La leggenda di Otori

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar bestsellers; 1374)

3.9
(451)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 286 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804521341 | Isbn-13: 9788804521341 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Laura Serra

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La leggenda di Otori?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un lontano Giappone feudale, splendido e al tempo stesso crudele, teatro diguerre tra clan, Tomasu vive in un villaggio abitato da una setta religiosaperseguitata dal cattivo Lord Iida, signore dei Tohan. Un giorno, tornando acasa dopo una passeggiata, Tomasu scopre di essere l'unico sopravvissuto diun massacro perpetrato da Iida. Miracolosamente salvo, viene adottato da LordShigeru del clan di Otori. D'ora in poi si chiamerà Takeo e la sua vitacambierà per sempre. Diventato muto in seguito alla tragedia, egli scopre dicolpo di avere un udito straordinario e degli insospettati poteri magici chegli permetteranno di salvare da un brutale assassinio il suo benefattore.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Takeo (Tomasu), fanciullo appartenente alla Setta degli Occulti vive un'infanzia spenzierata tra le montagne giapponesi quando Iida non abtbtacca gli occulti rendendolo orfano. Viene adottato dal nobi ...continua

    Takeo (Tomasu), fanciullo appartenente alla Setta degli Occulti vive un'infanzia spenzierata tra le montagne giapponesi quando Iida non abtbtacca gli occulti rendendolo orfano. Viene adottato dal nobile Otori da cui viene anche addestrato. I due hanno un unico obbiettivo: sconfiggere il perfido Iida.

    Questo romanzo fantasy- storico è ambientato nel Giappone Medioevale. Scritto da un'autrice americana è solo il primo di tre romanzi. Nonostante scalfito da piccoli momenti harmony trattante la storia d'amore tra Takeo e Kaedo che sembrano quasi la versione ringiovanita di Otori e la sua amata Maruyama, quasi come se la storia si ripetesse, il raccolbto risulbta avventuroso e coinvolgente. Il linguaggio adottato per scriverlo è di facile comprensione.

    ha scritto il 

  • 3

    Ma un libro che non preveda un (o più) sequel (o, peggio, un prequel) no?!?!
    A parte questo, il libro mi è piaciuto molto, forse prenderò anche i successivi, giusto per vedere come finisce, la storia ...continua

    Ma un libro che non preveda un (o più) sequel (o, peggio, un prequel) no?!?!
    A parte questo, il libro mi è piaciuto molto, forse prenderò anche i successivi, giusto per vedere come finisce, la storia è interessante anche se a tratti prevedibile. Sono molto interessata all'ambientazione giapponese, anche se mi piacerebbe capire quanto sia realistica qui.

    ha scritto il 

  • 4

    dal Giappone con furore

    Nonostante abbia ricevuto critiche sulla trama il libro è strutturato molto bene e la forma è scorrevole.
    Le uniche pecche sono: all'inizio il personaggio è poco delineato e per riuscire a comprendere ...continua

    Nonostante abbia ricevuto critiche sulla trama il libro è strutturato molto bene e la forma è scorrevole.
    Le uniche pecche sono: all'inizio il personaggio è poco delineato e per riuscire a comprendere quindi a godersi il libro bisogna leggere anche i due continui poichè se così fatto risulta molto piacevole e appassionante essendo ricco di suspense e colpi di scena.
    insomma un libro che consiglio a tutti!!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    In un Giappone antico e magnifico, dove crudeltà e riti familiari si intrecciano, ha inizio la travolgente storia di Takeo, un giovane ragazzo che viene improvvisamente strappato alla vita tranquilla ...continua

    In un Giappone antico e magnifico, dove crudeltà e riti familiari si intrecciano, ha inizio la travolgente storia di Takeo, un giovane ragazzo che viene improvvisamente strappato alla vita tranquilla del suo villaggio. Nei suoi occhi si riflette un evento terribile: i guerrieri del perfido Lord Iida, signore dei Tohan, distruggono in poche ore tutto quello che riempiva la sua esistenza. Senza genitori, senza casa, unico superstite del massacro, Takeo viene salvato da un nobile cavaliere sbucato dal nulla. Adottato dal suo salvatore, il valoroso Lord Shigeru, Takeo inizierà una nuova vita nel leggendario palazzo del Clan di Otori. Il ragazzo fronteggerà odio e intrighi, passione e tradimenti e, sfruttando i poteri soprannaturali che scoprirà di possedere, riuscirà a ricambiare il favore resogli da Lord Shigeru legando indissolubilmente il suo destino a quello del suo benefattore.
    Perfezionando l'arte del combattimento, Takeo diventerà la principale pedina di un complotto ordito dai signori della guerra, impegnati in lotte di dominio senza fine. In un mondo fuori dal tempo, dominato da codici d'onore e da rigidi rituali di una tradizione millenaria, Takeo potrà compiere il suo cammino e incontrerà per la prima volta l'amore.
    "La leggenda di Otori" è un romanzo scritto mirabilmente, ricco di immaginazione, mitico nei temi ed epico nella visione, una creazione magica che incanterà i lettori per la sua originalità.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Scambiabile eBook

    Un bel fantasy ambientato in un Giappone feudale, che per una come me, amante sia della narrativa fantastica sia delle raffinate atmosfere orientali, è una scelta davvero azzeccata.
    Il protagonista, s ...continua

    Un bel fantasy ambientato in un Giappone feudale, che per una come me, amante sia della narrativa fantastica sia delle raffinate atmosfere orientali, è una scelta davvero azzeccata.
    Il protagonista, se devo dire la verità, mi è sembrato un po' fiacco, non proprio caratterizzato a dovere: all'inizio ci fa la figura della donzella indifesa, poi diventa quasi all'improvviso un guerriero dagli enormi poteri. Mi ricorda un po' Eragon, orfano come Takeo, che si trova in pericolo nel suo villaggio, viene salvato da un misterioro benefattore che gli insegna a combattere e poi muore.
    In ogni caso, è un bel libro: mi è piaciuto come ultimamente mi capita di rado. Peccato per Shigeru, però, a cui mi ero appena affezionata =(

    Fa parte di "Letture di luglio 2011": http://pensieridinchiostro.wordpress.com/2011/08/01/letture-di-luglio/

    ha scritto il