Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La locandiera

Capolavori della Letteratura in miniatura

By Carlo Goldoni

(242)

| Mass Market Paperback

Like La locandiera ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

2 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Relazione su Mirandolina di Jonathan Ganebo

    "Tutto il mio piacere consiste in vedermi servita, vagheggiata, adorata. [...] e voglio usar tutta l'arte per vincere, abbattere e conquassare quei cuori barbari, e duri, che son nemici di noi, che siamo la miglior cosa che abbia prodotto al mond ...(continue)

    "Tutto il mio piacere consiste in vedermi servita, vagheggiata, adorata. [...] e voglio usar tutta l'arte per vincere, abbattere e conquassare quei cuori barbari, e duri, che son nemici di noi, che siamo la miglior cosa che abbia prodotto al mondo la bella madre natura."

    Una delle citazioni chiave che descrivono la vera Mirandolina, personaggio della commedia "La locandiera" di Carlo Goldoni, nonché sua protagonista. Citazione tratta a distanza di quattro scene da quella in cui Mirandolina incontra per la prima volta il Cavaliere, che non si pone alcun problema di etica nel far emergere tutta la sua misoginia. Immediata quindi la reazione della "padrona di casa" che nel suo primo monologo si rivela infastidita dai toni e dai modi del suo cliente, come se ferita nell'animo. Probabile causa di questa sua contrarietà può definirsi l'orgoglio: padrona di una locanda che gode di gran prestigio, non riesce ad accettare il rifiuto da parte di un uomo; non dopo essersi viziata nel tempo con le moine, i doni e le attenzioni di tutti i suoi clienti e servi; non dopo essersi creata un'immagine di sé che nulla ha da invidiare a personaggi di estrazione sociale più elevata. Cerca vendetta ed è pronta ad ogni cosa pur di arrivare al suo obiettivo, senza mezze misure. "voglio usar tutta l'arte per vincere", dice. Ciò che la rende così pericolosamente capace è la sua consapevolezza di possedere tutti gli strumenti per raggiungere la sua meta: abbattere le difese del Cavaliere fino a farlo innamorare completamente. Ma a lei non basta vincere, vuole umiliarlo. Vede il suo agire come un riscatto sociale: lei, donna, ha la supremazia inequivocabile su di lui, uomo. Nessuna obiezione.
    Mirandolina è un rettile, a sangue freddo. Un serpente, di quelli asiatici, variopinti, che strisciano vistosi verso la preda che distratta dalla danza di colori, pur consapevole di essere prossima alla morte, si lascia avvicinare, ignara del motivo. Fino a quando, sufficientemente vicini, scagliano il più micidiale dei morsi, iniettando veleno che accieca, fa perdere il controllo di sé ...uccide. Analogamente, il Cavaliere è consapevole delle intenzioni della locandiera, conosce il suo secondo fine, eppure le permette di sgretolare le proprie mura difensive, mattone dopo mattone, fino a rimanere inerme di fronte a lei, in attesa del morso finale che non aspetta ad arrivare. Ma il veleno di Mirandolina è forse anche più pericoloso di quello della più velenosa vipera: non uccide, e se c'è qualcosa peggiore della morte, è un'esistenza marchiata a fuoco dal dolore e dalla sofferenza, un'ustione che prende tempo per cicatrizzarsi e che nel frattempo tende sempre a riaprirsi. Ed è questa la vendetta di Mirandolina che, consapevole delle conseguenze, decide comunque di attuare. Ciò che più spaventa è che le sue azioni non sono spinte dall'istinto di sopravvivenza ma dal desiderio di colmare, quasi per capriccio, una sua mancanza. E calcola, manipola, provvede ma non prevede. Quando la situazione comincia a sfuggirle di mano, batte in ritirata, approfittandosi, senza farsi scrupoli, dei sentimenti del suo inserviente. E' costretta a dire addio ai doni e alle attenzioni del suo seguito di corteggiatori, un pezzo significante da sacrificare, in quella partita a scacchi di cui ne esce comunque vincitrice.

    Is this helpful?

    Jonathan Ganebo said on Apr 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Di tutti i testi teatrali di Goldoni, la Locandiera è quello che più mi è piaciuto, scorrevole e piacevole al punto giusto

    Is this helpful?

    Gatto Nero said on Nov 29, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (242)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Mass Market Paperback 356 Pages
  • ISBN-10: A000167011
  • Publisher: De Agostini
  • Publish date: 2003-01-01
Improve_data of this book