Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La llamada de lo salvaje

By

Publisher: AIMS International Books

4.1
(3865)

Language:Español | Number of Pages: 157 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Galego , Catalan , Italian , German , French , Chi simplified , Portuguese , Norwegian , Swedish

Isbn-10: 8495311062 | Isbn-13: 9788495311061 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Pets , Travel

Do you like La llamada de lo salvaje ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
La historia de un perro que pasa de la vida doméstica a la salvaje entre lobos
Sorting by
  • 4

    Buck non leggeva i giornali

    http://www.ryo.it/2015/01/27/il-richiamo-della-foresta-jack-london/
    Il loro male era uno solo: una stanchezza mortale. Non quella che proviene da uno sforzo breve e intenso, da cui ci si riprende in qualche ora, ma la stanchezza che segue a una perdita graduale e prolungata di forze dovu ...continue

    http://www.ryo.it/2015/01/27/il-richiamo-della-foresta-jack-london/
    Il loro male era uno solo: una stanchezza mortale. Non quella che proviene da uno sforzo breve e intenso, da cui ci si riprende in qualche ora, ma la stanchezza che segue a una perdita graduale e prolungata di forze dovuta a mesi di fatica. Non avevano più potere di recupero, né una riserva di energia a cui fare appello. Tutto era stato bruciato, fino all’ultima briciola.

    said on 

  • 4

    Tra i vari romanzi americani, questo è quello che più mi è sembrato appartenere, anima e corpo, alla terra rossa statunitense.
    Lo stacco tra London e i predecessori è notevole: se Hemingway rintraccia nei capitoli centrali di Huckleberry Finn i primi vagiti della letteratura statunitense de ...continue

    Tra i vari romanzi americani, questo è quello che più mi è sembrato appartenere, anima e corpo, alla terra rossa statunitense.
    Lo stacco tra London e i predecessori è notevole: se Hemingway rintraccia nei capitoli centrali di Huckleberry Finn i primi vagiti della letteratura statunitense del ventesimo secolo, autonoma, svincolata dalla madrepatria, con questo lavoro il distacco è totale, la distanza notevole e la singolarità lampante. Si vede, si sente quello che È lo spirito americano: la brama di vita, di esperienza, di vagabondaggi on the road; la violenza che pulsa e che sgorga, in una lotta del singolo contro il singolo e contro il mondo per la rivendicazione di un proprio spazio; la potenza della natura, maestosa, brutale, il suo ghiaccio, il vento, le distese a perdita d'occhio. Cento pagine secche, senza fronzoli, pregne di sangue, sudore, corsa e stelle.

    said on 

  • 3

    Wake up wake up!

    Buck, mitico cagnone mezzo lupone non si perde un goccio della propria esistenza, da fido cane da accompagno a terrore delle terre innevate. Istinto, violenza, orgoglio e tanta, tanta natura in questa volata a tratti mistica alla riscoperta del proprio cosmo esistenziale e delle proprie origini a ...continue

    Buck, mitico cagnone mezzo lupone non si perde un goccio della propria esistenza, da fido cane da accompagno a terrore delle terre innevate. Istinto, violenza, orgoglio e tanta, tanta natura in questa volata a tratti mistica alla riscoperta del proprio cosmo esistenziale e delle proprie origini ataviche, tra scontri canini a meno quarantacinque gradi, meschinità umane di vario genere e straordinari rapporti d'amore. Ribelle e romantico, un libro per tutti, scritto di getto da quel bandito di Jack London con un protagonista che a tratti sentiamo fin troppo vicino.

    said on 

  • 5

    Meraviglioso e indimenticabile

    Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Anche se non sono un appassionato di cani, questo libro mi farebbe quasi venir voglia di averne uno, grande e potente come Buck, per poi portarlo in Alaska e farlo tornare alle sue inclinazioni ancestrali, allo stato di lupo, alla natura selvaggia che ...continue

    Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Anche se non sono un appassionato di cani, questo libro mi farebbe quasi venir voglia di averne uno, grande e potente come Buck, per poi portarlo in Alaska e farlo tornare alle sue inclinazioni ancestrali, allo stato di lupo, alla natura selvaggia che esisteva prima dell'uomo in tutta la sua violenza e bellezza. Un libro indimenticabile.

    said on 

  • 4

    Un grande

    E' vero: la categoria di "letteratura per ragazzi" va molto stretta alla straordinaria opera di London, racconto al 100% benché di forte caratura filosofica. Oggi la possiamo accettare che è un testo he andrebbe letto prestissimo per incorporarlo nella propria biblioteca ideale accanto ai classic ...continue

    E' vero: la categoria di "letteratura per ragazzi" va molto stretta alla straordinaria opera di London, racconto al 100% benché di forte caratura filosofica. Oggi la possiamo accettare che è un testo he andrebbe letto prestissimo per incorporarlo nella propria biblioteca ideale accanto ai classici da rileggere, citare e considerare come antecedenti imprescindibili di tante altre opere successive.

    said on 

  • 4

    La belllezza della cruda natura

    Il modo che possiede London di descrivere la crudezza e al tempo stesso la bellezza della natura è qualcosa di unico, di eccezionale. Una storia dura, cruda e cruenta, dove la legge del più forte è più viva che mai. Libro da leggere assolutamente!

    said on 

  • 5

    Molto più che un capolavoro. La bellezza sublime della Natura che si riscuote dal torpore cui era confinata nella vita civile, riaffermando i suoi diritti e riconducendo gli esseri viventi alla scoperta della parte più vera di se stessi. Alla fine, dopo un lungo percorso che lo porta a prendere ...continue

    Molto più che un capolavoro. La bellezza sublime della Natura che si riscuote dal torpore cui era confinata nella vita civile, riaffermando i suoi diritti e riconducendo gli esseri viventi alla scoperta della parte più vera di se stessi. Alla fine, dopo un lungo percorso che lo porta a prendere coscienza della parte più autentica, selvaggia della sua anima, Buck, il maestoso cane-lupo protagonista del racconto, diventa veramente se stesso.

    said on 

Sorting by
Sorting by