata.

    said on