Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La mente e le menti

Di

Editore: Rizzoli (Superbur scienza)

3.7
(69)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 199 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale

Isbn-10: 8817865516 | Isbn-13: 9788817865517 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Isabella C. Blum

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Non-fiction , Philosophy , Science & Nature

Ti piace La mente e le menti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dennett parte dalla domanda metafisica più importante: cos'è la mente, e chi la possiede? La risposta è affidata a una esposizione dell'evoluzione della vita sulla Terra, ricostruita come una successione di tappe che hanno portato l'uomo a interagire prima con l'ambiente, poi con gli altri, infine con se stesso, creando un "linguaggio della mente" che è il pensiero. Questa teoria apre la porta a nuove domande: la via del pensiero è aperta anche ad altre specie animali? Il pensiero sintetico dei computer è simile a quello dell'uomo?
Ordina per
  • 3

    I nocicettori dall’aragosta. Oppure: Tu che release della mente hai?

    Leggo molta – o per lo più leggo leggo lei – letteratura, perciò ogni tanto mi sento un fanatico se non un vizioso, ammesso che fanatico e vizioso non siano due sinonimi, e per correggermi mi scelgo u ...continua

    Leggo molta – o per lo più leggo leggo lei – letteratura, perciò ogni tanto mi sento un fanatico se non un vizioso, ammesso che fanatico e vizioso non siano due sinonimi, e per correggermi mi scelgo un testo saggistico, di storia o di scienze fino a quando non troverò la forza per farlo con un volume spietatamente tecnico, di matematica o di elettronica o di medicina, o un manuale come quello che ho visto in bella mostra di sé sulla mensola di un ostello in cui ho pernottato: “Come sostituirsi a un muratore”.

    Di Dennett ho sentito dire che è uno dei filosofi più svegli in circolazione, mi sono ricordato che una volta avrei voluto leggere qualcosa di suo, l’ho letto, e voilà: a parte qualche passaggio neurologico in più, sui skinneriani, i darwiniani, i popperiani e i gregoriani, certamente interessante, sulla mente ne so quanto ne avevo imparato leggendo libri di letteratura dove non ci sofferma mica sulla mente ma nei quali è a partire dalla mente – di chi li scrive, di chi ci viene scritto – che si formano e formano chi li legge.

    Dennett stesso cita qua e là Proust e Socrate, che già ci avevano imbeccato ai loro tempi, senza evidenza-scientifica però.Evoluzionisticamente Proust e Socrate una mente già l’avevano. Gli mancavano i neurologi.

    Dennett – che mi è stato simpatico da subito, da quando cioè ha ricordato a tutti che sì, ci fidiamo di averci un cervello nel cranio, però nessuno di noi ha mai controllato se c’è davvero né ci terrebbe a controllare; eppoi io non sono così fiducioso come Dennett, secondo me ce n’è di gente che nel cranio ha un sacco di gomma come ce ne è uno nello stomaco del coccodrillo nel racconto omonimo di Dostoevskij, ma vabbé – semplicemente vuole far notare che c’è mente e mente, e che c’è stato un tempo in cui non c’era nessuna mente al mondo, mentre adesso viviamo in un mondo in cui la mente è quella umana o non è, ovvero è un suo stato superato, obsoleto.

    Per Dennett – come per quelle centinaia di intelligenze che ci hanno riflettuto e come è per le due o tre che ho leggiucchiato io al proposito, sinapsi più glutammato meno – ipotizza: la mente è il suo linguaggio? Ovvero, può esistere la mente senza la facoltà di ri-rappresentarsi linguisticamente le elaborazioni del cervello e mica solo del cervello? La ricetta per la mente è questa: la sua materia, il suo tempo di elaborazione, il suo linguaggio. Il segreto di una mente perfetta mi sa sono le dosi dei tre ingredienti, ma per quelle si va a caso e a occhio.

