Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La leggenda di Otori

La Trilogia Completa

Di

Editore: Mondadori

3.9
(372)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 906 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804560428 | Isbn-13: 9788804560425 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Laura Serra

Genere: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La leggenda di Otori?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
<a href="http://www.insonni.net/story.php?title=La_leggenda_di_Otori">La leggenda di Otori</a>
Ordina per
  • 2

    Hai problemi di insonnia? Avere le tue otto ore di sonno è un problema? Contare le pecorelle non ti basta più?!

    DI' BASTA A QUESTA INCRESCIOSA SITUAZIONE! RISOLVI I TUOI PROBLEMI UNA VOLTA PER ...continua

    Hai problemi di insonnia? Avere le tue otto ore di sonno è un problema? Contare le pecorelle non ti basta più?!

    DI' BASTA A QUESTA INCRESCIOSA SITUAZIONE! RISOLVI I TUOI PROBLEMI UNA VOLTA PER TUTTE! LEGGI "La leggenda di Otori"!

    Attenzione, un'eccessiva consumazione potrebbe portare a danni anche gravi. Leggere attentamente la sinossi in fondo al volume e recensioni su aNobii

    Il SONNO supremo, giuro -_- Che poi diamine: Giappone, periodo feudale, guerrieri.. Uno si aspetta il fascino a go-go!! Invece manco per niente xD

    E' stata dura finirlo.. E il bello è che è il primo di una trilogia che possiedo interamente. Ehm. Credo che i successivi aspetteranno un bel po'. Come minimo devono essere gli ultimi libri rimasti sulla terra o giù di lì!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Purtroppo è passato più di un anno da quando ho finito il libro e se la recensione non la scrivo subito...non so che schifezza ne possa venire fuori dopo, comunque.. Questo volume mi ha incuriosita ...continua

    Purtroppo è passato più di un anno da quando ho finito il libro e se la recensione non la scrivo subito...non so che schifezza ne possa venire fuori dopo, comunque.. Questo volume mi ha incuriosita per l'ambientazione soprattutto: il Giappone. A questo aggiungiamo anche l'elemento fantasy e allora la semplice curiosità è diventata voglia di leggerlo. L'ho finito in poco tempo nonostante la mole, la lettura è molto scorrevole e la trama intrigante. Decisamente diverso dai fantasy "classici"..A momenti mi ricordava anche Naruto ;) Mi è piaciuto davvero molto quindi quattro stelle ^^

    ha scritto il 

  • 3

    Libro 1: "La leggenda di Otori" si legge bene, è abbastanza ben raccontato e un po' fuori dai canoni classici, una suspence moderata, ma a parer mio non ci fa conoscere veramente i personaggi che ...continua

    Libro 1: "La leggenda di Otori" si legge bene, è abbastanza ben raccontato e un po' fuori dai canoni classici, una suspence moderata, ma a parer mio non ci fa conoscere veramente i personaggi che invece ci appaiono in modo pacato, quasi sfumato. Sinceramente mi aspettavo di più, ma è stata comunque una lettura interessante.

    Libro 2: "Il viaggio di Takeo", ben narrato ed interessante, in alcuni punti forse un po' "ingenuo", ma val la pena leggerlo. Completamente legato al libro precedente ed a quello successivo: non ha una conclusione sua.

    Libro 3: "L'ultima luna", un altro libro ben narrato, ma con molta più suspence, ti rapisce. Forse il libro più intrigante della trilogia, di sicuro il più dinamico.

    In conclusione: i libri non si possono separare, è interessante vedere gli aspetti del Giappone feudale, prima dell'ingresso delle armi da fuoco, con tanto di valori visti anche da un occhio, quello del protagonista, che li conosce poco a poco ed in più c'è quella briciola di "misticismo" che intriga. Lunghino, ma merita.

    ha scritto il 

  • 5

    Consigliatissimo (per il mio modesto parere)

    Per quanto mi riguarda questa ambientazione orientale per me è una novità, solitamente il mio genere è fantasy, mondi fantastici, molto lontani da noi, invece qui si parla dell'oriente, forse ...continua

    Per quanto mi riguarda questa ambientazione orientale per me è una novità, solitamente il mio genere è fantasy, mondi fantastici, molto lontani da noi, invece qui si parla dell'oriente, forse anche per questo sono stato catturato dalla lettura.

    Ho comprato questa trilogia (volume unico) giusto per caso, devo dire che probabilmente è stato uno dei miei migliori acquisti, la lettura è fluida, la storia ti cattura, non è monotona, ci sono colpi di scena, l'eroe è semplice e umano, con i suoi pregi e i suoi difetti. Consiglio a tutti, soprattutto a colore che come me solitamente sono orientati su altri tipi di mondi di leggerlo, non ne rimarrete pentiti, sarete sicuri di aver fatto un buon acquisto. L'unica pecca, è che al momento, non ci sono altri libri scritti da lui.

    ha scritto il 

  • 4

    Fantasy storico e un po' di Giappone

    Questo libro ha più chiavi di critica, data la particolarità dell'ambientazione:

    è una trilogia, il cui primo volume ha idee interessanti, una buona freschezza, un'ambientazione più originale del ...continua

    Questo libro ha più chiavi di critica, data la particolarità dell'ambientazione:

    è una trilogia, il cui primo volume ha idee interessanti, una buona freschezza, un'ambientazione più originale del solito (un "giappone sottinteso", mai dichiarato, ma ovvio), personaggi e trama di una saga del tutto rispettabile. Che poi è il motivo per cui uno è spinto a continuare la lettura.

