La guerra dei codici

Spie e linguaggi cifrati nela seconda guerra mondiale

Di

Editore: Garzanti (Saggi)

3.9
(38)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 633 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8811740053 | Isbn-13: 9788811740056 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Sergio Minucci

Disponibile anche come: Altri

Genere: Computer & Tecnologia , Storia , Non-narrativa

Ti piace La guerra dei codici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il libro è una completa ricostruzione delle attività dei servizi di spionaggioe controspionaggio nel corso della Seconda guerra mondiale. Daglistudi di Budiansky su un patrimonio di documenti (circa un milione di pagine)resi pubblici nel corso degli ultimi cinque anni dalla marina britannica,emerge per la prima volta il quadro completo di uno degli aspetti piùaffascinanti e misteriosi del conflitto. La ricostruzione storica è arricchitada mappe, diagrammi e immagini e offre una serie di considerazioni di notevoleinteresse sui rapporti tra i comandi militari e i vertici politici da un latoe i servizi di spionaggio e controspionaggio dall'altro.
Ordina per
  • 5

    Come un romanzo

    Non ho un particolare interesse per la Matematica e non ho studi scientifici alle spalle, ma da sempre sono affascinata da tutto quanto riguarda la Seconda Guerra Mondiale. Ecco perché questo libro è ...continua

    Non ho un particolare interesse per la Matematica e non ho studi scientifici alle spalle, ma da sempre sono affascinata da tutto quanto riguarda la Seconda Guerra Mondiale. Ecco perché questo libro è finito tra i miei scaffali. Si tratta di una ricostruzione delle attività dei servizi di spionaggio e di controspionaggio nel corso della Seconda Guerra Mondiale, da cui emerge un quadro completo di uno degli aspetti più affascinanti e misteriosi del conflitto.
    Molto interessante la parte dedicata a Enigma, la complessa macchina messa a punto dai tedeschi per criptare le proprie comunicazioni. Gli Alleati riuscirono faticosamente a decrittare i messaggi tedeschi, grazie a un po’ di fortuna e molta applicazione, ma anche grazie al genio di Alan Turing (il matematico inglese che nell’occasione costruì i primi computer) e a Ian Fleming, che con alcune trovate degne di un romanzo di James Bond riuscì a recuperare preziosi documenti dei nazisti.
    Sul fronte del Pacifico, invece, l’oscuro eroe fu un ufficiale della marina americana, Joseph J. Rochefort: da una buia cantina a Pearl Harbor diresse l’operazione che portò ad intercettare e decifrare una serie di messaggi giapponesi, che si rivelarono decisivi nella vittoria della Battaglia delle Midway.
    Numerosi sono gli episodi raccontati da Budiansky in questa ricostruzione (con tanto di diagrammi, immagini, mappe), che si legge davvero come un romanzo ed è accessibile anche da chi non ha specifiche preparazioni tecniche, come me.
    Bellissimo!

    ”Per essere un crittoanalista non è necessario essere pazzi. Ma aiuta”
    (Joseph Rochefort)

    ha scritto il 

  • 3

    E' meno tenico di quello che mi aspettavo.
    Capisco che questo avrebbe ridotto notevolmente il pubblico di questo libro, ma speravo che in tante pagine ci fossero spiegazioni più dettagliate di come fu ...continua

    E' meno tenico di quello che mi aspettavo.
    Capisco che questo avrebbe ridotto notevolmente il pubblico di questo libro, ma speravo che in tante pagine ci fossero spiegazioni più dettagliate di come funzionavano i meccanismi di crittanalisi.

    Inoltre ho l'impressione che molti fatti raccontati non aggiungano nulla alla completezza del discorso e Budiansky li abbia riportati solo perché ha letto veramente tanta documentazione e gli sembrava uno sperco non citare qualcosa che gli era costata fatica.

    Detto ciò è un libro molto completo per chi vuole sapere come è andata veramente la storia delle macchine cifranti nella Seconda Guerra Mondiale.

    ha scritto il 

  • 4

    Sarebbero cinque stellette, senonché la traduzione è scandalosa e fuorviante (l'esempio più grave è il continuo riferimento all'impiego di "missili", che - a parte qualche ordigno sperimentale, come l ...continua

    Sarebbero cinque stellette, senonché la traduzione è scandalosa e fuorviante (l'esempio più grave è il continuo riferimento all'impiego di "missili", che - a parte qualche ordigno sperimentale, come le V1 e V2 - a quell'epoca non c'erano proprio). Leggetelo in lingua originale, se vi è possibile.

    ha scritto il 

  • 0

    Il libro è una ricostruzione delle attività dei servizi di spionaggio e controspionaggio nel corso della Seconda guerra mondiale. Dagli studi di Budiansky su un patrimonio di documenti (circa un milio ...continua

    Il libro è una ricostruzione delle attività dei servizi di spionaggio e controspionaggio nel corso della Seconda guerra mondiale. Dagli studi di Budiansky su un patrimonio di documenti (circa un milione di pagine) resi pubblici nel corso degli ultimi cinque anni dalla marina britannica, emerge per la prima volta il quadro completo di uno degli aspetti più affascinanti e misteriosi del conflitto. La ricostruzione storica è arricchita da mappe, diagrammi e immagini e offre una serie di considerazioni di notevole interesse sui rapporti tra i comandi militari e i vertici politici da un lato e i servizi di spionaggio e controspionaggio dall'altro.

    ha scritto il