La guerra che non si può vincere

! SCHEDA DOPPIA!

Voto medio di 122
| 21 contributi totali di cui 19 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Scheda doppia da non aggiungere alla propria libreria.
Quella corretta è
http://www.anobii.com/books/La_guerra_che_non_si_pu%C3%B2_vincere/9788804537823/0118e0a539f0643b24/
Ha scritto il 13/11/17
Frasi dal libro
“Rumore. E’ questa la prima parola che mi viene in mente quando penso agli ultimi dieci anni. Rumore, tanto rumore. Spari e urla, parole infuocate e gemiti, esplosioni, manifestazioni, e un’infinità di frasi fatte, collegamenti in diretta col luogo d ...Continua
Ha scritto il 01/05/15
Questa volta bisogna
Il terzo diritto del lettore è il diritto di non finire il libro.
Duecento pagine nelle quali non si parla di altro se non di illusioni, speranze sistematicamente calpestate, atrocità e ottusità, soprusi, paura, morte, sangue, esplosioni, indiffe
...Continua
Ha scritto il 19/01/14
Sono passati più di 10 anni, nulla è cambiato. Solo il muro è diventato lungo una mostruosa infinità di chilometri.
Analisi lucidissime di un israeliano laico e progressista.

Nel 2006 ha perso un figlio soldato

http://www.rep
...Continua
Ha scritto il 17/09/12
SPOILER ALERT
Non ci siamo e non ci siamo.
Per quanto adori il Grossman romanziere, non riesco a non criticare il Grossman saggista, in quanto abbiamo punti di vista troppo differenti.
Troppe contraddizioni emergono in questo libro (come il deprecare chi d
...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 22/07/11
Nove anni di conflitto israelo-palestinese raccontati da Grossman con articoli pubblicati su alcuni dei più importanti quotidiani europei. Accordi di Oslo del '93, l'asssassinio di Rabin, i risultati disastrosi della politica di Sharon e del Likud e ...Continua

Ha scritto il May 19, 2011, 16:19
30.luglio. 1997, due attentati coordinati compiuti da kamikaze al mercato di mahane yehuda a Gerusalemme hanno provocato sedici morti e centottanta feriti.
Pag. 45
Ha scritto il Jul 16, 2009, 07:42
"Partoriscono a cavallo di una tomba" ha scritto Samuel Beckett in Aspettando Godot...noi tutti, israeliani e palestinesi, siamo nati nella guerra e la nostra identità si forma, in non poca misura, sull'ostlità, la paura, la sopravvivenza, la morte.
Pag. 126

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi