Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La mattanza

Dal silenzio sulla mafia al silenzio della mafia

By Carlo Lucarelli

(416)

| Others | 9788806172473

Like La mattanza ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Si tratta dello "speciale" della trasmissione televisiva "Blu notte" andato inonda nell'estate del 2003. Il DVD, della durata di 120 minuti, riproduce unanarrazione televisiva ad alta densità di informazione, che unisce il Continue

Si tratta dello "speciale" della trasmissione televisiva "Blu notte" andato inonda nell'estate del 2003. Il DVD, della durata di 120 minuti, riproduce unanarrazione televisiva ad alta densità di informazione, che unisce il montaggiodi documenti indispensabili per la ricostruzione della memoria recente delPaese con la presenza "scenica" di un Lucarelli più che mai narratore, quasistorico in presa diretta. Dalle stragi mafiose del 1992 ai giorni nostri,un'analisi della storia di Cosa Nostra. Non storia di una deviazione, oscurama circoscritta, ma parte integrante della storia italiana, al pari di quelladei movimenti politici, dei fenomeni economici e di costume, ai quali si èintrecciata, condizionandoli. Il libro commenta e narra le immagini del DVD.

13 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Trascrizione quasi letterale di una puntata di Blu notte, ne mantiene inalterato il fascino ed il grande ritmo della narrazione.Lucarelli ci offre un veloce ma efficace sguardo d'insieme sui sanguinosi fatti di mafia avvenuti tra la fine degli anni 7 ...(continue)

    Trascrizione quasi letterale di una puntata di Blu notte, ne mantiene inalterato il fascino ed il grande ritmo della narrazione.Lucarelli ci offre un veloce ma efficace sguardo d'insieme sui sanguinosi fatti di mafia avvenuti tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 2000.L'autore personalmente mi sembra più a suo agio con questo tipo di opere che non con i romanzi, almeno quello da me letto (Lupo mannaro).Una lettura veloce e davvero scorrevole ma non per questo priva di oggettività e rigore giornalistico.

    Is this helpful?

    H. P. Lovecraft said on Nov 13, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    non avevo mai letto Lucarelli e devo dire che mi ha piacevolmente syupito.Bravissimo.

    Is this helpful?

    Luana said on Dec 12, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una brutta storia,storia di noi,storia d'Italia,storia del paese più dolce e feroce che c'è.

    Paura..eh?

    Is this helpful?

    Jo said on Oct 19, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Da leggere e vedere,uno dei migliori documenti giornalistici che Lucarelli sa far arrivare al pubblico in maniera semplice e interessante anche quando l'argomento non è semplice.
    "La Mattanza" ha di speciale che collega i fatti in maniera chiara fac ...(continue)

    Da leggere e vedere,uno dei migliori documenti giornalistici che Lucarelli sa far arrivare al pubblico in maniera semplice e interessante anche quando l'argomento non è semplice.
    "La Mattanza" ha di speciale che collega i fatti in maniera chiara facendo interagire la storia che racconta proprio come se fosse un romanzo, ma purtroppo non è finzione, non è fantasia.Lo scopo è quello di non dimenticare e far conoscere alla gente la nostra storia, perchè rimangano impresse le facce, le parole, i suoni terribili degli ultimi istanti di vita di chi lottava e aveva speranza. Magari si era bambini quando alcuni dei terribili eventi sono accaduti e li ricordi benissimo.. e viene in mente la domanda che nel finale il giornalista pone a Falcone:ha mai avuto momenti di scoramento l'idea di abbandonare questa lotta alla mafia? la risposta fu :NO MAI.

    Is this helpful?

    Blackalie said on Sep 10, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Recensione di cotoletta:

    26 gennaio 1979 viene ucciso il giornalista Mario Francese.
    9 marzo 1979 viene ucciso Michele Reina segretario provinciale della DC.
    21 luglio 1979 viene ucciso Boris Giuliano vice capo squadra mobile di Palermo.
    25 ...(continue)

    Recensione di cotoletta:

    26 gennaio 1979 viene ucciso il giornalista Mario Francese.
    9 marzo 1979 viene ucciso Michele Reina segretario provinciale della DC.
    21 luglio 1979 viene ucciso Boris Giuliano vice capo squadra mobile di Palermo.
    25 settembre 1979 viene ucciso il magistrato Cesare Terranova.
    6 gennaio 1980 viene ucciso Piersanti Mattarella presidente della regione Sicilia.
    6 agosto 1980 viene ucciso Gaetano Costa procuratore capo della Repubblica di Palermo.
    30 aprile 1982 viene ucciso Pio La Torre segretario regionale del partito comunista. Aveva presentato in parlamento una proposta di legge che introduceva il reato di associazione mafiosa e prevedeva il sequestro dei patrimoni.
    3 settembre 1982 viene ucciso il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Dopo la sua morte viene introdotto il 416 bis articolo del codice penale che stabilisce l’associazione a delinquere di stampo mafioso.
    28 luglio 1983 viene ucciso Rocco Chinnici capo dell’ufficio Istruzione di Palermo.
    23 maggio 1992 viene ucciso Giovanni Falcone.
    19 luglio 1992 viene ucciso Paolo Borsellino.
    15 settembre 1993 viene ucciso don Pino Puglisi.

