La lunga marcia

Di

Editore: Sperling & Kupfer

4.0
(2965)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 278 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Olandese , Polacco , Norvegese , Ceco

Isbn-10: 8882744825 | Isbn-13: 9788882744823 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Beata Della Frattina

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La lunga marcia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dai confini con il Canada sino a Boston a piedi, senza soste. Una sfida mortale, con un regolamento implacabile, per cento volontari: un passo falso, una caduta, un malore, e si viene abbattuti. Ma chi riesce a tagliare il traguardo otterrà il Premio. Tra i partecipanti, fra cui spicca il sedicenne Garraty, si creano rapporti di sfida, di solidarietà e di lucida follia, lungo il terribile percorso scandito dagli incitamenti della folla assiepata ai margini della strada. Un incubo on the road che solo King (RichardBachman) poteva concepire...
Ordina per
  • 0

    La via

    Non saprei come classificare questo genere di libro, forse è una "parabola" della vita, la via come cammino in cui cercare soprattutto il "perché" e camminare vicino ad altri che pure sono in ricerca, ...continua

    Non saprei come classificare questo genere di libro, forse è una "parabola" della vita, la via come cammino in cui cercare soprattutto il "perché" e camminare vicino ad altri che pure sono in ricerca, disponibili anche a cambiare opinione su noi stessi e sugli altri. Può servire anche per ricordarci di gustare il bene delle cose belle e buone che abbiamo e che magari non vediamo....

    ha scritto il 

  • 3

    Devo fare subito due premesse. La prima è che aspettavo di leggere questo autore da circa 25 anni, ma per un motivo o per l'altro ho sempre rimandato.
    Da ragazzo ricevevo pressioni inaudite da amici e ...continua

    Devo fare subito due premesse. La prima è che aspettavo di leggere questo autore da circa 25 anni, ma per un motivo o per l'altro ho sempre rimandato.
    Da ragazzo ricevevo pressioni inaudite da amici e compagni che dovevo assulutamente leggere tutto di King ma forse per puntiglio ho sempre deciso di fare il bastian contrario.
    Ma poi non potevo assolutamente non incontrare quello che è considerato il maggior narratore americano dei nostri tempi. Diciamo che le aspettative erano molto alte.

    Poi c'è stato il difficile compito di scegliere il romanzo con cui iniziare; mi ero quasi deciso di partire con "Shining" quando la fratellanza della fantascienza mi ha fornito l'occasione di leggere "La lunga marcia".

    E qui è nato subito il problema. Infatti nella mia edizione c'è una prefazione dello stesso King che spiega i motivi per cui ha utilizzato uno pseudonimo per alcune opere, e in questa prefazione bello tranquillo dice che il libro che sto per leggere è buoni si, ma niente di speciale.

    Ops, da qui la mia valutazione non può essere certo obiettiva, chi sono io per giudicare un libro meglio dell'autore stesso.
    Per essere sinceri il libro mi è sembrato più che buono, molto di quello che mi aspettavo c'è, soprattutto l'affresco di una America provinciale e profonda pennellata con freschezza tramite le storie,, i volti, i luoghi più comuni.
    Forse si è un po' sottratto nel finale, che per una gara e comunque fondamentale.

    Detto tutto questo non posso che dargli un 6 politico.

    ha scritto il 

  • 4

    Tutti i giochi sembrano onesti se ci si lascia imbrogliare una volta sola.

    La lunga marcia è un percorso, una lettura che accompagna il lettore attraverso vari stati d'animo: curiosità, ansia, paura, terrore...
    E' avvincente, ma incredibilmente doloroso.

    ha scritto il 

  • 4

    Pur essendo datato, non dimostra i suoi anni e nemmeno l'immaturità di King come scrittore. Cinico e spietato, questo breve libro mi ha tenuta incollata fino all'ultima pagina, nonostante la trama si ...continua

    Pur essendo datato, non dimostra i suoi anni e nemmeno l'immaturità di King come scrittore. Cinico e spietato, questo breve libro mi ha tenuta incollata fino all'ultima pagina, nonostante la trama sia "monotona", se così si può dire, come solo un autore così riesce a ottenere dai sui scritti

    ha scritto il 

  • 5

    Una lunga marcia.
    100 ragazzi che patecipano.
    1 grande premio: il vincitore potrà chiedere quello che vuole.
    Fin qui sembra tutto semplice, ma con un premio così importante il prezzo da pagare è alto: ...continua

