La logica aperta della mente

Di

Editore: Codice edizioni

4.2
(11)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback

Isbn-10: 8875780900 | Isbn-13: 9788875780906 | Data di pubblicazione: 

Genere: Computer & Tecnologia

Ti piace La logica aperta della mente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
L'attuale fase delle neuroscienze ripropone la domanda di una visione unitaria della mente all'interno della quale poter collocare i molti tasselli di un puzzle che appare sempre più complicato. Quali sono le relazioni tra mente e cervello, e tra mente e mondo fisico? Che tipo di informazione entra in gioco nei processi cognitivi? E possibile una teoria matematica della coscienza? Ognuno dei modelli finora proposti, quelli logico-simbolici dell'intelligenza artificiale, le reti neurali e i sistemi dinamici, cattura solo una piccola parte del problema. Questa irriducibilità è ben nota a chi si occupa di processi emergenti nei sistemi complessi, in cui le relazioni tra sistema e ambiente si modificano continuamente e producono nuove regole e comportamenti. Una teoria generale dei processi cognitivi deve essere dunque intesa come una scala di complessità in grado di abbracciare sia il computer sia gli aspetti biologici della cognizione all'interno di una visione unitaria che colga l'aspetto essenziale: che la logica della mente è aperta, non si limita a elaborare risposte a problemi predefiniti ma progetta di continuo nuovi "giochi".
Ordina per
  • 0

    E' ora che anche i fisici dicano la loro sulla mente. Per la verità Licata non è il primo, ma sicuramente ha il pregio di fare una rassegna organica e convincente e di trarre interessanti conclusioni ...continua

    E' ora che anche i fisici dicano la loro sulla mente. Per la verità Licata non è il primo, ma sicuramente ha il pregio di fare una rassegna organica e convincente e di trarre interessanti conclusioni basate su una vasta letteratura e su un rigore epistemologico che assesta un altro cazzotto sia a facili riduzionismi sia a discutibili rigurgiti di dualismo.

    ha scritto il