La insoportable levedad del ser

By

Publisher: Tusquets

4.2
(18786)

Language: Español | Number of Pages: 316 | Format: Others | In other languages: (other languages) Chi traditional , English , Chi simplified , French , German , Italian , Portuguese , Swedish , Dutch , Catalan , Finnish , Polish , Turkish , Basque , Hungarian , Norwegian , Greek

Isbn-10: A000045358 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like La insoportable levedad del ser ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 0

    ..LEGGERO rimorso

    un libro che VOLEVO leggere sin dalla sua uscita..ma non è mai successo
    sarebbe stato meglio leggerlo allora per evitare A POSTERIORI brutte figure ( soprattutto con me stesso ). La definizione di KIT ...continue

    un libro che VOLEVO leggere sin dalla sua uscita..ma non è mai successo
    sarebbe stato meglio leggerlo allora per evitare A POSTERIORI brutte figure ( soprattutto con me stesso ). La definizione di KITSCH è da dizionario

    said on 

  • 4

    Quando è uscito questo romanzo, il chiasso che se ne fece, incluso l'uso televisivo della banda Arbore, fece sì che decisi di non leggerlo. Del resto, io conoscevo bene Kundera, avendo letto e apprezz ...continue

    Quando è uscito questo romanzo, il chiasso che se ne fece, incluso l'uso televisivo della banda Arbore, fece sì che decisi di non leggerlo. Del resto, io conoscevo bene Kundera, avendo letto e apprezzato in gioventù quel capolavoro che è "Lo scherzo", quando praticamente nessuno in Italia sapesse chi fosse l'autore. Insomma, con un po' di snobismo ho deciso di distinguermi dalla massa.
    Direi che ho fatto male, ma ora ho recuperato.
    Per alcuni aspetti questo romanzo filosofico è perfino superiore a Lo scherzo, anche se alcune cose sono forse troppo bizzarre. Ma, davvero , è una lettura che va fatta ed è un gran libro, con la sua capacità di giocare sui due piani intrecciati della riflessione e della narrazione, una specie di romanzo non romanzo, e con l'abilità di essere assieme un romanzo politico e sentimentale.

    said on 

  • 5

    Eternal return

    The idea of eternal return is a mysterious one, and Nietzsche has often perplexed other philosophers with it: to think that everything recurs as we once experienced it, and that the recurrence itself ...continue

    The idea of eternal return is a mysterious one, and Nietzsche has often perplexed other philosophers with it: to think that everything recurs as we once experienced it, and that the recurrence itself recurs ad infinitum! What does this mad myth signify?

    Putting it negatively, the myth of eternal return states that a life which disappears once and for all, which does not return, is like a shadow, without weight, dead in advance, and whether it was horrible, beautiful, or sublime, its horror, sublimity, and beauty mean nothing. We need take no more note of it than of a war between two African kingdoms in the fourteenth century, a war that altered nothing in the destiny of the world, even if a hundred thousand blacks perished in excruciating torment.

    Will the war between two African kingdoms in the fourteenth century itself be altered if it recurs again and again, in eternal return?

    It will: it will become a solid mass, permanently protuberant, its inanity irreparable.

    If the French Revolution were to recur eternally, French historians would be less proud of Robespierre. But because they deal with something that will not return, the bloody years of the Revolution have turned into mere words, theories, and discussions, have become lighter than feathers, frightening no one. There is an infinite difference between a Robespierre who occurs only once in history and a Robespierre who eternally re­turns, chopping off French heads.

    Let us therefore agree that the idea of eternal return im­plies a perspective from which things appear other than as we know them: they appear without the mitigating circumstance of their transitory nature. This mitigating circumstance prevents us from coming to a verdict. For how can we condemn some­thing that is ephemeral, in transit? In the sunset of dissolution, everything is illuminated by the aura of nostalgia, even the guillotine.

    Not long ago, I caught myself experiencing a most incred­ible sensation. Leafing through a book on Hitler, I was touched by some of his portraits: they reminded me of my childhood. I grew up during the war; several members of my family perished in Hitler's concentration camps; but what were their deaths compared with the memories of a lost period in my life, a period that would never return?

    This reconciliation with Hitler reveals the profound moral perversity of a world that rests essentially on the nonexistence of return, for in this world everything is pardoned in advance and therefore everything cynically permitted.

    If every second of our lives recurs an infinite number of times, we are nailed to eternity as Jesus Christ was nailed to the cross. It is a terrifying prospect. In the world of eternal return the weight of unbearable responsibility lies heavy on every move we make. That is why Nietzsche called the idea of eternal return the heaviest of burdens (das schwerste Gewicht).

