Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La linea d'ombra

Di

Editore: Einaudi

3.9
(4252)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 142 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Greco , Catalano

Isbn-10: 8806114255 | Isbn-13: 9788806114251 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Jesi ; Contributi: Cesare Pavese

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Travel

Ti piace La linea d'ombra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tra le più felici e celebrate opere di Conrad, scritta negli anni della primaguerra mondiale, "La linea d'ombra" rievoca la vera storia del primo comandotoccato al trentenne Joseph Conrad sul vapore Vidar. Alle qualità autobiografiche e drammatiche della vicenda, si aggiunge il racconto della crisi di unuomo, la fine della sua giovinezza, riassunta nella potente immagine dellalinea d'ombra.
Ordina per
  • 4

    Un bellissimo racconto di Conrad, scritto in tarda età, rievocando la sua esperienza da capitano al timone dell'Otago nei mari d'Oriente. Una scontentezza ribelle, un malessere chiamato libertà, la vo ...continua

    Un bellissimo racconto di Conrad, scritto in tarda età, rievocando la sua esperienza da capitano al timone dell'Otago nei mari d'Oriente. Una scontentezza ribelle, un malessere chiamato libertà, la voglia e la paura di oltrepassare quella linea d'ombra, nostalgia e allo stesso tempo sfinimento per quella prima giovinezza dove anche "le ombre rilucono di promesse". Ho letto di fila le prime cento pagine, dove Conrad racconta l'abbandono del suo porto sicuro, l'apatia di quel momento di transizione in cui l'ultimo orizzonte conosciuto è lontano e il prossimo ancora non s'intravede. "Tutto l'insieme rafforzava in me l'oscura sensazione che la vita non fosse altro che uno sciupio di giorni, sensazione che in parte inconsapevolmente mi aveva fatto abbandonare un comodo imbarco, allontanato da uomini che mi piacevano per sottrarmi alla minaccia del vuoto... per poi ritrovare la vacuità alla prima svolta".

    Poi la notizia della nomina a capitano, avvenuta per caso, per una fortunata serie di coincidenze, l'entusiasmo, l'euforia, lo sguardo del futuro capitano che cinge la sua nave dall'alto. Infine, l'inizio dell'avventura, quando la linea d'ombra si lascia alle spalle, il rendersi conto che forse la felicità è finita l'attimo primo che cominciasse l'incarico, il pensiero costante di non essere all'altezza, quasi un'amara metafora di molte vicissitudini umane.

    Ho trovato l'ultima parte meno eccitante e più lenta, ma è qui che compare quello che, secondo me, vince per ora il premio per il miglior personaggio non protagonista della letteratura anglofona, Ransome, il cuoco della nave, integro, appoggiato all'albero maestro, vigile e sereno.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho trovato magistrale la costruzione dei personaggi, a partire dalla prima persona dell'io narrante al primo comando (non a caso avrebbe dovuto essere questo il titolo dell'opera), con le sue incertez ...continua

    Ho trovato magistrale la costruzione dei personaggi, a partire dalla prima persona dell'io narrante al primo comando (non a caso avrebbe dovuto essere questo il titolo dell'opera), con le sue incertezze e la volontà messa a dura prova dalle circostanze ma che non cede alle superstizioni, incarnate dalle fosche tinte del secondo ufficiale Burns. Di grande spessore il personaggio del cambusiere Ransome, malato di cuore, che instaura con il protagonista un rapporto di stima reciproca. Ho trovato commovente il loro ultimo dialogo, in cui lui prova a trattenere Ransome a bordo ma il cambusiere, pover'uomo, che tanto ha dato nelle peripezie del viaggio, è stremato e ben conscio che nelle sue condizioni questa scelta gli potrebbe essere fatale.
    È la breve storia di un'avventura, della bonaccia di un oceano esterno contrapposta alla tempesta dell'interiorità alle prese con un evento in cui è forte la paura di non riuscire a superare quella linea d'ombra che gli permetterà di acquisire esperienza e maturità. Il che significa, a quanto pare, per Conrad, la coscienza dei propri limiti, la consapevolezza di poter incontrare delle avversità improvvise e non calcolate: emblematico anche qui il dialogo con il cambusiere, simbolo di quel maturo senso di sé a cui il protagonista approda dopo la sua avventura per mare.

    ha scritto il 

  • 1

    Mamma mia che delusione. La prima facciata, con la riflessione sulla giovinezza, mi aveva fatto ben sperare.
    Che brutto libro. Che noia. Senza storia, senza approfondimento, senza avventura, senza nie ...continua

    Mamma mia che delusione. La prima facciata, con la riflessione sulla giovinezza, mi aveva fatto ben sperare.
    Che brutto libro. Che noia. Senza storia, senza approfondimento, senza avventura, senza niente.
    Dubito che persino a chi interessino le storie di mare possa piacere. Figuriamoci a me. Non accade nulla, non ci sono descrizioni mirabili, non c'è sentimento, non c'è emozione... sembra forse che possa esserci un qualche mistero , ed invece si risolve tutto in nulla.
    Terribile.
    Conrad non fa decisamente per me.

    ha scritto il 

  • 4

    Una spossante bonaccia, il tumulto nell'animo del giovane capitano, e misteriosi segnali tutto intorno (le stelle che si smorzano; il buio materico, soprannaturale; i personaggi emblematici).

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro che ha richiesto poche ore di lettura. Spalmate in mesi. Piuttosto interessante quando mi decidevo ad aprirlo, facile da dimenticare quando non lo avevo sotto mano.
    Un po' deludente.

    Voto: 6/ ...continua

    Un libro che ha richiesto poche ore di lettura. Spalmate in mesi. Piuttosto interessante quando mi decidevo ad aprirlo, facile da dimenticare quando non lo avevo sotto mano.
    Un po' deludente.

    Voto: 6/10

    ha scritto il 

  • 4

    Storia di un giovane marinaio che, assegnato al comando di una nave in difficoltà, si ritrova a lottare contro la sua cattiva sorte, i propri errori, la propria coscienza, superando definitivamente qu ...continua

    Storia di un giovane marinaio che, assegnato al comando di una nave in difficoltà, si ritrova a lottare contro la sua cattiva sorte, i propri errori, la propria coscienza, superando definitivamente quella linea d'ombra che lo separava dall'età adulta.
    Un breve e piacevole romanzo.

    ha scritto il 

Ordina per