La linea d'ombra

Di

Editore: Rusconi Libri

3.9
(4411)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 115 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Greco , Catalano

Isbn-10: 881801627X | Isbn-13: 9788818016277 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Viaggi

Ti piace La linea d'ombra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Era il primo libro di Conrad che leggevo, mi ha catturata. Mi piacciono le storie di marinai. Me lo sono portato dietro anche nei momenti in cui non leggevo, è stato uno di quei libri a cui non posso ...continua

    Era il primo libro di Conrad che leggevo, mi ha catturata. Mi piacciono le storie di marinai. Me lo sono portato dietro anche nei momenti in cui non leggevo, è stato uno di quei libri a cui non posso fare a meno di pensare anche quando faccio altro. Bello. Penso proprio che leggerò altre cose di Conrad.

    ha scritto il 

  • 5

    Ci sono momenti della vita in cui ci sentiamo irrequieti e nulla sembra bastarci. Momenti in cui mettiamo in discussione tutto e tutti. Proprio in quei momenti cambia il nostro mondo, come succede a C ...continua

    Ci sono momenti della vita in cui ci sentiamo irrequieti e nulla sembra bastarci. Momenti in cui mettiamo in discussione tutto e tutti. Proprio in quei momenti cambia il nostro mondo, come succede a Conrad nel suo primo comando: sceglie in maniera ingenua, resta in balia degli eventi e poi, di punto in bianco, si ritrova cambiato e diverso. Un libro da divorare.

    ha scritto il 

  • 4

    L'ossessione della responsabilità

    Che cos’è la linea d’ombra? È una linea immaginaria che delimita l’essere umano dalla sana incoscienza alla serena consapevolezza; questa linea si oltrepassa in maniera non determinata ma a causa di p ...continua

    Che cos’è la linea d’ombra? È una linea immaginaria che delimita l’essere umano dalla sana incoscienza alla serena consapevolezza; questa linea si oltrepassa in maniera non determinata ma a causa di particolari circostanze che accadono in maniera improvvisa e ci immergono in una dimensione di responsabilità e coscienza di tutto ciò che da qual momento in poi potrà avvenire e si dovrà affrontare nel nostro percorso vitale. Non si può dire che esista un’età specifica in merito ma, in linea di massima, questo importante cambiamento mentale e spirituale ha luogo con ciò che si definisce fine della giovinezza e subentro nell’età matura; di conseguenza la variabilità di tale condizione è veramente elevata.
    Parliamo del romanzo di Conrad, il primo che leggo di quest’autore. La vicenda si svolge nei primi anni del novecento nei paesi del sud-est asiatico; un giovane ufficiale di marina sbarca inspiegabilmente da una nave, dove aveva l’incarico di secondo ufficiale, a Singapore per ritornare in patria. Durante la breve permanenza in questo porto si presenta una mirabile occasione di avere il comando, il suo primo comando, su un mercantile di stanza a Bangkok; l’anelito cui il giovane mirava, quasi fosse un sogno, si realizza all’improvviso in un’atmosfera quasi surreale dalla quale emergono numerosi interrogativi. Appena a bordo della sua nave con il grado di comandante, si rende subito conto di un minaccioso mistero che aleggia sull’equipaggio travolto dalle febbri tropicali che fiaccano in malo modo tutte le attività necessarie alla navigazione.
    Ecco tracciarsi la famigerata linea d’ombra! La responsabilità improvvisa cui è sottoposto il giovane; la necessità di decidere e ordinare le misure più consone atte a ridurre l’impatto della condizione malsana; avere nelle proprie mani la destinazione del vascello e la vita dei propri uomini senza poter contare su nessun’altra persona che possa indirizzarlo sul percorso retto e senza ostacoli. E’ la figura del comandante, uomo solitario in mezzo all’oceano, a combattere gli elementi della natura e le superstizioni impregnate nell’animo di ogni componente dell’equipaggio. Un romanzo introspettivo che mette in risalto le debolezze celate nell’essere umano.

    ha scritto il 

  • 3

    UN MARE DI CATTIVA SORTE!

    "[...] un uomo deve affrontare la sua cattiva sorte, i propri errori, la propria coscienza. D'altronde, con che cosa si dovrebbe lottare, altrimenti?"(p. 120).
    Mi sembra che questo estratto sintetizzi ...continua

    "[...] un uomo deve affrontare la sua cattiva sorte, i propri errori, la propria coscienza. D'altronde, con che cosa si dovrebbe lottare, altrimenti?"(p. 120).
    Mi sembra che questo estratto sintetizzi benissimo tutto il contenuto di questa piacevole opera autobiografica di Conrad.

    ha scritto il 

  • 3

    No, no, la verità è che nella vita non bisogna dare troppo peso a nulla, né al bene, né al male

    Un bel romanzo-diario, che ho avuto la fortuna di leggere probabilmente al momento giusto.
    Pesante in alcuni tratti, riesce a trasmettere perfettamente il senso di angoscia e impotenza, l'ansia e lo ...continua

    Un bel romanzo-diario, che ho avuto la fortuna di leggere probabilmente al momento giusto.
    Pesante in alcuni tratti, riesce a trasmettere perfettamente il senso di angoscia e impotenza, l'ansia e lo sconforto si percepiscono come se si stesse sul ponte di quella nave.

    ha scritto il 

Ordina per