    If eternal return is the heaviest of burdens, then our lives can stand out against it in all their splendid lightness.

    But is heaviness truly deplorable and lightness splendid?

    The heaviest of burdens crushes us, we sink beneath it, it pins us to the ground. But in the love poetry of every age, the woman longs to be weighed down by the man's body. The heaviest of burdens is therefore simultaneously an image of life's most intense fulfillment. The heavier the burden, the closer our lives come to the earth, the more real and truthful they become.

    Conversely, the absolute absence of a burden causes man to be lighter than air, to soar into the heights, take leave of the earth and his earthly being, and become only half real, his movements as free as they are insignificant.

    What then shall we choose? Weight or lightness?

    Parmenides posed this very question in the sixth century before Christ. He saw the world divided into pairs of opposites: light/darkness, fineness/coarseness, warmth/cold, being/non­ being. One half of the opposition he called positive (light, fine­ ness, warmth, being), the other negative. We might find this division into positive and negative poles childishly simple except for one difficulty: which one is positive, weight or light­ness?

    Parmenides responded: lightness is positive, weight negative.

    Was he correct or not? That is the question. The only certainty is: the lightness/weight opposition is the most mysteri­ous, most ambiguous of all.

    said on 

  • 1

    Un romanzo è un romanzo, non un saggio. Leggo il romanzo per conoscere la storia dei personaggi e, da essa, arrivare alle mie conclusioni.
    L'insostenibile leggerezza dell'essere non è un romanzo, ma u ...continue

    Un romanzo è un romanzo, non un saggio. Leggo il romanzo per conoscere la storia dei personaggi e, da essa, arrivare alle mie conclusioni.
    L'insostenibile leggerezza dell'essere non è un romanzo, ma un saggio infarcito di fatti legati a personaggi che quasi per caso coesistono. Tali personaggi non hanno un loro ethos, un loro realismo. Sono finti, nient'altro che l'ombra di ciò che dovrebbe essere un personaggio - specie uno a tutto tondo. Vengono piegati alla tesi che Kundera, attraverso di loro, vuole dimostrare e quasi non sembrano avere una sfera emotiva. Le situazioni passano loro addosso. Pur di esporre la maledetta tesi legata alla situazione, ciò che il personaggio dovrebbe provare è irrilevante e così l'effetto sulla sua personalità, i suoi atteggiamenti, le sue reazioni. Il più vero, qui dentro, è Karenin e nemmeno la sua morte mi ha commosso più di tanto.

    said on 

  • 5

    Obra de arte excepcional

    ¡qué manera de narrar! de enlazar historias de diferentes personajes, de ir apareciendo información de vez en cuando, de mostrarnos a Checoslovaquia y la guerra en su lugar. Crítica al comunismo del m ...continue

    ¡qué manera de narrar! de enlazar historias de diferentes personajes, de ir apareciendo información de vez en cuando, de mostrarnos a Checoslovaquia y la guerra en su lugar. Crítica al comunismo del momento.
    Tres personajes muy importante: Tomas, Sabina, Teresa. A mí en este orden.
    Toque de erotismo y de infidelidades reconocidas, "normales", celos variados. Un perro que es un enlace entre el matrimonio y que parece muy humano.
    Una persona puede ser pesada o ligera, dependiendo de su conciencia de culpabilidad...
    Léelo si no lo leiste desde que fue publicado en el 1984.

    said on 

  • 4

    [novembre 2015 - seconda lettura]

    Solitamente una seconda lettura dovrebbe servire a capire meglio un libro, ad andare un passo oltre ciò che si trova in superficie - quella che comunemente riassumiam ...continue

    [novembre 2015 - seconda lettura]

    Solitamente una seconda lettura dovrebbe servire a capire meglio un libro, ad andare un passo oltre ciò che si trova in superficie - quella che comunemente riassumiamo con il nome di trama - e arrivare un po' più vicini - ma mai sicuramente tanto vicini per toccarla - all'idea che lo scrittore ha messo alla base di quel suo particolare libro. Con la rilettura di questo Kundera è stato esattamente l'opposto.

    Quando quasi tre anni fa l'ho letto per la prima volta ero rimasto molto sorpreso dall'impianto stilistico che avevo trovato nel libro, mi pareva quasi di non aver mai trovato in un testo un tale incastro fra i pensieri dello scrittore e una trama che, per quanto piegata al ragionamento portato avanti dall'autore stesso, riusciva a fungere da spiegazione e da prova reale della loro validità. Mi era piaciuto, e non poco, anche per la sua musicalità e il suo scorrere, e forse la cosa era dovuta anche al particolare periodo che stavo affrontando. Quando l'ho riposto sullo scaffale mi ero detto che un'altra lettura sicuramente mi avrebbe portato a riconsiderare alcune cose e a valutarne meglio, passato il momento, delle altre. Poi me lo sono dimenticato: non ricordavo più neanche la trama, solo un quadro molto confuso di pensieri e di vicende.

