La ladra della primavera

Di

Editore: Nord (Narrativa Nord)

3.9
(172)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 496 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8842918512 | Isbn-13: 9788842918516 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace La ladra della primavera?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Firenze, 1482. L'affascinante cortigiana Luciana Vetra è furiosa: ha fatto da modella per il grande pittore Sandro Botticelli, ma lui, dopo essersi rifiutato di pagarla, l'ha addirittura cacciata dal suo studio.
Determinata a vendicarsi, la giovane allora ruba uno dei disegni preparatori del dipinto - una grande tavola che avrà come titolo La primavera - e cerca di rivenderlo. Tuttavia non le ci vuole molto a capire di aver commesso un tragico errore: sembra infatti che alcuni uomini senza scrupoli siano disposti a tutto - anche a ucciderla - pur di recuperare quel disegno.
Disperata, Luciana chiede asilo presso la Basilica di Santa Croce e viene accolta da Guido, un novizio che, incantato dalla sua bellezza, decide di aiutarla. Consapevoli che soltanto svelando il mistero del quadro avranno salva la vita, i due intraprendono allora un viaggio che li porterà da Napoli a Pisa, da Roma a Venezia, tra nobili e assassini, pericoli e agguati, complotti e tradimenti. E scopriranno che, nell'allegoria della Primavera si nasconde un messaggio in codice per un gruppo di cospiratori che vogliono cambiare il futuro dell'Italia.
Ordina per
  • 5

    A dispetto di tante recensioni negative davvero immotivate, io trovo questo romanzo bellissimo, avventuroso, pittoresco e molto affascinante! Mi sono piaciuti entrambi i protagonisti, intrigante il co ...continua

    A dispetto di tante recensioni negative davvero immotivate, io trovo questo romanzo bellissimo, avventuroso, pittoresco e molto affascinante! Mi sono piaciuti entrambi i protagonisti, intrigante il codice da decifrare, suggestive le descrizioni delle varie città ed ho seguito con il fiato sospeso tutti i viaggi che Luciana e Fratello Guido hanno intrapreso.
    Divorato in pochissimi giorni, è semplicemente splendido!!

    ha scritto il 

  • 2

    Saro' diventata una vecchia bacchettona, ma tutte le volgarita' contenute nel libro, di cui sinceramente se ne poteva fare a meno, mi hanno indotta ad abbandonare il libro. La storia era abbastanza a ...continua

    Saro' diventata una vecchia bacchettona, ma tutte le volgarita' contenute nel libro, di cui sinceramente se ne poteva fare a meno, mi hanno indotta ad abbandonare il libro. La storia era abbastanza accattivante, certo non un capolavoro ma un piacevole libro "da spiaggia", ma sinceramente il linguaggio usato dall'autrice, probabilmente per seguire il trend odierno, mi ha molto infastidito.

    ha scritto il 

  • 4

    molto bello,forse non sarà un capolavoro di letteratura ma è un libro affascinante a metà tra il giallo e il romanzo storico con una "classica" storia d'amore in sottofondo.
    molto bella la figura dell ...continua

    molto bello,forse non sarà un capolavoro di letteratura ma è un libro affascinante a metà tra il giallo e il romanzo storico con una "classica" storia d'amore in sottofondo.
    molto bella la figura della protagonista,di parte il suo punto di vista "da cortigiana".
    si legge d'un fiato anche nelle parentesi più divulgative.

    ha scritto il 

  • 4

    Bellissimo

    Protagonista simpaticissima,accurate e avvincenti le ambientazioni storiche; le accuse di linguaggio inutilmente volgare sono totalmente ingiuste, primo perchè non ho trovato volgarità, secondo la sim ...continua

    Protagonista simpaticissima,accurate e avvincenti le ambientazioni storiche; le accuse di linguaggio inutilmente volgare sono totalmente ingiuste, primo perchè non ho trovato volgarità, secondo la simpatia della protagonista ovvia a tutto, terzo si tratta di realismo, data l'epoca e le circostanze del romanzo. Chi può parlare di volgarità gratuita? Mi veniva da dire delle "bacchettone", ma ho soprasseduto.

    ha scritto il 

  • 4

    Un bel cocktail di storia, arte e... protagonista atipica

    Quattro stelline a Marina Fiorato, perchè il suo libro mi è piaciuto davvero.
    Ho letto recensioni contrastanti su questo volume; alcuni lo amano, altri additano le pecche storiche.
    A mio parere questo ...continua

