Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La lunga vita di Marianna Ucria

I grandi romanzi italiani n. 4

Di

Editore: RCS Quotidiani - Corriere della Sera

3.9
(3260)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 286 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: A000028186 | Data di pubblicazione: 

Prefazione: Bossi Fedrigotti Isabella

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Ti piace La lunga vita di Marianna Ucria?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Buono ma un po' pesante

    Ambientazione accurata storia che senza dubbio merita attenzione. Ma vuoi per la lunghezza di alcuni passi, vuoi per la pesantezza del tema trattato, pur essendo un quadro meritevolissimo della Sicilia dell'epoca, l'ho trovato duro da digerire. Interessante ma non un capolavoro.

    ha scritto il 

  • 5

    Una donna che infrange la prevaricazione

    In questo romanzo, dedicato a una sua antenata, Dacia Maraini descrive in maniera approfondita e con dovizia di particolari, le persone, gli accadimenti, i luoghi, gli usi e costumi, i pregiudizi e le miserie nella Sicilia del ‘700 con particolare riguardo all’allora nobiltà locale.


    Protag ...continua

    In questo romanzo, dedicato a una sua antenata, Dacia Maraini descrive in maniera approfondita e con dovizia di particolari, le persone, gli accadimenti, i luoghi, gli usi e costumi, i pregiudizi e le miserie nella Sicilia del ‘700 con particolare riguardo all’allora nobiltà locale.

    Protagonista è Marianna, una duchessa appartenente al casato degli Ucrìa, che fin da bambina, a causa di un trauma subìto ma volutamente negato dalla famiglia, è diventata muta (la mutola); riesce a comunicare con l’esterno attraverso la scrittura. La tradizione dell’epoca esige per le figlie femmine della buona società aristocratica, un matrimonio combinato oppure il convento di clausura; quindi il padre decide di darla in sposa, a soli tredici anni, a un anziano zio con il quale inizia una vita regolata da numerose gravidanze e priva d’affetto; Marianna è infelice anche a causa dei molti lutti che colpiscono la sua famiglia, tra questi, il più atroce, la malattia e la morte dell’ultimo figlio all’età di soli quattro anni.

    La morte del piccolo figlio cambierà in maniera decisiva l’atteggiamento di Marianna che inizia a rifiutare le attenzioni sessuali del vecchio marito-zio e, nel contempo, si dedica alla lettura degli innumerevoli libri facenti parte della ricca biblioteca di famiglia. Alla morte del marito dedicherà il suo tempo all’amministrazione dei propri beni e aprirà la sua anima a un amore proibito. E’ una ribellione inaccettabile per le tradizioni e la mentalità dell’epoca, come anche la decisione di lasciarsi alle spalle la sua terra e partire per il continente alla ricerca di se stessa.

    La narrazione induce a profonda riflessione mettendo in luce la totale prevaricazione sulle donne in una società di stampo patriarcale; d’altro canto il personaggio di Marianna vuole enfatizzare la donna che vince i pregiudizi e affermare la propria personalità al di fuori di certi schemi fortemente stereotipati che la circondano.

    Un romanzo che si legge molto bene nonostante qualche passaggio dialettale necessario per il realismo della vicenda stessa.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho trovato interessante la protagonista, ma la storia, il ritmo narrativo e lo stile non sono stati di mio gradimento.
    E' il primo libro che leggo di Dacia Maraini, dopo aver letto qualche libro del padre, di cui sono un ammiratore, ma non mi ha entusiasmato.

    ha scritto il 

  • 4

    ambientato in Sicilia nell'800... la storia della vita di una ragazzina (e poi donna) forte! che subisce violenza, diventa sordomuta, ma vive la sua vita e le sue passioni.. bellissimo!! da leggere...

    ha scritto il 

  • 5

    Un affresco della Sicilia settecentesca davvero bellissimo.
    La storia di una donna affascinante e intelligente, che riesce a crearsi una cultura, impensabile per le donne siciliane del suo tempo, e una vita alla fine anche appagante, nonostante tutti gli ostacoli e gli eventi drammatici che ...continua

    Un affresco della Sicilia settecentesca davvero bellissimo.
    La storia di una donna affascinante e intelligente, che riesce a crearsi una cultura, impensabile per le donne siciliane del suo tempo, e una vita alla fine anche appagante, nonostante tutti gli ostacoli e gli eventi drammatici che è costretta a subire fin dall'infanzia.

    ha scritto il 

  • 4

    I romanzi storici devo ammetterlo sono una mia grande passione, e sopratutto se sono scritti bene...
    DI romanzi storici italiani mi capita raramente di leggerne di qualità, e questo senza ombra di dubbio è uno di quelli.
    La mia precedente esperienza con la Maraini non era stata delle ...continua

    I romanzi storici devo ammetterlo sono una mia grande passione, e sopratutto se sono scritti bene...
    DI romanzi storici italiani mi capita raramente di leggerne di qualità, e questo senza ombra di dubbio è uno di quelli.
    La mia precedente esperienza con la Maraini non era stata delle migliori, ma con Marianna mi sono ricreduta, rispetto a quello che le succede con l' italia del novecento (il treno dell' ultima notte), la Maraini sa bene dove mettere le mani nella Sicilia del 700/800.
    Ed eccola che muove agilmente le parole ,come Marianna,sulla propria carta.
    I colori, gli odori, perfino il modo di pensare dei personaggi sono descritti magnificamente e non riesci a metter giù il libro fino all' ultimo pensiero di Marianna e anche tu per un po ti soffermi a guardare scorrere il Tevere, non poi così lontano da dove sei partito...
    In sostanza mi è davvero dispiaciuto chiudere il libro ieri notte,forse perché anche io, come Marianna sono innamorata dei luoghi in cui vive...

    ha scritto il 

Ordina per