Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La metà di niente

Di

Editore: TEA (I successi DOC)

3.6
(2112)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850211791 | Isbn-13: 9788850211791 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Eva Kampmann

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , eBook , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace La metà di niente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una mattina come tante nella cucina in disordine, nell'aria pungente di una Dublino ancora addormentata. Una mattina come altre quella in cui Ben decide di dire addio alla moglie Rose, ai suoi tre figli e a vent'anni di vita assieme. Rose non parla, non reagisce, non sa nemmeno cosa provare. Con questa scena si apre "La metà di niente", il felice romanzo d'esordio di Catherine Dunne, il diario lucido e drammatico di una donna che, di punto in bianco, si trova sola, senza soldi e con una famiglia da mantenere. Come in un album di fotografie, la nuova vita di Rose si alterna a flashback della vita passata, dei suoi sogni giovanili, delle sue illusioni romantiche sul matrimonio. Ma tra lacrime e disperazione, tra rabbia e sensi di colpa, Rose diventa forte.
Ordina per
  • 1

    Here I am.
    Leggere questo libro è stato una mezza pena. Ne sono rimasta stra delusa. All'inizio non scorreva affatto. La grafica non aiutava. Scritto troppo grande. Copertina orribile. In ogni caso, non scorreva, non scorreva e non scorreva. Diciamo che non è niente di speciale.
    Voto: ...continua

    Here I am.
    Leggere questo libro è stato una mezza pena. Ne sono rimasta stra delusa. All'inizio non scorreva affatto. La grafica non aiutava. Scritto troppo grande. Copertina orribile. In ogni caso, non scorreva, non scorreva e non scorreva. Diciamo che non è niente di speciale.
    Voto: 5.75/10

    ha scritto il 

  • 4

    Libro di poche pretese e molte verità

    Bel libro sulla forza delle donne, sull'amicizia, sull'educazione, sulla formazione personale, sui rapporti affettivi.
    Al di là della trama semplicissima, tante riflessioni interessanti e tanto incoraggiamento per chi può trovarsi in una situazione simile e per chi vuol stare bene attenta a ...continua

    Bel libro sulla forza delle donne, sull'amicizia, sull'educazione, sulla formazione personale, sui rapporti affettivi.
    Al di là della trama semplicissima, tante riflessioni interessanti e tanto incoraggiamento per chi può trovarsi in una situazione simile e per chi vuol stare bene attenta ad evitarlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Come traghetti.

    " Non ti amo più. " In questo modo Ben dice a Rose che il loro matrimonio è finito e se ne va. La Dune ci parla della fine di un matrimonio vissuta con le emozioni di una donna: smarrimento e schock all'inizio, il grande dolore e infine l'accettazione e la consapevolezza di potercela fare. Nonost ...continua

    " Non ti amo più. " In questo modo Ben dice a Rose che il loro matrimonio è finito e se ne va. La Dune ci parla della fine di un matrimonio vissuta con le emozioni di una donna: smarrimento e schock all'inizio, il grande dolore e infine l'accettazione e la consapevolezza di potercela fare. Nonostante i brutti momenti che passa Rose riesce ad inventarsi un lavoro che le permetterà di assicurare un avvenire tranquillo ai suoi tre figli, con la consapevolezza che niente sarà più uguale a prima. " Gli uomini e le donne sono come traghetti. Esternamente sono molto simili, nel punto di partenza e nella destinazione. La tragedia è che mentre uno è ancora impegnato nel tragitto di andata, l'altro ha appena iniziato quello di ritorno. " Però se quel traghetto prima di girarsi avesse salutato sarebbe stato meglio. Rose credeva ancora nel suo matrimonio e nella sua famiglia, ma Ben tutto questo non lo sopportava più, era diventato un uomo libero senza vincoli e figli ad intralciare, ossia era ormai " la metà del niente."

    ha scritto il 

  • 3

    Occhio ragazze

    Lettura di evasione, ma che andrebbe consigliata alle giovani donne come educazione all'autonomia e come monito: a che un'illusione di felicità non sia preludio all'inferno dell'incomunicabilità, a causa di scelte superficiali e inconsapevoli.
    Da abbinare a:
    - poesia (che so: "Le Rime ...continua

    Lettura di evasione, ma che andrebbe consigliata alle giovani donne come educazione all'autonomia e come monito: a che un'illusione di felicità non sia preludio all'inferno dell'incomunicabilità, a causa di scelte superficiali e inconsapevoli.
    Da abbinare a:
    - poesia (che so: "Le Rime" di Petrarca, un sonetto di Shakespeare, un componimento di Neruda, o altro a piacere, ma sapientemente selezionato e distillato);
    - filosofia ("Matrimonio e morale" di Bertrand Russell);
    - pragmatismo ("I perplessi sposi" di Ettore Grassani).
    Applicare ad ogni sbandamento più volte al dì, quindi mettere a fuoco, ascoltare, e procedere o retrocedere, a seconda dei casi.
    Non si rilevano controindicazioni né effetti collaterali.

