La insoportable levedad del ser

By

Publisher: TusQuets

4.2
(19321)

Language: Español | Number of Pages: 328 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , English , Chi simplified , French , German , Italian , Portuguese , Swedish , Dutch , Catalan , Finnish , Polish , Turkish , Basque , Hungarian , Norwegian , Greek

Isbn-10: 847223682X | Isbn-13: 9788472236820 | Publish date: 

Also available as: Others , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Do you like La insoportable levedad del ser ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Esta es una extraordinaria historia de amor, o sea de celos, de sexo, de traiciones, de muerte y también de las debilidades y paradojas de la vida cotidiana de dos parejas cuyos destinos se entrelazan irremediablemente. Guiado por la asombrosa capacidad de Milan Kundera de contar con cristalina claridad, el lector penetra fascinado en la trama compleja de actos y pensamientos que el autor va tejiendo con diabólica sabiduría en torno a sus personajes. Y el lector no puede sino terminar siendo el mismo personaje, cuando no todos a la vez. Y es que esta novela va dirigida al corazón, pero también a la cabeza del lector. En efecto, los celos de Teresa por Tomás, el terco amor de éste por ella opuesto a su irrefrenable deseo de otras mujeres, el idealismo lírico y cursi de Franz, amante de Sabina, y la necesidad de ésta, amante también de Tomás, de perseguir incansable, una libertad que tan sólo la conduce a la insoportable levedad del ser, se convierten de simple anécdota en reflexión sobre problemas filosóficos que, afectan a cada uno directamente, cada día.
Sorting by
  • 5

    "Einmal ist keinmal".
    La felicità è un cerchio, una ripetizione, il bisogno di un loop, di una routine. Viviamo invece in linea retta, rinneghiamo la monotonia, demoniziamo la noia, camminiamo guardan ...continue

    "Einmal ist keinmal".
    La felicità è un cerchio, una ripetizione, il bisogno di un loop, di una routine. Viviamo invece in linea retta, rinneghiamo la monotonia, demoniziamo la noia, camminiamo guardando avanti legando catene alle caviglie. Karenin lo sa, e anche Tomaš e Tereza, e Frank e Sabina, e io e te, ma solo Karenin riesce a goderne. Mi piacerebbe vivere due volte, ma solo se la seconda non implicherebbe morire: morire due volte dev'essere dura.

    said on 

  • 3

    Gradevole, ma fin troppo sopravvalutato.
    Se mi fosse stato presentato con meno clamore avrei senza dubbio nutrito meno aspettative che durante il corso della lettura sono state rovinosamente deluse.
    O ...continue

    Gradevole, ma fin troppo sopravvalutato.
    Se mi fosse stato presentato con meno clamore avrei senza dubbio nutrito meno aspettative che durante il corso della lettura sono state rovinosamente deluse.
    Offre diversi spunti interessanti ma ho trovato pesante l'eccessivo filosofeggiare dell'autore ed insopportabili alcuni tratti dei personaggi principali.
    Ad ogni modo la ritengo una lettura quantomeno piacevole.

    said on 

  • 4

    un libro tutto europeo, di un tempo tribolato, se mai l'Europa ha vissuto tempi tranquilli. Una densità che stride e sorprende (anche se è una rilettura) al confonto di tutti questi miei ultimi amer ...continue

    un libro tutto europeo, di un tempo tribolato, se mai l'Europa ha vissuto tempi tranquilli. Una densità che stride e sorprende (anche se è una rilettura) al confonto di tutti questi miei ultimi americani che guardano la vita accadere, per come "è".
    Kundera prende in parola Kafka e la sua ascia per il mare ghiacciato dentro di noi.

