Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La mia stanza è uno zoo!

Di

Editore: Piemme

3.9
(30)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8838435960 | Isbn-13: 9788838435966 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Puricelli Guerra E. ; Illustratore o Matitista: Guicciardini D.

Genere: Children , Fiction & Literature , Pets

Ti piace La mia stanza è uno zoo!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Letto alla mia bambina di 5 anni e mezzo.
    L'ho trovato piuttosto noioso e dispersivo. Perfetto per fare addormentare i bambini meno per interessarli e incuriosirli!
    La protagonista non si dimostra troppo intelligente e urla spesso e il suo amore per gli animali sembra quasi più un cap ...continua

    Letto alla mia bambina di 5 anni e mezzo.
    L'ho trovato piuttosto noioso e dispersivo. Perfetto per fare addormentare i bambini meno per interessarli e incuriosirli!
    La protagonista non si dimostra troppo intelligente e urla spesso e il suo amore per gli animali sembra quasi più un capriccio che altro.

    ha scritto il 

  • 5

    La mia stanza è uno zoo!

    Julie ama gli animali e vorrebbe tanto un cane ma i genitori non le permettono di averlo perché non vogliono portarlo loro a spasso e la sorella è a scuola e non può, così chiede un gatto, che non avrebbe bisogno di andare fuori a fare passeggiate e i genitori le dicono che un gatto va bene. La f ...continua

    Julie ama gli animali e vorrebbe tanto un cane ma i genitori non le permettono di averlo perché non vogliono portarlo loro a spasso e la sorella è a scuola e non può, così chiede un gatto, che non avrebbe bisogno di andare fuori a fare passeggiate e i genitori le dicono che un gatto va bene. La famigliola adotta il gatto da un gattile, purtroppo, però, quando arriva a casa si accorgono che il micetto ha il raffreddore e lo portano dal veterinario. Nei giorni in cui il gattino, che Julie aveva chiamto Timmy, era malato, si faceva prendere in braccio e coccolare. Dopo qualche tempo, però, il gattino guarisce e cambia: non si fa coccolare e accarezzare e sta lontano da Julie, anche se lei lo tratta bene. Allora la bambina decide di prendere un animale più simpatico, così punta su un criceto. Prova a far diventare amici gatto e criceto, ma non ci riesce, quindi il criceto sta nella sua gabbia su uno scaffale lontano dal gatto.
    Continua, poi, ad accudire animali in casa, comprando altri quattro pesci,una tartaruga... Ma il suo sogno di avere un cane non svanisce finché non si avvera!
    Un libro bellissimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Animali, gioie e dolori

    Mia figlia ha detto che il libro è da 10 e lode.
    Dico una banalità o una scemenza se formulo che l'argomento sesso sta agli adulti maschi come l'argomento animali sta ai bambini?
    Un libro che ha come protagonista una bambina (Julie) di 9 anni che trasforma la sua stanza in uno zoo è una ...continua

    Mia figlia ha detto che il libro è da 10 e lode.
    Dico una banalità o una scemenza se formulo che l'argomento sesso sta agli adulti maschi come l'argomento animali sta ai bambini?
    Un libro che ha come protagonista una bambina (Julie) di 9 anni che trasforma la sua stanza in uno zoo è una storia già molto appetibile.
    La storia è raccontata dalla stessa Julie: l'effetto è convincente, grazie all'esposizione di pensieri e sentimenti tipici di quell'età (meno apprezzabile quando le frasi, a volte, diventano lunghe e complesse). La storia è convincente capace di passare anche per temi un po' rognosi, come le famiglie allargate frutto di divorzi, i rapporti non sempre ideali con i genitori, le frustrazioni per desideri non esauditi, le problematiche relative agli animali che sporcano, prendono tempo e rischiano di morire se non accuditi.
    Il tutto condito con una buona dose di episodi divertenti. Non comprensibile ai bambini invece l'ilarità provocata nell'adulto (che ha un diverso sistema di riferimento) dalla realtà raccontata da Julie: per loro è normale che il punto di vista sia quello.
    A volte, la storia perde un po' di freschezza dilungandosi su punti poco interessanti o non determinanti: poteva essere accorciata un po'.
    Molto bello il finale.
    L'ho letto a mia figlia prima di addormentarsi con suo grande apprezzamento, ma l'avevo comprato perché lo leggesse lei, visto che in copertina c'era scritto "dai 7 anni": a meno di bambini esageratamente portati, non mi sembra che questo libro sia affrontabile per una bambina della I elementare data la lunghezza e la complessità delle frasi.

    Voto 7 1/2

    ha scritto il