    Il libro si conclude così: “Se fosse un romanzo, avremmo le risposte. E se fosse un romanzo o un film, adesso, avremmo una scritta che dice che ogni riferimento a parole o fatti è puramente casuale. Ma qui no, qui non possiamo avercela, perché tutto quello che abbiamo detto, i fatti, le date, le persone, e soprattutto i morti, quelli che hanno scelto la strada del crimine, o quelli che sono stati ammazzati per servire lo stato, la legge, la giustizia, tutto questo, purtroppo, è vero.”

    Mi è venuta la pelle d’oca leggere questo libro; in quegli anni ero una ragazzina, una ragazzina come tante che pensava solo a divertirsi lasciando certe problematiche ai grandi.
    Ora che sono adulta mi rendo conto che abbiamo attraversato e stiamo attraversando un periodo delicatissimo. Se in passato chi raccontava o combatteva la mafia moriva, oggi invece viene isolato e diffamato.
    Mi chiedo solo quando potremmo finalmente leggere la parola fine.

    Se vuoi visitare la libreria di cotoletta clicca qua:

    http://www.anobii.com/01dd32ee0b692bf52f/books

    Is this helpful?

    Gruppo Anobii Roberto Saviano said on Aug 2, 2010 | 1 feedback

  • 6 people find this helpful

    26 gennaio 1979 viene ucciso il giornalista Mario Francese.
    9 marzo 1979 viene ucciso Michele Reina segretario provinciale della DC.
    21 luglio 1979 viene ucciso Boris Giuliano vice capo squadra mobile di Palermo.
    25 settembre 1979 viene ucciso il ...(continue)

    26 gennaio 1979 viene ucciso il giornalista Mario Francese.
    9 marzo 1979 viene ucciso Michele Reina segretario provinciale della DC.
    21 luglio 1979 viene ucciso Boris Giuliano vice capo squadra mobile di Palermo.
    25 settembre 1979 viene ucciso il magistrato Cesare Terranova.
    6 gennaio 1980 viene ucciso Piersanti Mattarella presidente della regione Sicilia.
    6 agosto 1980 viene ucciso Gaetano Costa procuratore capo della Repubblica di Palermo.
    30 aprile 1982 viene ucciso Pio La Torre segretario regionale del partito comunista. Aveva presentato in parlamento una proposta di legge che introduceva il reato di associazione mafiosa e prevedeva il sequestro dei patrimoni.
    3 settembre 1982 viene ucciso il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Dopo la sua morte viene introdotto il 416 bis articolo del codice penale che stabilisce l’associazione a delinquere di stampo mafioso.
    28 luglio 1983 viene ucciso Rocco Chinnici capo dell’ufficio Istruzione di Palermo.
    23 maggio 1992 viene ucciso Giovanni Falcone.
    19 luglio 1992 viene ucciso Paolo Borsellino.
    15 settembre 1993 viene ucciso don Pino Puglisi.

    Il libro si conclude così: “Se fosse un romanzo, avremmo le risposte. E se fosse un romanzo o un film, adesso, avremmo una scritta che dice che ogni riferimento a parole o fatti è puramente casuale. Ma qui no, qui non possiamo avercela, perché tutto quello che abbiamo detto, i fatti, le date, le persone, e soprattutto i morti, quelli che hanno scelto la strada del crimine, o quelli che sono stati ammazzati per servire lo stato, la legge, la giustizia, tutto questo, purtroppo, è vero.”

    Mi è venuta la pelle d’oca leggere questo libro; in quegli anni ero una ragazzina, una ragazzina come tante che pensava solo a divertirsi lasciando certe problematiche ai grandi.
    Ora che sono adulta mi rendo conto che abbiamo attraversato e stiamo attraversando un periodo delicatissimo. Se in passato chi raccontava o combatteva la mafia moriva, oggi invece viene isolato e diffamato.
    Mi chiedo solo quando potremmo finalmente leggere la parola fine.

    Is this helpful?

    cotoletta said on Jun 29, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (416)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 79 Pages
  • ISBN-10: 8806172476
  • ISBN-13: 9788806172473
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2004-01-01
Improve_data of this book

Collection with this book