Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La lettura. Kaštanka

Di

Editore: Adelphi (Biblioteca minima, 50)

3.9
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 71 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845926958 | Isbn-13: 9788845926952 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Tommaso Landolfi ; Postfazione: Giovanni Maccari

Genere: Fiction & Literature , Pets

Ti piace La lettura. Kaštanka?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tommaso Landolfi si specchia in Čechov: due magistrali assolo nei registri dell'umorismo e della commozione.
Ordina per
  • 4

    Ho sempre cercato nelle letture, ed in particolare quelle dei grandi scrittori russi, la traduzione di Landolfi, perchè questo è un connubio perfetto di adorati maestri!

    ha scritto il 

  • 5

    Grazie a un amico che me lo ha messo sotto gli occhi. L'ho letto in pochi minuti, un mezzo viaggio mentre il treno veloce mi scarrozzava in mezzo alla pianura. Ah che delizia "Kaštanka": con gli occhi della cagnetta, tra suggestioni pittoriche stranote e inseguimenti dietro ai sensi animali, ci s ...continua

    Grazie a un amico che me lo ha messo sotto gli occhi. L'ho letto in pochi minuti, un mezzo viaggio mentre il treno veloce mi scarrozzava in mezzo alla pianura. Ah che delizia "Kaštanka": con gli occhi della cagnetta, tra suggestioni pittoriche stranote e inseguimenti dietro ai sensi animali, ci si diverte davvero. Si sorride al gioco dei pensieri perché Cechov, come se entrasse nella testa della cagnetta, ce ne restituisce i pensieri, quasi i sentimenti. Un piccolo gioiello accompagnato da un racconto fulmineo sui 'pericoli' della "Lettura".

    ha scritto il 

  • 4

    la letteratura russa è piena di cagnolini

    Landolfi e Čechov dialogano attraverso la traduzione di due racconti, entrambi appartenenti alla prima produzione dello scrittore russo (rispettivamente 1884 e 1887).
    Comici e commoventi, puliti e squisitamente realistici, i personaggi di Čechov vengono reinterpretati da Landolfi, in un sot ...continua

    Landolfi e Čechov dialogano attraverso la traduzione di due racconti, entrambi appartenenti alla prima produzione dello scrittore russo (rispettivamente 1884 e 1887).
    Comici e commoventi, puliti e squisitamente realistici, i personaggi di Čechov vengono reinterpretati da Landolfi, in un sottile gioco artistico di equilibri e corrispondenze.

    Scrive Giovanni Maccari, nell'ottima postfazione:
    "In questo senso allora Čechov potrà rappresentare, agli occhi di Landolfi e non soltanto ai suoi, qualcosa come una possibilità di vivere, anche una possibilità di fare lo scrittore. Čechov è stato attivo in un momento e dentro una letteratura estremamente ricca di grandi figure, di cambiamenti e di passioni politiche e letterarie, ma nessuno ha aspirato con la medesima franchezza alla semplice condizione dello scrittore. Che poi è quella di essere libero, sia dalle ideologie, dai pregiudizi e dalle costrizioni, sia dalla stretta della miseria e della solitudine."

    Qui un'illustrazione di John Vernon Lord
    http://bit.ly/TRINlM

    ha scritto il