    Una lunga marcia.
    100 ragazzi che patecipano.
    1 grande premio: il vincitore potrà chiedere quello che vuole.
    Fin qui sembra tutto semplice, ma con un premio così importante il prezzo da pagare è alto: centinaia di chilometri senza mai fermarsi e dopo tre richiami la morte.
    Stephen King ci porta in questa strana avventura fatta di tanti protagonisti che si fanno conoscere e si conoscono durante questo lungo viaggio fra stanchezza fisica, momenti divertenti, grotteschi, paura e follia.
    Una marcia lunga 279 pagine dove la grande domanda "Perché lo facciamo" non ha una risposta, perché l'unica cosa che conta e continuare, un passo dopo l'altro verso una nuova consapevolezza.

    Davvero: leggetelo e non ne rimarrete delusi.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Folle

    Un libro strano, ambientato non si sa bene quando in un'America dove gli Stati Uniti non sono quelli che conosciamo. Distopico? Forse ucronico.
    Una lunga marcia il cui contorno è solo accennato, ma no ...continua

    Un libro strano, ambientato non si sa bene quando in un'America dove gli Stati Uniti non sono quelli che conosciamo. Distopico? Forse ucronico.
    Una lunga marcia il cui contorno è solo accennato, ma non importa: importa solo la strada. La strada e le persone che marciano sulla strada. Ai lati, i curiosi guardano i marciatori e tifano per loro, giorno dopo giorno, intanto che telecamere li riprendono.
    C'è il sole e la strada è calda e si estende all'infinito, poi piove, e la strada continua, e bisogna marciare, e viene la notte, e non ci si può fermare, e torna mattino, e poi pomeriggio, e di nuovo la notte, e la notte passa, e le facce ai lati della strada si fondono, e la strada continua e...qual'è la prossima città? Quanti chilometri abbiamo fatto?
    Cosa importa? La strada non finisce, finchè resta qualcuno che continua a marciare...
    Ma voi perchè state marciando? Chi partecipa alla lunga marcia non lo fa perchè spera di vincere, ma perchè, nel profondo, sa di non volerlo nemmeno. E' solo l'instinto di sopravvivenza che non ci lascia smettere di camminare, anche se i piedi fanno male e si hanno i crampi, anche se c'è la grandine, anche se le suole si stanno staccando dalle scarpe...

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Questo racconto di Stephen King, non è del Horror, ma del "terrore"... paura di non riuscire ad arrivare sani e salvi con il protagonista!
    Un bellissimo libro di adrenalina pura con la A maiuscola, pe ...continua

    Questo racconto di Stephen King, non è del Horror, ma del "terrore"... paura di non riuscire ad arrivare sani e salvi con il protagonista!
    Un bellissimo libro di adrenalina pura con la A maiuscola, perchè questa storia non ti lascia respirare fino alla fine... un gioco a premi (un reality-grande fratello) ma come premio vero e proprio per i partecipanti è la loro stessa vita! perchè se ti fermi, sei finito! (qua non ce la pubblicità e il televoto a salvarti).
    Un racconto cinico, spietato, che ti inchioda alla poltrona senza mai staccare gli occhi dalle pagine... perchè vuoi vedere come finisce!

    ha scritto il 

  • 4

    Anche la Morte fa indigestione

    Definirlo coinvolgente è un eufemismo. Arrivi ad un punto, durante la lettura, in cui senti quello che sentono i personaggi, anche se sei rimasto tutto il tempo comodamente spalmato sul divano: i pied ...continua

    Definirlo coinvolgente è un eufemismo. Arrivi ad un punto, durante la lettura, in cui senti quello che sentono i personaggi, anche se sei rimasto tutto il tempo comodamente spalmato sul divano: i piedi fanno male, le ginocchia si indolenziscono, il freddo arriva alle ossa, le palpebre si chiudono, ti chiedi come hai fatto ad arrivare fino a quel punto e perché. Potrei contare sulle dita di una mano quante volte un libro mi ha catturata fino a questo punto.
    Da leggere con le scarpe comode.

    ha scritto il 

Ordina per