    C’è stato un momento, sul pianeta, in cui non c’era una mente che fosse una ma solo miliardi di macromolecole, robottini di natura. Una visione così è da incubo, eppure quello è stato un tempo edenico: senza dolore. Perché ci sia dolore ci deve essere chi lo sente, anzi: non solo chi lo sente, anche chi lo comunica. Ora, puoi dire: la mente ha prodotto il dolore. Oppure, mettendola sulla riscossa e come piace a me, il dolore ha prodotto la mente che l’avrebbe pronunciato, denunciato, combattuto, mitigato. Tra un pianeta pieno di miliardi di semplici macromolecole in movimento continuo e uno pieno di miliardi di menti più letargiche e autolesioniste che no, a me piace di più il secondo, spudoratamente perché non mi attrae affatto essere una macromolecola.

    Il filosofo, dice Dennett, è colui che sa porre domande nuove e interessanti. Ci provo: se la mente è il risultato attuale dell’evoluzione, il prossimo risultato quale sarà? Tra qualche milione o tra qualche decina di migliaia di anni la risposta si darà da sé. Beh, io non ci sarò per conoscerla, e nemmeno la mia mente allora, mi sa. Speriamo si trovi qualcosa di colonizzabile entro lo spegnimento del sole o l’innesco della terza guerra mondiale.

    La mente produce il futuro modificando il presente di cui ha consapevolezza storica, e per Humphrey è lo stratagemma predatorio più sofisticato: per aver la meglio sugli altri l’evoluzione ci fornì il mezzo per pensarci al loro posto, per anticiparne le mosse, e perché gli altri diventassero pensabili gli inventò la mente, e naturalmente non esiste arma che non sia a doppio taglio e chi volle pensare divenne pensabile, e la complessità aumentò fino alle orgie del pensiero di cui siamo capaci oggi, che a me non dispiacciono per niente. Ma l’ho detto da subito: quando si tratta di mente e linguaggio, di letteratura cioè, sono un fanatico vizioso.

    Dennett lo ringrazio per avermi fatto conoscere la definizione di tal Miller secondo cui gli animali sono, oltre che erbivori o carnifori, degli informivori. La fame epistemica la trovo molto più allucinante della fame chimica. “La tassia verso la Madre” merita una favola dell’orrore tutta sua, così come l’illusione di Capgras, che ci starebbe benissimo in un libro di Oliver Sacks, e forse c’è. E va ringraziato per avermi insegnato la parola: nocicettori. Siamo pieni di componenti interessanti che ci funzionano anche quando non ne sospettiamo l’esistenza, noi umani.

    In sottofondo al saggio di Dennett c’è il quesito morale così volgarizzabile: “Ma cuocere vive le aragoste sarà per davvero una cattiveria? E pelare le patate corrisponde a scuoiare i bambini sì o no?”. Per Dennett, mi pare di aver intuito senza che lui si prenda mai il disturbo di affermarlo, chi ha una mente è un soggetto potenzialmente morale e quindi giuridico con diritti legittimamente esigibili. La si può pensare sull’aborto come si preferisce ma un feto un encefalo non ce l’avrà che verso la quindicesima settimana, quindi un’etica monca di conoscenza scientifica la figura di blaterare a vanvera la fa.

    Tutto è nella materia, nella sua organizzazione, nella sua possibilità di diventare più complessa, di raggiungere il grado di mente umana, dopodiché ognuno si regoli come vuole, moralmente, ma non pensi di poter fare impunemente a meno delle informazioni esatte . Infine, solo gli esseri riconosciutamente senzienti meritano la nostra compassione? Come si capisce il trattamento che si meritano - oltre alle persone - gli animali e le piante e le cose? “Se soffrissero te ne accorgeresti!” conclude Dennett, il quale, mi sa, è un ottimista della ragione, e che non se lo aspetta che per tanti la prova del nove è all’incontrario, ovvero “Che gusto ci sarebbe a fargli del male se nemmeno lo sentono?”, e quindi “Che gusto ci sarebbe a fare del male agli altri se nemmeno lo sentissi il male che gli sto facendo?”.

