Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La leggenda del santo bevitore

Racconto

By Joseph Roth

(185)

| Paperback

Like La leggenda del santo bevitore ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

[.]

242 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Molto bello. Un uomo che si lascia "distrarre" dalle cose superflue della vita e che non riesce (involontariamente) a saldare il suo "debito". Classico

    Is this helpful?

    JPaul79 said on Apr 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo di certo è solo un racconto.
    Così mi accosto per la prima volta a questo autore..
    Bello,intenso e spero di leggere altro.
    La leggenda del santo bevitore...la perdizione povera di chi si ubriaca di ciò che non ha,che non sa renderne grazie se n ...(continue)

    Questo di certo è solo un racconto.
    Così mi accosto per la prima volta a questo autore..
    Bello,intenso e spero di leggere altro.
    La leggenda del santo bevitore...la perdizione povera di chi si ubriaca di ciò che non ha,che non sa renderne grazie se non solo avvicinandosi ma senza compiere il passo decisivo.
    Arriverà la morte ad interrompere il vizio e a porre fine ad una serie di "miracoli" di cui il personaggio gode e non ringrazia..

    Is this helpful?

    SCAMBIO LIBRI ..solo cartacei said on Jan 29, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Gli scrittori hanno la dote di saper trasfigurare la realtà meno piacevole. In questa fiaba, o parabola, urbana Joseph Roth liricizza la povertà, l'alcolismo, un certo misticismo, dando al proprio alter ego una morte "lieve e bella". Come si apprende ...(continue)

    Gli scrittori hanno la dote di saper trasfigurare la realtà meno piacevole. In questa fiaba, o parabola, urbana Joseph Roth liricizza la povertà, l'alcolismo, un certo misticismo, dando al proprio alter ego una morte "lieve e bella". Come si apprende dalla nota finale, egli scrisse il racconto nel 1939, prima di uccidersi, a Parigi, dov'era emigrato per sfuggire al nazismo. C'è, tra le righe, un'enorme pietà per sé stesso e il desiderio di voler bene al prossimo, rintuzzati però dall'urgenza del presente, che è pratico e su cui incombe un'avida infelicità.

    Is this helpful?

    aleksandr said on Jan 22, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Breve racconto, scritto magistralmente. L'uomo che si abitua ai miracoli ha un'aura di affascinante leggerezza. E vive davvero.

    Is this helpful?

    FLG said on Oct 19, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ma... Non so che dire.
    Il linguaggio così asciutto di Roth non mi dispiace affatto, ma la storia... Non ne ho afferrato il senso!

    Is this helpful?

    Cicabuma said on Sep 17, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book