La mia azienda sta stirando le cuoia

Mille curricula ridicula dell'Italia che cerca lavoro

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.8
(48)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Altri

Isbn-10: 8820014548 | Isbn-13: 9788820014544 | Data di pubblicazione:  | Edizione 5

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Affari & Economia , Intrattenimento , Umorismo

Ti piace La mia azienda sta stirando le cuoia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Ammesso e non concesso che tutte le castronerie che contengono siano autentiche, gli stupidari come questo immediatamente mi fanno ridere, ma poi a lettura terminata mi lasciano sempre addosso un amar ...continua

    Ammesso e non concesso che tutte le castronerie che contengono siano autentiche, gli stupidari come questo immediatamente mi fanno ridere, ma poi a lettura terminata mi lasciano sempre addosso un amaro senso di desolazione. Non esiste nessun motivo di divertimento nell'ignoranza oscena delle persone.

    ha scritto il 

  • 4

    Il curriculum perfetto

    Il curriculum perfetto non esiste, ma già evitare di scrivere strafalcioni colossali o inserire cose non veritiere è già un buon traguardo.
    Il curriculum, per chi cerca lavoro è un biglietto da visita ...continua

    Il curriculum perfetto non esiste, ma già evitare di scrivere strafalcioni colossali o inserire cose non veritiere è già un buon traguardo.
    Il curriculum, per chi cerca lavoro è un biglietto da visita, se in questo biglietto ci sono errori che impressione possiamo dare di noi?
    L’autrice di questo volume ha deciso di raccogliere gli spezzoni più divertenti di centinaia e centinaia di curriculum, ovviamente tutte le parti riportate sono prive di nomi che potrebbero ledere la privacy di chi li ha scritti.
    È sicuramente un libretto insolito che ci da alcune dritte su come produrre un buon curriculum vitae, ma ci fa anche divertire con gli strafalcioni che si possono trovare.
    Sicuramente in questo periodo storico una buona presentazione già riesce a farci conquistare un posto più in alto rispetto ad altre dove si possono trovare errori o volgarità.
    Vi troverete di fronte a vari capitoli suddivisi in base all’importanza del paragrafo preso in questione.
    Inoltre alla fine del libro si può trovare un coinciso e breve schema dove spiegherà passo a passo come comportarsi prima e dopo aver fatto il curriculum.

    Che altro dire?
    Può essere molto utile per evitare alcuni errori sciocchi.

    Vi auguro una buona lettura!

    ha scritto il 

  • 4

    Ho acquistato questo libro vent'anni fa circa. Allora il filone degli stupidari era in voga. Scritto da due specialisti nella selezione del personale in incognito - i famigerati head hunters o 'caccia ...continua

    Ho acquistato questo libro vent'anni fa circa. Allora il filone degli stupidari era in voga. Scritto da due specialisti nella selezione del personale in incognito - i famigerati head hunters o 'cacciatori di teste' che dir si voglia - prende spunto da mille e più curriculum vitae letti e scartati con risvolti a tratti comici, con lo scopo di insegnare al lettore come scrivere correttamente il proprio curriculum e la lettera di accompagnamento portando ad esempio ciò che è meglio NON fare. Una lettura amena ed istruttiva insieme.

    ha scritto il 

  • 4

    Non è solo fra le cose più divertenti che abbia mai letto, ma anche un utile manuale. Decenni di curricula ridicula italiani selezionati da Consul Enza e stampati a poco prezzo!

    ha scritto il 

  • 4

    per passare un paio di ore piacevoli tra gli errori/orrori di miserrimi italiani che se sbagliano con l'ortografia, la grammatica, proverbi e modi di dire propri della loro lingua, non vi dico cosa co ...continua

    per passare un paio di ore piacevoli tra gli errori/orrori di miserrimi italiani che se sbagliano con l'ortografia, la grammatica, proverbi e modi di dire propri della loro lingua, non vi dico cosa combinano quando cercano di inserire termini stranieri nella loro strampalata sintassi!

    ha scritto il