    C’è chi spera nell’esistenza della mente altrui non per poterla rispettare e ammirare e conoscere, ma per divertirsi di più al pensiero e al progetto di torturarla in piena coscienza di entrambi e anzi, sarà premura del torturatore mantenere viva e accesa la coscienza del torturato.

    ha scritto il 

  • 0

    Dennett parte dalla domanda metafisica più importante: cos'è la mente, e chi la possiede? La risposta è affidata a una esposizione dell'evoluzione della vita sulla Terra, ricostruita come una successi ...continua

    Dennett parte dalla domanda metafisica più importante: cos'è la mente, e chi la possiede? La risposta è affidata a una esposizione dell'evoluzione della vita sulla Terra, ricostruita come una successione di tappe che hanno portato l'uomo a interagire prima con l'ambiente, poi con gli altri, infine con se stesso, creando un "linguaggio della mente" che è il pensiero. Questa teoria apre la porta a nuove domande: la via del pensiero è aperta anche ad altre specie animali? Il pensiero sintetico dei computer è simile a quello dell'uomo?

    ha scritto il 

  • 4

    I tipi di mente secondo Daniel Dennett

    (tratto da http://some1elsenotme.wordpress.com/2010/10/06/i-tipi-di-mente-secondo-daniel-dennett/ )

    Ho sempre sostenuto che per poter arrivare a concepire come la semplice materia possa dare origine ...continua

    (tratto da http://some1elsenotme.wordpress.com/2010/10/06/i-tipi-di-mente-secondo-daniel-dennett/ )

    Ho sempre sostenuto che per poter arrivare a concepire come la semplice materia possa dare origine ad una (wannabe) coscienza ci vuole solo tanta immaginazione (per poter immaginare A, si deve immaginarlo: e non vedo come si possa uscire da questo ragionamento tautologico). Se uno si sforza di immaginare come possa essersi svolto il lungo processo che dalle particelle elementari e gli organismi unicellulari ha portato all’io, allora potrà afferrarne i passaggi chiave e i meccanismi. Se non saprà mettere in moto la sue capacità immaginifiche, invece, tutto ciò gli parrà assurdo, forse surreale, addirittura metafisico. C’è ben poco da fare al riguardo.

    In questo secondo caso, se privo di sufficiente immaginazione, tale individuo avrà bisogno di introdurre elementi discutibili, ad hoc, per dare una motivazione coerente della nascita delle proprie facoltà cognitive. Mi riferisco qui a comode soluzioni come quella di un’anima incorporea, fatta scendere dentro di noi al momento della nostra concezione. O a quel fantomatico oggetto sconosciuto x – da qualche parte deve pur risiedere! – che ci dovrebbe permettere il ‘salto cognitivo’ necessario per elaborare i nostri pensieri più profondi.

    Come posso pensare, finirà per chiedersi quest’ultimo, se non grazie a qualche trucco magico?

    In La mente e le menti (Kinds of minds) il filosofo Daniel Dennett ci fornisce in prestito un po’ della sua immaginazione e, con tanta pazienza, si mette a raccontare quella che potrebbe essere stata la storia della cosa mentale. Com’è che noi pensiamo? Dove ha origine quella che oggi ci pare la nostra coscienza? Sotto l’onnipresente prospettiva evoluzionistica, Dennett narra come si è arrivati, passo dopo passo, dal semplice al mediamente complesso, per poi approdare all’estremamente supercomplesso: NOI. Adottando un atteggiamento intenzionale, il divulgatore descrive il continuo in cui quei veri e propri robot che erano le molecole primordiali si sono tramutati nelle nostre menti moderne. Costruite anch’esse, peraltro, da innumerevoli meccanismi inconsapevoli. L’autore si fa in quattro per cercare di rendere il più chiaro possibile come la cieca selezione naturale abbia potuto, di volta in volta, far compiere ai vari organismi della catena filogenetica quel gradino in più verso una (presunta) consapevolezza dei propri comportamenti.