    "I personaggi del mio romanzo sono le mie proprie possibilità che non si sono realizzate...Un romanzo non è una confessione dell'autore, ma un'esplorazione di ciò che è la vita umana nella trappola che il mondo è diventato."

    said on 

  • 5

    Le esistenze oscillano tra pesantezza e leggerezza: a cosa tendere? Ed è possibile una scelta o siamo inevitabilmente in un solo modo? Libro splendido che non sente il peso degli anni. E letto da Bant ...continue

    Le esistenze oscillano tra pesantezza e leggerezza: a cosa tendere? Ed è possibile una scelta o siamo inevitabilmente in un solo modo? Libro splendido che non sente il peso degli anni. E letto da Bantivoglio è ancora più affascinante

    said on 

  • 2

    Lo lessi appena uscì e non mi piacque particolarmente: lo trovai un po' noioso; dei libri di Kundera, devo dire che è decisamente quello che mi è piaciuto di meno. Ma, siccome ne ho solo un ricordo va ...continue

    Lo lessi appena uscì e non mi piacque particolarmente: lo trovai un po' noioso; dei libri di Kundera, devo dire che è decisamente quello che mi è piaciuto di meno. Ma, siccome ne ho solo un ricordo vago, può essere che lo rilegga, anche per motivare l'alto gradimento fra i lettori di Anobii.

    said on 

  • 4

    L'irraggiungibile leggerezza

    Due coppie (Tomas e Tereza - Franz e Sabina), momenti di vita vissuti in diverse città e paesi (Praga, Zurigo, New York, Amsterdam, Cambogia), l’universale aspirazione alla libertà che si scontra fata ...continue

    Due coppie (Tomas e Tereza - Franz e Sabina), momenti di vita vissuti in diverse città e paesi (Praga, Zurigo, New York, Amsterdam, Cambogia), l’universale aspirazione alla libertà che si scontra fatalmente con la "Storia" e con gli eventi politici. Sono questi gli elementi che compongono la cornice del quadro dipinto da Milan Kundera, il cui soggetto sfida quell’ordine cronologico che immagina il tempo come una linea retta da percorrere in orizzontale. La linea è spezzata in tante piccole parti, esse rappresentano storie, pensieri e concetti all’apparenza sparsi senza una logica, ma in realtà ordinati sapientemente dalla penna di un narratore onnipresente e onnisciente. Il risultato finale è una profonda riflessione sull’ “Essere”.
    Tereza fugge da un’esistenza misera, sporca, tesa alla mera sopravvivenza; riconosce nell’ “Io” il tratto distintivo dell’individuo. La presenza di un “Io” concede alla persona il privilegio di non essere solo corpo ma anche spirito, e Tereza desidera ardentemente elevare la sua “anima”. Tomàs è un medico affermato che ha fatto del suo lavoro una missione etica imprescindibile. Instancabile amante, egli, tuttavia, costruisce barriere per evitare di essere inghiottito completamente dal vortice dell’amore. Nelle sue infinite avventure erotiche non cerca la donna ideale, bensì l’essenza stessa dell’essere donna; si può dire che egli sia ossessionato dalle diverse manifestazioni del femminile, probabilmente cerca la sua totalità. Una serie di coincidenze, per nulla eccezionali, unirà la vita di Tereza a quella di Tomas. Ma si sa, per Kundera le coincidenze sono semplici fatti senza alcun significato, è l’uomo stesso a qualificare un determinato fatto come “coincidenza”, assegnandogli un valore straordinario, miracoloso o, più semplicemente, logico.
    Tra le amanti di Tomas c’è Sabina, pittrice ribelle che ripudia qualunque forma di aggregazione sociale. Ella è ostile alla famiglia, al regime comunista, alle marce, alle manifestazioni; ciò che attrae Sabina è il tradimento, che per lei significa ribellione all’ordine. Sentirsi in ordine con il mondo, infatti, è banale e illusorio, è “Kitsch”. Come spiega Kundera, nel concetto di Kitsch rientra ogni idea che metta in accordo l’individuo con l’essere. Scappata a Ginevra, Sabina diventerà l’amante di Franz, il vero sognatore del romanzo, professore annoiato e affamato di vita. Egli troverà in Sabina la “musa” capace di scardinare il suo equilibrio borghese.
    I personaggi di Kundera simboleggiano un’umanità che da quando è apparsa sulla terra è condannata alla “pesantezza”. È per questo che la condizione di “leggerezza”, intrinseca all’essere, risulta, per loro, insostenibile. Ma cosa rappresentano la “pesantezza” e la “leggerezza” nell’universo di Kundera? Citando Parmenide, gli attributi dell'essere sono staticità e immutabilità. Nella poetica di Kundera, il “tutto”( che si identifica con l’essere), in cui è immerso l’uomo, è indifferente, e segue i suoi meccanismi imperscrutabili; esso è, dunque, “leggero”. L’individuo non può accettare la leggerezza dell’essere, del quale egli, però, è parte. Ad essa oppone la propria morale, i sogni di trasformazione, le scelte individuali. La coscienza è la fonte della “pesantezza” che affligge l’uomo: è l’ “ess muss sein” (deve essere) che spesso è in conflitto con l’essere. Si ripresenta, così, la lotta edipica contro il destino, e la ricerca di quella leggerezza che potrà essere conquistata soltanto attraverso un compromesso con la vita.
    Kundera ama a tal punto le sue creature da non lasciarle quasi mai libere di esprimere i loro pensieri e le loro emozioni attraverso il discorso diretto, mostrando una certa invadenza che con lo scorrere delle pagine gli viene, poi, perdonata. Probabilmente intende ribadire al lettore distratto che il suo testo non è un romanzo, bensì un’originale opera saggistica, la quale racchiude una lunga serie di speculazioni che spesso lasciano il segno per lo spessore analitico dimostrato, ma altre volte rischiano di scivolare nell’oblio a causa della loro inconsistenza.
    Alla complessa tematica esistenziale, l’autore aggiunge una lezione di storia politica nascondendola (ma nemmeno troppo) tra le vicende che colpiscono la vita dei suoi personaggi. Egli riesce nell’intento di trasmettere il senso di dignità perduta, quel triste sentimento provato dal popolo ceco durante gli anni dell’occupazione sovietica.
    I difetti dovuti alla disorganicità del testo (motivo di contestazione) e ad alcune digressioni tranquillamente evitabili, vengono compensati da un respiro poetico, che dona bellezza ai pensieri e un valore significativo ai molti concetti di volta in volta enunciati.
    L’ultimo capitolo è un tenero omaggio all’innocenza degli animali e al loro complesso rapporto con gli uomini.
    Ho provato, a fine lettura, un delicato sentimento di compassione per tutti i personaggi, forse dovuto a quel velo di malinconia che avvolge, nel corso di tutta l’opera, i loro pensieri e le loro azioni.

