Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La magica medicina

By Roald Dahl

(1145)

| Mass Market Paperback | 9788877820464

Like La magica medicina ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

George ha una nonna insopportabile, che lo disgusta raccontandogli come sono buoni da mangiare vermi e scarafaggi, che scrocchiano così bene sotto i denti.
Cosa può fare allora il povero George, se non preparare una magica medicina che le cambi un p Continue

George ha una nonna insopportabile, che lo disgusta raccontandogli come sono buoni da mangiare vermi e scarafaggi, che scrocchiano così bene sotto i denti.
Cosa può fare allora il povero George, se non preparare una magica medicina che le cambi un po' il carattere, mescolando deodorante e polvere antipulci, antigelo e cera per scarpe?
La nonna cambia, eccome! Non potete neanche lontanamente immaginare come cambia!

94 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sempre unico Roald Dahl, si torna bambini ogni volta..

    Is this helpful?

    chia said on Aug 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    divertentissimo e dopo averlo letto avresti l'idea a provare tu stessa a creare la magica medicina, mettendo cosmetici e prodotti alimentare, prodotti per la casa e liquidi per motori ed esterni.

    Is this helpful?

    Alessandra Zambon said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La magia medicina

    Un libro molto carino che racconta una buffa avventura di un bambino e racconta anche come vive la sua vita un bambino comune!!

    Is this helpful?

    Giuly said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un nen que es diu Jordi viu en una granja amb la seva mare, el seu pare i la seva àvia (aquesta és egoista antipàtica...etc).

    Un dia el seu pare i la seva mare han d'anar a comprar ,i ell es queda amb la seva àvia.
    L'àvia s'ha de prendre una medicin ...(continue)

    Un nen que es diu Jordi viu en una granja amb la seva mare, el seu pare i la seva àvia (aquesta és egoista antipàtica...etc).

    Un dia el seu pare i la seva mare han d'anar a comprar ,i ell es queda amb la seva àvia.
    L'àvia s'ha de prendre una medicina en una hora concreta.
    Quan es queden sols en Jordi pensa un pla per venjar-se de la seva àvia,(de totes les coses que li ha fet.)
    Va per tota la casa buscant productes de neteja, maquillatge, menjar per a animals pintura...etc.
    I quan ha acabat li dóna canviant-ho pel pot de la medecina. Quan l'àvia s'ho pren es fa molt alta, i li surt el cos per la teulada.
    Quan arriba el pare d'en Jordi de comprar...

    Sofia Catalán

    Is this helpful?

    Bibliotecacostaillobera said on Jan 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un bambino di nome George ha una nonna che ogni mattina deve prendere la sua medicina marrone.
    Al bambino, la nonna sembra una strega e un giorno decide di prepararle una medicina magica per farla tornare normale.
    Gli ingredienti sono i più disparati ...(continue)

    Un bambino di nome George ha una nonna che ogni mattina deve prendere la sua medicina marrone.
    Al bambino, la nonna sembra una strega e un giorno decide di prepararle una medicina magica per farla tornare normale.
    Gli ingredienti sono i più disparati: shampoo, sapone da barba, crema per viso, ecc.
    Quando le dà la medicina, la nonna fa un salto e si gonfia come un pallone, poi si sgonfia e poi parte verso il cielo, passando dal camino. Poi torna come prima.
    Il ragazzo inventa un'altra medicina che fa diventare gli animali giganteschi, la prende, diventa gigante. Poi con un'altra, diventa piccola e scompare.

    Is this helpful?

    Gregorio said on Oct 5, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    George non disse parola. Si sentiva tremare dentro, sapeva che qualcosa di straordinario aveva avuto luogo quella mattina. Per alcuni brevi istanti aveva sfiorato con la punta delle dita il limite di un mondo magico.

    Di solito le nonne sono c ...(continue)

    George non disse parola. Si sentiva tremare dentro, sapeva che qualcosa di straordinario aveva avuto luogo quella mattina. Per alcuni brevi istanti aveva sfiorato con la punta delle dita il limite di un mondo magico.

    Di solito le nonne sono care, dolci vecchiette che ti coccolano e ti preparano dolci, ma per George non è così. George è un bambino di otto anni costretto, quando i genitori non ci sono, a subire le angherie di una nonna che, oltre ad essere una vera e propria megera, forse è anche una strega.
    Così, quando si avvicina l’ora della medicina, George decide di confezionargliene una nuova, una migliore. Gli ingredienti? Tutto ciò che in casa lo ispirerà…

    Non intendeva perdere tempo chiedendosi se metterci dentro un po’ di questo o un pizzico di quello. Molto semplicemente avrebbe messo dentro TUTTO ciò che riusciva a trovare. Non avrebbe traccheggiato, nicchiato, esitato; non si sarebbe chiesto se un particolare ingrediente avrebbe steso a terra la vecchia befana o no. La regola sarebbe stata questa: qualunque cosa vedeva, purché fosse liquida, in polvere o cremosa, ce l’avrebbe sbattuta dentro.

    Da piccola non avevo moltissimi libri. Di Dahl solo due. Il mio era Matilde, mentre La magica medicina era di mio sorella (e ora è mio, MIO, muahaha).
    Sono molto legata a questo libro: per alcuni magari non è il migliore di Dahl, ma se, come me, l’avete letto un’infinità di volte e vi ha accompagnato per quindici anni della vostra vita, capirete per non è solo un libro. È una pietre miliare.
    Quante volte ho sognato di andare in giro per casa con una grossa pentola e creare la mia medicina? (mi frenava solo il fatto di non avere una nonna a cui somministrarla).
    Io non leggevo di George , ma lo accompagnavo, ero con lui: mentre spruzzava la schiuma da barba nella pentola o ci buttava gli “untuosi” rossetti; ero con lui in cucina mentre, bollendo, la strana mistura esalava misteriosi fumi…
    E, come George, alla fine dell’avventura avevo i brividi.

    Is this helpful?

    Lucy said on Sep 28, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book