    Il libro è piuttosto succinto, ma non sempre semplicissimo. Forse perché, credo, è davvero arduo trasmettere alla perfezione la visione di un continuum utilizzando il linguaggio come strumento, dal momento che quest’ultimo opera necessariamente su ‘oggetti discreti’. Quando siamo tenuti a tratteggiare le caratteristiche di un flusso tramite il linguaggio (e non possiamo non usarlo), si devono giocoforza selezionare parti di tale flusso, per poi prendere in esame queste e solo queste, tralasciando gli infiniti momenti di transizione. Ciò considerato, è inevitabile che in ogni spiegazione di questo genere ci saranno – sempre – dei missing link, degli anelli mancanti. La sterile polemica innescata dai creazionisti, che ha il sapore di una versione insipida del paradosso di Zenone, non potrà mai essere del tutto debellata. A meno di non ricorrere, ancora, alla potenza dell’immaginazione. Questa facoltà può venirci incontro per riempire di senso, ad libitum, le inevitabili infinite lacune che il linguaggio scritto/parlato, operando su stati discreti, non può evitare quando cerca di seguire le varie tappe di un continuum.

    (tappe! io stesso mi sto riferendo a oggetti discreti!).

    Gran parte delle cose che dice Dennett le avevo più o meno già intuite, anche per merito di altri suoi scritti. Ma i suoi esempi hanno fornito lo stesso un utile supporto alla mia immaginazione.

    Non sono un granché d’accordo solo con le pagine finali del saggio. Qui il filosofo tende a fare una troppo netta distinzione tra la capacità di linguaggio dell’uomo e quella degli altri animali, a tratti smentendo il concetto di flusso continuo e indistinto di cui aveva parlato fino a pochi momenti prima. E’ chiaro che la nostra facoltà di pensare è sorta per merito del linguaggio e del nostro sempre più intenso ‘parlare a noi stessi’ (lo si vede bene nei bambini piccoli). Ed è chiaro che noi abbiamo più alte facoltà di pensiero proprio perché possediamo un linguaggio di gran lunga più articolato. Ma erigere un muro tra noi e – per esempio – gli scimpanzé, sulla base della teoria della ‘grammatica innata’ di Chomsky, grammatica che avremmo sviluppato solo noi umani, mi pare una forzatura delle cose.

    Ho letto diversi libri e visto alcuni video – faccio quel che posso, senza uno scimpanzé in casa – in cui i primati in cattività dimostrano di poter imparare dei linguaggi. Linguaggi semplici quanto si vuole, ma linguaggi. Ma pare che anche allo stato di libertà essi sappiano sviluppare primitivi sistemi di comunicazione basati su gesti, sistemi che variano da gruppo a gruppo e da regione a regione, facendo ipotizzare che gli animali in questione siano in grado di mettere in piedi degli speciali e rudimentali dialetti. I noti esempi della gorilla Koko e della scimpanzé Washoe, che sapevano utilizzare il linguaggio dei segni americano anche in maniera creativa (pur con diversi e ovvi limiti) dimostrerebbero che se esiste una grammatica innata, una sua versione più semplificata è presente anche negli altri primati. Chomsky potrebbe aver torto nel volerla ‘donare’ in esclusiva alla mente umana.

    Ciò del resto sarebbe in perfetta sintonia con l’idea di evoluzione come continuo. Proviamo a immaginare. Si può pensare che un linguaggio primordiale si fosse sviluppato già nel lontano antenato di tutti i primati moderni. Poi, chissà, uno di questi distanti proto-primati ha visto la sua laringe posizionarsi in un certo modo e la sua lingua acquisire una certa mobilità. Ciò ha facilitato enormemente la creazione di un linguaggio più immediato ed efficace. Il tutto, nei milioni di anni, ha dato la spinta decisiva alla mente (letteralmente fiondata nel futuro) di quel primate: grazie ad un linguaggio complesso a mano a mano introiettato, quel fortunato essere ha sviluppato la più straordinaria macchina del pensiero che si possa incontrare sul suolo terrestre. Se tutto questo fosse vero, l’idea di Chomsky sarebbe errata – o almeno, inesatta.

