La lettera scarlatta

Di

Editore: Mondadori (I capolavori)

3.6
(1377)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 209 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Francese , Tedesco , Coreano , Chi semplificata , Catalano , Danese , Sloveno , Norvegese , Polacco

Isbn-10: A000173889 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Fausto Maria Martini

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida , Cofanetto , Tascabile economico , Rilegato in pelle , eBook , CD audio

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace La lettera scarlatta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Allegato a Tv Sorrisi e Canzoni.
Ordina per
  • 3

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2016/04/18/la-lettera-scarlatta-nathaniel-hawthorne/

    “Questo brandello di stoffa rossa – il tempo e l’uso e una sacrilega tarma l’avevano infatti ridotto a poco più di un brandello – a un attento esame mostrò la forma di una lettera. Era un’A maiuscola. ...continua

    “Questo brandello di stoffa rossa – il tempo e l’uso e una sacrilega tarma l’avevano infatti ridotto a poco più di un brandello – a un attento esame mostrò la forma di una lettera. Era un’A maiuscola.”
    Frasi dal libro

    ha scritto il 

  • 2

    La decisione di leggere il libro è venuta dopo aver tanto amato il film, interpretato da una superba Demi Moore ed un fantasmagorico Gary Oldman. Il romanzo, sulla falsariga di altri libri suoi contem ...continua

    La decisione di leggere il libro è venuta dopo aver tanto amato il film, interpretato da una superba Demi Moore ed un fantasmagorico Gary Oldman. Il romanzo, sulla falsariga di altri libri suoi contemporanei, parte dal ritrovamento di alcuni vecchi documenti nell'ufficio del sovrintendente di una piccola comunità nel New England. Ed è in questo scritto che viene menzionato il caso della lettera scarlatta, una condanna emessa dal tribunale puritano della comunità ai danni di Hester Prynne. Hester, una donna ancora nel pieno della giovinezza, bellissima, fiera, testarda, ha avuto infatti una figlia fuori dal matrimonio - la lettera scarlatta serve a ricordare, visivamente e spiritualmente, la grave onta di cui si è macchiata. Libro macchinoso e lento, narrazione a volte difficile da seguire. Non mi è piaciuto affatto, tremenda delusione.

    ha scritto il 

  • 5

    L'ho letto quasi tutto durante i due viaggi sul treno che ho fatto in Inghilterra (andata Broadstairs to London e ritorno all'incontrario), e ho dovuto trattenere le lacrime in svariati momenti: quest ...continua

    L'ho letto quasi tutto durante i due viaggi sul treno che ho fatto in Inghilterra (andata Broadstairs to London e ritorno all'incontrario), e ho dovuto trattenere le lacrime in svariati momenti: questo libro è qualcosa di bello, dolcissimo ed estremamente disperato all'unisono; è meraviglioso, e non ho potuto staccarmene fino a che non l'ho terminato.
    E' stata una lettura stupenda, consigliata a chiunque, e non vedo l'ora di guardarmi in santa pace il film!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    “In ogni passo di coloro che facevano ressa per guardarla le dava uno strazio, come se il suo cuore fosse gettato in strada per venire vilipeso e calpestato da tutti”

    Tralascio l’introduzione “La dogana” e vado subito nel vivo.
    Siamo nella Boston puritana del XVII secolo, Hester Prynne si trova condannata pubblicamente a portare ricamata sul petto, una A scarlatta ...continua

    Tralascio l’introduzione “La dogana” e vado subito nel vivo.
    Siamo nella Boston puritana del XVII secolo, Hester Prynne si trova condannata pubblicamente a portare ricamata sul petto, una A scarlatta (Adultera) ;Hester ha in braccio la piccola perla, figlia del tradimento. Il marito si trova ad Amsterdam da tempo e non può essere il padre della piccola.
    Nonostante le ripetute richieste di confessare il nome del suo compagno di peccato,Hester rimane nella sua posizione di silenzio.
    L’adultera viene condotta in carcere con la piccola ed essendo malata viene richiesto l’intervento di un medico. Entra in scena Roger Chillingworth, che altro non è che il marito di Hester con un nuovo nome. L’uomo dice di non essere arrabbiato con lei per il tradimento ma le chiede di mantenere segreta la sua identità. Dopo che Hester rifiuta di riferire il nome del suo amante,Chillingworth le fa sapere che “cercherà quell’uomo come ha cercato il vero nei libri.”
    Quando Hester esce dal carcere viene isolata dagli affetti umani e presa in giro ma lei non risponde agli insulti e continua a vivere in carità.
    Il signor Chillingworh diventa “amico” del reverendo Dimmesdale, padre di Perla.
    Hester e il reverendo, incontratisi nel bosco, progettano la loro fuga dopo il sermone dell’Elezione del governatore.
    Dimmesdale davanti alla folla riunitasi per il sermone si confessa, abbraccia Hester e la piccola Perla e per l’emozione muore.