    said on 

  • 3

    contenuti interessanti, ma scelte narrative discutibili

    Il romanzo contiene sicuramente una grande quantità di idee e spunti interessanti, ed è scritto molto bene. Non mi è però piaciuto il narratore onnisciente e filosofeggiante (spesso a vanvera a mio gi ...continue

    Il romanzo contiene sicuramente una grande quantità di idee e spunti interessanti, ed è scritto molto bene. Non mi è però piaciuto il narratore onnisciente e filosofeggiante (spesso a vanvera a mio giudizio, o perlomeno molto banalmente) che spiega al lettore perchè i protagonisti agiscono in quel determinato modo e cosa pensano: in questo modo non lascia nessuna immaginazione ed interpretazione al lettore. Inoltre non ho apprezzato lo sfasamento temporale delle vicende, che ingarbuglia inutilmente la narrazione. Spesso sembrano quasi appunti scritti dallo scrittore e messi tutti assieme, piuttosto che un romanzo. L'ultimo capitolo però da solo vale la pena di leggerlo, bellissimo, sugli animali, l'uomo e l'amore.

    said on 

  • 2

    Le ultime 50 pagine sono state belle...
    ...ma le precedenti 200 le riassumo così: che palle!
    E' vero che inizia il libro parlando dell'"eterno ritorno" di Nietzsche... ma ripetere sempre le stesse (in ...continue

    Le ultime 50 pagine sono state belle...
    ...ma le precedenti 200 le riassumo così: che palle!
    E' vero che inizia il libro parlando dell'"eterno ritorno" di Nietzsche... ma ripetere sempre le stesse (inutili) cose va ben oltre il mio limite di sopportazione. La trama non è granché e nemmeno le "riflessioni" di Kundera.
    Eppure vedo che molti, nelle recensioni, lo incensano.
    Forse sono io che con gli scrittori cechi ho un problema... o è il mondo, che è preda di una mania collettiva... O forse, cosa più probabile, ognuno ha i suoi gusti... e i miei fuggono a gambe levate da questo libro.

    said on 

Sorting by
Sorting by