    Avrei qualcosa da dire anche sul concetto di atteggiamento intenzionale, e cioé la tendenza a interpretare come volontari e mossi da desideri i comportamenti degli organismi o degli altri tipi di entità (magari meccaniche o elettroniche) che incontriamo. O non ho capito il pensiero di Dennett su questo punto – e ci sta benissimo – o lui crede che solo l’uomo possa adottare tale tipo di atteggiamento. Se questo è ciò che davvero intende, non sono d’accordo. Ho citato qualche giorno fa l’aneddoto del mio cane che gioca con un semplice-cane-robot-giocattolo, abbagliandogli contro e cercando di attirare la sua attenzione. Chi mi vieta di pensare che il mio cane abbia a sua volta un atteggiamento intenzionale nei confronti del cane-giocattolo?

    La cose sono due:

    1. O il mio cane pensa che il giocattolo semovente si comporti come un essere che ha scopi e desideri, come un oggetto vivo (un po’ come fa un bambino con una bambola)
    2. O il mio cane è ingannato in un altro senso, più “stupido”, e la sua percezione di alcuni dettagli attiva in automatico certi comportamenti (abbaiare, senso di protezione, curiosità)

    E se fossero vere entrambe?

    Se siamo di fronte al caso 1, i cani hanno (un minimo di) atteggiamento intenzionale e possono riempire d’anima certe entità che li circondano. In un modo loro, di certo più povero, i cani pensano. Se è valida la spiegazione 2, i cani si comportano così come reazione automatica a certi stimoli, sono come robot adatti a carpire certi dettagli dell’ambiente ed a comportarsi di conseguenza. Riflettendoci a fondo, mi chiedo se ci sia una differenza sostanziale tra le due opzioni. E se potremo mai scoprirla. E se sapremo cosa dover scoprire.

    Ragionamenti di questo tipo mi portano a pensare che di fronte ad un comportamento finalizzato a degli obiettivi, noi tendiamo ad avere un atteggiamento intenzionale (ci pare che quell’azione voglia raggiungere quel fine, che quel sistema brami quel risultato). Ciò ci fa leggere, superato un certo grado di complessità nell’entità che osserviamo, come consapevoli azioni che probabilmente non lo sono. E se, estremizzando ancor di più l’ipotesi, noi adottassimo l’atteggiamento intenzionale anche nei confronti degli altri esseri umani? E se, infine, adottassimo questra strategia anche nei confronti di noi stessi? E se fossimo solo un manipolo di gente assurda (ok, sto citando Woody Allen) che vaga per il mondo nella vana ricerca di vera consapevolezza?

    Dopo aver letto Coscienza e la sua teoria sugli zombie filosofici, mi aspettavo, forse, che Dennett arrivasse a conclusioni simili. Invece, almeno in questo libro, il filosofo ha forse la saggezza di fermarsi un attimo prima.

    ha scritto il 

  • 3

    L'autore aveva le idee molto confuse e alla fine di tutto il suo girare a vuoto le ha confuse pure a me. Comunque, adesso magari lo rileggo e vediamo se il problema non sono io, per caso.

    ha scritto il 

  • 3

    Testo assai famoso di un famoso "mentologo". Deludente però l'assunto finale, e vistosamente illogico: D. premette che "do per scontato che lo scimpanzè abbia un concetto di uomo, di fune, di secchio. ...continua

    Testo assai famoso di un famoso "mentologo". Deludente però l'assunto finale, e vistosamente illogico: D. premette che "do per scontato che lo scimpanzè abbia un concetto di uomo, di fune, di secchio..", ma poichè gli animali non hanno il linguaggio, al massimo possono "mettere insieme in qualche modo i concetti rilevanti, e poi un risultato interessante, fortuito ed inatteso, attragga la loro attenzione...". Dimentica il grande Autore che "avere un concetto" di qualcosa è già di per sè frutto di una sofisticata attività mentale! E che "avere un concetto" significa capacità di trascendere il dato immediato - quindi, capacità di "pensare". Dennet conclude il suo saggio con la solita sicumera cartesiana: poichè gli animali non pensano "veramente", essi possono sì provare dolore, ma non certa sofferenza. Amen.

    ha scritto il