    Mi è piaciuta la trama, lo spessore psicologico dei personaggi. Il carattere, la tenacia e la dignità di Hester.
    Lo stile di scrittura non è immediato , delle volte risulta prolisso e troppo descrittivo. Non è uno di quei libri che ti rapiscono e finisci in un giorno per questo stile un po’ “vecchiotto”.
    Nel complesso mi è piaciuto, ora aspetto di vedere il film.

    ha scritto il 

  • 3

    voto reale: 2,5
    certe parti le ho completamente saltate perchè erano troppo descrittive. bella la tenacia di Ester e l'approfondimento sociologico, quindi le reazioni nei suoi confronti (forse descrit ...continua

    voto reale: 2,5
    certe parti le ho completamente saltate perchè erano troppo descrittive. bella la tenacia di Ester e l'approfondimento sociologico, quindi le reazioni nei suoi confronti (forse descritte anche troppo a lungo). La storia in se non è male, dato che mette in mostra com'era la società della "Nuova Inghilterra" ma l'autore si sofferma troppo a parlare di dettagli inutili. Per non parlare del racconto introduttivo autobiografico. 40 pagine messe così a caso, in cui l'autore dovrebbe dire come viene a conoscenza della storia ma parla per 39 pagine della dogana in cui lavora.
    Mi aspettavo decisamente di più.

    ha scritto il 

  • 3

    In realtà l'unico capitolo che mi ha intrigato davvero è il primo: "La dogana": di un'autografica sincerità disarmante e inaspettata per l'epoca.
    Il romanzo vero e proprio, ecco, sicuramente sarò io i ...continua

    In realtà l'unico capitolo che mi ha intrigato davvero è il primo: "La dogana": di un'autografica sincerità disarmante e inaspettata per l'epoca.
    Il romanzo vero e proprio, ecco, sicuramente sarò io impreparata, o meglio se avessi il tempo mi potrei anche dedicare a rimtracciare la letteratura critica che giustifica l'importanza di questo romanzo nella storia della letteratura americana e ne fa - stuporone - l'equivalente yankee dei "Promessi sposi".

    Ma non ho davvero tempo, e poi con gli ultimi avvenimenti mi è venuto finalmente l'impulso di leggere "I demoni", che è un tomo enorme.

    La storia, che dire? Il capolavoro del sottinteso, del segreto di Pulcinella, dell'ipocrisia. Che, astutamente, Hawthorne va ad attribuire ai Puritani di due secoli prima, mica ai suoi contemporanei.

    Ah, dimenticavo: molto intrigante anche la parte ambientata nel bosco, con un qualcosa di stregato ma non tradizionale, che tocca il lettore con la sua delicatezza.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    passione, amore, odio e tanto tanto rigido puritanesimo.

    é un amore sofferto fino alla fine per tutti e 3 i protagonisti (Ester, Dimmesdale e il vecchio Ruggero) pensavo ci fosse un lieto fine come nel film invece no, é proprio amaro, fino all'ultimo. Il pa ...continua

    é un amore sofferto fino alla fine per tutti e 3 i protagonisti (Ester, Dimmesdale e il vecchio Ruggero) pensavo ci fosse un lieto fine come nel film invece no, é proprio amaro, fino all'ultimo. Il parroco muore sul palco della vergogna e dell'umiliazione davanti a tutti i suoi fedeli, il vecchio non ha portato a termine la sua vendetta e quindi la sua esistenza diventa inutile e muore nello stesso anno del sacerdote. Mentre Ester torna e si rimette quella fottuta lettera scarlatta sul petto, nonostante ormai abbia assunto un significato totalmente diverso per i cittadini, ma per lei é come se fosse stata incisa nella sua anima, questo peso che porterà con lei in tomba. L'unica che pare uscrirne illesa é Perla la figlia di quell'amore peccaminoso tra Ester e Dimmesdale, forse felice e sposata con in grembo un figlio, lontana dalla cattiva e puritana Boston.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per