Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La letteratura fantastica

Di

Editore: Garzanti Libri

3.9
(175)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8811472857 | Isbn-13: 9788811472858 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Elina Klersy Imberciadori

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Foreign Language Study , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La letteratura fantastica?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Nonostante la pessima traduzione e il cimitero di refusi, resta un interessante studio sul genere del fantastico, così come si è strutturato nel XIX secolo. In particolare, poiché il fantastico si def ...continua

    Nonostante la pessima traduzione e il cimitero di refusi, resta un interessante studio sul genere del fantastico, così come si è strutturato nel XIX secolo. In particolare, poiché il fantastico si definisce attraverso un'esitazione tra reale e immaginario o soprannaturale è, secondo Todorov, un importante campo d'indagine per interrogarsi sulla stessa letteratura. Che, non a caso, esita in un rapporto ambiguo col reale, nella perenne domanda su cosa sia vero e cosa verosimile, su quale sia lo sfuggente statuto del referente del testo letterario.

    ha scritto il 

  • 4

    "la psicoanalisi ha sostituito (e di conseguenza ha reso inutile) la letteratura fantastica" (pag. 164). quindi perché leggere todorov? perché è elegante, interessante, intelligente e mi ha fatta torn ...continua

    "la psicoanalisi ha sostituito (e di conseguenza ha reso inutile) la letteratura fantastica" (pag. 164). quindi perché leggere todorov? perché è elegante, interessante, intelligente e mi ha fatta tornare indietro ai tempi dell'università, quando volente o nolente (più la seconda, allora) mi pascevo di testi di questo genere. nota di demerito per la traduttrice, secondo la quale la metamorfosi kafkiana dà come risultato un verme.

    ha scritto il 

  • 4

    Uno studio interessante su un genere che personalmente amo. La cosa che mi ha colpito di più è stata la chiarezza con cui l'autore riesce a spiegare dei concetti secondo me non troppo semplici, guidan ...continua

    Uno studio interessante su un genere che personalmente amo. La cosa che mi ha colpito di più è stata la chiarezza con cui l'autore riesce a spiegare dei concetti secondo me non troppo semplici, guidandoti nell'analisi dettagliata di un genere che pensi di conoscere e che invece scopri avere molte sfaccettature che ti erano sfuggite.
    Un saggio molto ben fatto, acuto, chiaro e approfondito!

    ha scritto il 

  • 4

    Mi ha ispirato molto, questo libro ha tutta la mia stima: sia per la sostanziale novità dei contenuti e dell'approccio che per la lucidità dell'analisi, ma soprattutto per la scelta del tema. Offre sp ...continua

    Mi ha ispirato molto, questo libro ha tutta la mia stima: sia per la sostanziale novità dei contenuti e dell'approccio che per la lucidità dell'analisi, ma soprattutto per la scelta del tema. Offre spunti molto interessanti, primo tra tutti il paragone tra il racconto fantastico, la follia, la droga e l'analisi freudiana.

    ha scritto il 

  • 3

    Ecco un saggio interessante e non così astruso come quelli di Frye. Inizialmente la speranza era che si occupasse di letteratura fantastica intendendo anche il fantasy. Bhè, così non è. Ciò non toglie ...continua

    Ecco un saggio interessante e non così astruso come quelli di Frye. Inizialmente la speranza era che si occupasse di letteratura fantastica intendendo anche il fantasy. Bhè, così non è. Ciò non toglie che questo piccolo libro contenga comunque tante informazioni interessanti e utili da applicare nello studio di qualsiasi opera che contenga degli elementi "fantastici".

    ha scritto il 

  • 4

    È IL testo fondamentale sulla letteratura fantastica, per quanto si tratti solo di una introduzione. Todorov è il primo a dare una definizione scientifico-letteraria del genere, senza cadere nella cri ...continua

    È IL testo fondamentale sulla letteratura fantastica, per quanto si tratti solo di una introduzione. Todorov è il primo a dare una definizione scientifico-letteraria del genere, senza cadere nella critica letteraria, ma limitandosi alle strutture, sia semantiche, che sintattiche.
    "Il fantastico è l'esitazione provata da un essere il quale conosce soltanto le leggi naturali, di fronte a un avvenimento apparentemente soprannaturale".
    "La letteratura è come un'arma micidiale con la quale il linguaggio compie il proprio suicidio".
    Bello, per quanto non uno spasso. Ma del resto è il testo fondante dell'analisi di un genere. Cmq ottimo e ben fatto, nonostante abbia più di 30 anni.

    ha scritto il 

  • 4

    Un testo critico fondamentale per gli appassionati di letteratura fantastica. E in particolar modo per chi ha deciso di muovere i primi passi, anche come scrittore, in questo mondo.

    ha scritto il 

  • 0

    IL classico che rilanciò negli anni Settanta l'interesse critico per la letteratura fantastica, ma schematico nelle tipologie e soprattutto, come ogni volta che si tentano delle classificazioni, incom ...continua

    IL classico che rilanciò negli anni Settanta l'interesse critico per la letteratura fantastica, ma schematico nelle tipologie e soprattutto, come ogni volta che si tentano delle classificazioni, incompleto (e a volte, anche confuso). Il corpus di testi su cui lavora, inoltre, è prevalentemente europeo, e se non ricordo male, di testi letti in francese. Oggi superato, però si può partire da qui per un approfondimento teorico sulla letteratura fantastica. Niente stelle perché resta comunque un imprescindibile.

    ha scritto il