    Questa seconda volta è stato molto diverso. Mi sono ritrovato più volte a chiedermi cosa Kundera volesse dire nel suo libro - e questa è una cosa sempre positiva: un libro di questo genere che non ti fa porre domande forse non è un libro del tutto riuscito. Il problema nasce quando queste domande cominciano a diventare troppe, e inizia a sembrarti che neppure l'autore avesse chiara l'idea di fondo di questo suo libro. "L'insostenibile leggerezza dell'essere" è un libro troppo espanso, troppo diluito, troppo dirompente, troppo sottilmente arguto. Un libro troppo. In quel troppo c'è tutta la voglia di Kundera di inserire i suoi pensieri, i suoi ragionamenti, le sue divagazioni. Ma non solo. Mi sembra di vederlo, Kundera, intento a sbozzare i suoi personaggi per piegarli alla storia che gli vuole cucire addosso. Non a caso, la seconda parte del libro inizia parlando dal fatto che "sarebbe stupido da parte dell'autore cercare di convincere il lettore che i suoi personaggi sono realmente esistiti [... Piuttosto, essi sono nati] da una o due frasi suggestive o da una situazione di fondo". Ecco il Kundera che, sottilmente, si prepara tutto il terreno attorno: i miei personaggi non sono reali, sono io ad averli scelti e creati appositamente così. Kundera è il dio-scrittore alle prese con il suo mondo, e in quanto dio-scrittore è lui a piegare logica e avvenimenti a suo favore, a fare da tesi e da controtesi, a svolgere trama e intessere intrighi. A spiegarceli e a dirci "guardate che è proprio così: se non lo so io che li ho creati...". L'incastro perfetto della prima lettura si dimostra un po' meno perfetto nel momento in cui si cerca di capire davvero ciò che Kundera vuole raccontarci, andando oltre al suo modo di raccontarcelo: chi è al centro di questo libro? Le storie d'amore fra i (tanti) protagonisti? La storia politica del suo Paese? I ragionamenti filosofici che cercano di trovare riscontro in una realtà costruita ad hoc da Kundera stesso? Perché saltare da un'argomentazione all'altra, perché continuare a mischiare le carte nei rapporti fra i quattro protagonisti principali? Cosa vuoi davvero raccontarci, Kundera? Di come l'amore possa essere visto in maniere tanto differenti, tanto che alcuni potrebbero anche pensare che di amore non si tratta? Di come i piccoli gesti possono costituire tutto un rapporto? Di come questi rapporti spesso sono costruiti solo sul puro e semplice caso? Di come il vero amore, poi, forse, neanche esiste veramente? Del fatto che ciò che facciamo è visto da occhi completamente diversi dai nostri, e come tale verrà il più delle volte frainteso completamente? O forse non è niente di questo, o magari è tutto questo, ma mischiato in una maniera tanto particolare da perdersi e perdersi e perdersi più volte in se stesso?

    Non lo so, non lo so davvero. Questa seconda lettura è stata veramente sofferta: speravo di ritrovare il libro lasciato tre anni fa sul mio scaffale e invece, a quanto pare, è stato sostituito da un altro con copertina identica. È un libro comunque valido e che consiglierei a chi non vuole il solito romanzo, ma che fatica. Erano cinque stelle dopo la prima lettura, diventano quattro stelle dopo la seconda.

    said on 

  • 0

    L'insostenibile leggerezza dell'essere è che non c'è nessun Dio,nessun senso del mondo. Dice
    Kundera: "Il pianeta procede nel vuoto senza padrone alcuno" ( tratto da L'arte del romanzo).
    In questo r ...continue

    L'insostenibile leggerezza dell'essere è che non c'è nessun Dio,nessun senso del mondo. Dice
    Kundera: "Il pianeta procede nel vuoto senza padrone alcuno" ( tratto da L'arte del romanzo).
    In questo romanzo, la coppia Tereza -Tomas, Sabine e Franz ci indicano delle possibilità di esistenza in un mondo che è diventato una trappola: identificarsi con il potere fino a diventare complice con il proprio carnefice, o non accettare di identificarsi attraverso il rifiuto di prendere sul serio alcunché, cioè ancora o la pesantezza o la leggerezza.

    said on 

Sorting by