    Quattro stelline a Marina Fiorato, perchè il suo libro mi è piaciuto davvero.
    Ho letto recensioni contrastanti su questo volume; alcuni lo amano, altri additano le pecche storiche.
    A mio parere questo romanzo va preso per quello che è: un romanzo, appunto. Anche se bastato su note storiche e vantando la presenza di personaggi realmente esistiti, si tratta sempre di un'opera di fantasia, e per questo motivo l'autrice può arricchire liberamente la storia di tutti i dettagli non storici che preferisce.
    La protagonista, Luciana, è molto simpatica e atipica, data la sua "professione", e la sua storia, intrecciata a quella di personaggi come Lorenzo de' Medici, Botticelli, e addirittura Cristoforo Colombo, è veloce e piacevole.
    Una lettura leggera e senza impegno, consigliata a chi non disdegna la presenza della fantiasia intrecciata alla veridicità storica.

    ha scritto il 

  • 4

    LA LADRA DELLA PRIMAVERA

    Nata a Manchester da una famiglia di origini veneziane, Marina Fiorato si laurea in Storia a Oxford proseguendo poi i suoi studi a Venezia, dove si sposa con il regista inglese Sacha Bennett. Illustra ...continua

    Nata a Manchester da una famiglia di origini veneziane, Marina Fiorato si laurea in Storia a Oxford proseguendo poi i suoi studi a Venezia, dove si sposa con il regista inglese Sacha Bennett. Illustratrice, critica cinematografica, addetta stampa di alcuni gruppi rock come gli U2 e attrice, scrive diversi libri. “ La ladra della Primavera” pubblicato in Italia nel 2011 dalla Editrice Nord ci cala nella Firenze rinascimentale del 1482, nel pieno fulgore del dominio di Lorenzo il Magnifico.
    Luciana Vetra, nota Ciccina, è una prostituta molto ricercata per la sua bellezza. Abbandonata dentro una bottiglia viene raccolta dalle suore della città e vive i suoi primi dodici anni in orfanotrofio. Ma una serie di vicissitudini le faranno intraprendere la via della prostituzione che, la nostra protagonista e narratrice, sembra non disdegnare del tutto.
    E’ infatti lei a raccontarci la sua rocambolesca storia. Uno degli amanti di Luciana, il nobile Bembo, le chiederà di posare per il maestro Sandro Botticelli e per il suo bellissimo quadro “La Primavera” nel quale Luciana interpreterà Flora. Ma un diverbio con il Maestro, sfociato nel furto dell’abbozzo del quadro, cambierà del tutto la vita della giovane perché, senza saperlo, ha messo le mani su un progetto segreto riguardante uomini potenti e città altrettanto importanti. Ad aiutarla il novizio Guido, uomo di nobili origini, bello e con profondi occhi blu, animato da un’incrollabile Fede e convinto di prendere i voti al più presto. Luciana e Guido, attraverso l’interpretazione del bozzetto del dipinto, vivranno una intricata avventura che, per aver salva la vita, li porterà nelle città più importanti come centri di potere: Roma, Napoli, Venezia, Bolzano, Milano fino al ritorno a Firenze, alla risoluzione dell’ enigma e alla scoperta di un complotto difficile da immaginare.
    Animati dalla passione che sottilmente e inesorabilmente si insinua tra loro, Guido e Luciana saranno costretti a separarsi più volte e a incontrarsi ancora, casualmente o volutamente, per portare a termine la loro spasmodica ricerca.
    Scorrevolissimo, ricco di colpi di scena, animato da un linguaggio piuttosto crudo e con molteplici “ volgarità” attribuibili al tipo di vita condotto dalla protagonista ma alquanto fastidiose per il lettore, il libro è un grande mosaico di generi letterari che mescolano atmosfere da thriller, romanticismi, avventure, intrighi e misteri, lotte intestine senza esclusione di colpi nell’ambiente corrotto della nobiltà e della stessa Chiesa, in un periodo buio ma ricco di fermenti artistici e scientifici.
    Splendida lettura di puro intrattenimento, la leggera e fluente penna dell’autrice, pur nell’assurdità di certe situazioni e nell’eccesso di arguzia dei protagonisti, trascina inesorabilmente il lettore a divorare le pagine, dense di fatti prevedibili e non, con grande velocità. Sarebbe stato auspicabile, all’interno del libro, l’immagine del dipinto del Maestro Botticelli, per verificare ogni scoperta insieme agli interpreti di questa spericolata e incredibile avventura.

    ha scritto il 

  • 1

    Deludente sotto molti profili. La storia è troppo complessa e poco credibile. Alla fine i personaggi riescono a capire nessi assolutamente assurdi e a salvarsi da situazioni inimmaginabili. L'ambienta ...continua

    Deludente sotto molti profili. La storia è troppo complessa e poco credibile. Alla fine i personaggi riescono a capire nessi assolutamente assurdi e a salvarsi da situazioni inimmaginabili. L'ambientazione storica non è rigorosa (chi ha mai sentito di un francescano amanuense?!?)ed è utilizzata solo ai fini della narrazione. La storia d'amore è banale e scontata. Non consigliabile nemmeno come lettura sotto l'ombrellone.

    ha scritto il 

Ordina per