    ha scritto il 

  • 0

    Potenzialmente una bella storia. L'ho finito con un po' di noia perché credo che la Dunne abbia perso l'entusiasmo lungo la strada. Trama reale, fin troppo reale, ma decisamente accettabile. Consigliato agli appassionati di romanzi d'amore che riflettono il quotidiano delle coppie ordinarie.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi è piaciuto molto fino a oltre metà, poi la parte quarta mi è sembrata un po' frettolosa nel voler chiudere la storia, come se la Dunne si fosse stancata di scriverla.

    ha scritto il 

  • 4

    "Piano, piano. Ogni giorno ha la sua pena. Quanto basta per arrivare a sera."

    Una mattina, mentre Rose sta preparando la colazione il marito Ben, improvvisamente, le annuncia che il loro matrimonio è finito, lui la lascia, senza spiegazioni e chiudendosi la porta alle spalle.
    La vita di Rose le crolla addosso, ha tre figli a cui accudire, non lavora ed era certa che ...continua

    Una mattina, mentre Rose sta preparando la colazione il marito Ben, improvvisamente, le annuncia che il loro matrimonio è finito, lui la lascia, senza spiegazioni e chiudendosi la porta alle spalle.
    La vita di Rose le crolla addosso, ha tre figli a cui accudire, non lavora ed era certa che tutto questo non le sarebbe mai accaduto, dopo un fortissimo schock iniziale, raccoglie tutte le sue forze, aiutata dalle sue amiche, cerca di ricostruire piano piano una normalità per la sua famiglia così fortemente colpita nell'animo, un dolore profondo quello dell'abbandono, provato dai figli e per lei un senso di sconfitta e di grande responsabilità per non aver ancora accanto a sé un marito che la ama.
    La Catherine Dunne ci racconta di una separazione vista con le sensazioni, le emozioni, i turbamenti di una donna: la sorpresa e lo smarrimento prima, il dolore poi ed infine l'accettazione di un nuovo stato quello di libertà.
    Un grande lavoro quello della scrittrice che in modo incalzante ci racconta come l'abbandono di un marito, traditore ed irresponsabile, può causare su una donna/madre e su i loro tre figli la perdita di una vita che è sempre trascorsa su binari ben delineati di colpo viene stravolta, non ci sono più certezze e verità, tutto un mondo è da ricostruire, con fatica, orgoglio, coraggio e con grande forza d'animo.
    Rose passerà momenti terribili, ma nonostante tutto troverà dentro si sé una forza che non avrebbe mai creduto di avere e ricostruirà un'ambiente per la sua famiglia dove vivere il più serenamente possibile, cosciente che nulla sarà più uguale a prima e che quello in cui credeva si è infranto miseramente una mattina mentre stava preparando la colazione.
    "...ho detto che gli uomini e le donne sono come tanti traghetti. Esternamente sono molto simili, nel punto di partenza e nella destinazione. La tragedia è che mentre uno è ancora impegnato nel tragitto di andata l'altro ha appena iniziato quello di ritorno."
    Un libro da leggere, oggi più che mai, ci parla di un matrimonio dove una donna e un uomo vivevano insieme, ma con sensazioni completamente diverse, Rose ci credeva ancora con tutta sé stessa, amava il marito e viveva per la famiglia, Ben non sopportava più niente, amava un'altra donna, voleva essere di nuovo libero e senza più figli ad intralciare, Rose aveva accanto a sé "la metà di niente".

    ha scritto il 

  • 2

    l'intera sè stessa

    Storia classica di una donna, da sempre dedita alla casa ed alla famiglia, abbandonata di punto in bianco dal marito, con tre figli da educare e mantenere. Completamente sola si rimbocca le maniche e con l'aiuto dei figli, soprattutto quello maggiore e delle amiche e della suocera (!) riparte all ...continua

    Storia classica di una donna, da sempre dedita alla casa ed alla famiglia, abbandonata di punto in bianco dal marito, con tre figli da educare e mantenere. Completamente sola si rimbocca le maniche e con l'aiuto dei figli, soprattutto quello maggiore e delle amiche e della suocera (!) riparte alla grande.
    Forse perché la trama è scontata forse perché è troppo martellante su temi scontati comunque non mi è piaciuto affatto. I capitoli all'inizio si alternano tra la vita passata e quella presente per poi ricongiungersi nel presente e così pure il tempo dei verbi utilizzati. Mi dispiace, solo 2 stellette e la seconda solo per rispetto all'autrice che ho invece apprezzato nell'altro suo lavoro "quel che ora sappiamo".

    ha scritto il 

Ordina per