    Il libro centrale (il viaggio di Takeo) precipita tra capitoli prolissi e vacui, che aprono le solite mille sottotrame che il lettore esperto sa già finiranno nel vuoto. Ci vuole forza di volontà per procedere nella lettura,

    che tuttavia premia con il terzo libro, dove tra accelerazioni ai limiti delle vertigini e l'immancabile deus ex machina il libro procede, smorzando le sottotrame e riempiendosi di eventi descritti in modo gradevole.

    Comunque una lettura non pesante (neanche facile, sono 900 pagine), divertente, economica e con una buona morale di fondo si merita un quattro stelle se rispettate almeno 2 di queste 3 leggi:

    a) NON siete puristi del Giappone b) siete adolescenti o eterni adolescenti c) leggiucchiando il primo volume comprendete cosa aspettarvi e proseguite perchè comunque vi incuriosisce

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    La mole del libro potrebbe scoraggiare (ben 906 pagine), ma una volta che si comincia a leggerlo in breve tempo si arriva all'epilogo. La Hearn è riuscita a dotare i personaggi di una complessità ...continua

    La mole del libro potrebbe scoraggiare (ben 906 pagine), ma una volta che si comincia a leggerlo in breve tempo si arriva all'epilogo. La Hearn è riuscita a dotare i personaggi di una complessità davvero profonda, risultano vivi e sfaccettati.

    In breve, la trilogia è ambientata in un mondo che ricorda molto il Giappone feudale (non è un'opera storica, viene classificata tra il genere fantasy storico e il fantasy orientale), un Giappone antico e magnifico, un mondo fuori dal tempo, dominato da codici d'onore e da rigidi rituali di una tradizione millenaria. Il protagonista è il giovane Tomasu che improvvisamente viene strappato dalla tranquilla e semplice vita del piccolo villaggio di Mino dalla prepotenza del nobile Iida che ne stermina gli abitanti per la loro appartenenza alla setta degli Occulti (leggi cristiani). Unico sopravvissuto,il giovane viene salvato dal nobile Otori Shigeru che lo vuole adottare e ne cambia il none in Takeo. Da quel momento Takeo potrà compiere il suo cammino che lo porterà ad affrontare problemi quali l'eutanasia, la libertà religiosa, la sete di vendetta e il senso di giustizia. Incontrerà grandi guerrieri e paladine del femminismo, e conoscerà per la prima volta l'amore, un amore puro e profondo, più forte di ogni altro potere di cui si scoprirà dotato.

    Quando vi immergerete nella pagine di questo libro vi sembrerà di essere in un'antica sala da tea, sentirete sotto i vostri piedi il suono degli uguisubari, i famosi pavimenti che cantano come usignoli. Un libro da avere nella propria biblioteca e da divorare. Buona lettura

    P. S. In ogni libro ci sono sempre almeno una o due frasi che rimangono incise nell'anima. Queste sono quelle che per me rappresentano maggiormente le sensazioni che mi ha lasciato quest'opera. - " La morte arriva all'improvviso e la vita è breve ed effimera. Nessuno può cambiare questa realtà né con le preghiere né con gli incantesimi. I bambini ne piangono. Gli uomini e le donne, invece, sopportano." Shigeru. - " Umili e potenti, eroi e malvagi sono solo pedine sulla scacchiera del destino." quarta di copertina.

    ha scritto il 

  • 3

    Di giapponese solo i nomi...

    Comprato per immergermi nel Giappone ma ne ho "visto" davvero poco, forse perché l'autrice con l'oriente ha avuto poco a che fare o non so... Lettura scorrevole nulla d'impegnativo, trama non banale ...continua

    Comprato per immergermi nel Giappone ma ne ho "visto" davvero poco, forse perché l'autrice con l'oriente ha avuto poco a che fare o non so... Lettura scorrevole nulla d'impegnativo, trama non banale ma dai contenuti che potevano essere trattati meglio. Questo libro non lo consiglierei a chi vuole "sentire" il Sol Levante, perché a parte il nomi dei protagonisti e altri sostantivi qua e là, davvero non ce n'è traccia. Per il resto passabile, non entusiasmante ma nemmeno da buttare via.

    ha scritto il 

  • 3

    Un discreto romanzo, scorrevole nonostante la mole. Il fatto è che, secondo il mio personalissimo parere, o un romanzo è storico, oppure è fantasy. La leggenda di O. invece è una via di mezzo e ...continua

    Un discreto romanzo, scorrevole nonostante la mole. Il fatto è che, secondo il mio personalissimo parere, o un romanzo è storico, oppure è fantasy. La leggenda di O. invece è una via di mezzo e ,quindi , mi rende insicuro su ciò che posso ritenere storicamente attendibile e cosa puramente fantastico.Ne carne ne pesce, insomma. Credo che un autore giapponese sarebbe stato più accurato. Ultima critica, il finale. Mi è sembrato risolto troppo velocemente, quasi che l'autrice si fosse resa conto di essersi dilungata troppo fino a quel punto.

    ha scritto il