La maschera e le tenebre

Kushiel trilogy vol. 3

Voto medio di 920
| 148 contributi totali di cui 141 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Phèdre nó Delaunay non è soltanto una delle cortigiane più ammirate di Terre D’Ange, ma anche un’abilissima spia, che in diverse occasioni ha messo a repentaglio la propria vita per proteggere il regno. Ed è per questo che la sua antica nemica e trad ...Continua
wuale
Ha scritto il 13/11/17
questa, è stata di certo una delle più belle, avventurose, affascinanti, emozionanti e intriganti letture che io abbia mai fatto. una trilogia magnifica, che ti tiene incollata alle pagine, che ti fa riscoprire il significato dell'amore, capace di em...Continua
Astrophil
Ha scritto il 23/07/16
A posteriori, non mi pento di aver passato quasi tre mesi a leggere per intero questa trilogia, un libro dopo l'altro: ormai conoscevo Terre d'Ange e i suoi abitanti e mi sono affezionata ai personaggi di questa saga. Che hanno dei difetti, certo, ma...Continua
Beini
Ha scritto il 15/04/16
Che bella trilogia!
Degno finale di questa trilogia dove finalmente tutto finisce e i pezzi finalmente s'incastrano tutti in questo mosaico di perfezione. Se dopo i primi due libri avete avuto la sensazione che Phèdre le avesse passate tutte, vi sbagliate di grosso, per...Continua
Ivonne
Ha scritto il 12/04/16
La trilogia più bella che abbia mai letto.
Seppure il terzo libro non abbia la stessa scioltezza e ritmo serrato dei primi due, è comunque l'opera di una scrittrice talentuosa e dotata di una cultura infinita. Il cambiamento del ritmo forse è adeguato all'età più matura dei personaggi, resta...Continua
PirateAriel
Ha scritto il 18/08/15
Solo leggermente inferiore a Il dardo e la rosa e La prescelta e l'erede , La maschera e le tenebre è una perfetta conclusione della trilogia di Phèdre. Un romanzo che conferma la visione a 360 gradi di Jacqueline Carey che con ogni probabilità, già...Continua

zukky
Ha scritto il Aug 17, 2011, 20:45
Nelle mie riflessioni sull'amore avevo dimenticato qualcuno. Non avevo considerato Imriel. Non c'erano spinte divine lì, soltanto amore, puro e semplice. Compresi troppo tardi cosa significava mettere da parte il proprio essere.
Pag. 629
Lau
Ha scritto il Nov 07, 2010, 10:48
Alcune catene ce le forgiamo da soli. E sono le più pesanti da sopportare.
Elly
Ha scritto il Nov 24, 2009, 15:20
Quel bacio, non lo so descrivere. Fu come una poesia, una preghiera, un inatteso ritorno a casa. Fu come se le pareti di una prigione sotterranea crollassero per far vedere il cielo. Mi scosse fino nel più profondo dell'anima.
Pag. 579
Shiru
Ha scritto il Apr 06, 2009, 17:49
Un'amica meno amica avrebbe pronunciato superficiali parole di conforto. Nicola non lo fece.
Sally Lockhart
Ha scritto il Mar 13, 2009, 15:11
"Tu hai ragione: spesso siamo noi stessi a forgiarci le nostre catene. E da quelle non ci può liberare neppure Adonai. Dobbiamo farlo noi."
Pag. 647

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi