Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo

By Audrey Niffenegger

(113)

| Hardcover

Like La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1773 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tutti gli innamorati viaggiano nel tempo, continuamente.

    Is this helpful?

    Zanellic said on Jul 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Splendida storia d'amore.
    Henry è un uomo affetto da cronoalterazione, un disturbo che lo porta a viaggiare nel tempo senza controllo. Conosce la moglie Clare prima d' incontrarla e fra loro si crea un legame senza logica, imprevedibile.
    Delicato e s ...(continue)

    Splendida storia d'amore.
    Henry è un uomo affetto da cronoalterazione, un disturbo che lo porta a viaggiare nel tempo senza controllo. Conosce la moglie Clare prima d' incontrarla e fra loro si crea un legame senza logica, imprevedibile.
    Delicato e sentimentale in maniera intelligente.

    Is this helpful?

    Maliviò said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo, fantastico...un amore senza limiti temporali.
    Si può amare al di là del tempo? Al di là dei propri corpi che cambiano? Al di là delle convenzioni?
    Un libro da non perdere, migliore del film che comunque va visto.

    Is this helpful?

    Lorella said on Jun 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ORIGINALE

    Pretesto fantascientifico per narrare un'originale storia d'amore. Bei personaggi, forse un po' troppo lungo anche se alla fine tutti gli incastri funzionano. Diverse parti toccanti, soprattutto nel finale. La svolta drammatica la trovo necessaria da ...(continue)

    Pretesto fantascientifico per narrare un'originale storia d'amore. Bei personaggi, forse un po' troppo lungo anche se alla fine tutti gli incastri funzionano. Diverse parti toccanti, soprattutto nel finale. La svolta drammatica la trovo necessaria dal punto di vista narrativo, in caso contrario la trama si sarebbe rivelata troppo piatta.

    Is this helpful?

    Paolo F. said on Jun 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Henry soffre di una malattia genetica e dall'età di cinque anni è “Persona cronologicamente disorientata” ovvero, in momenti casuali, soprattutto quando si trova in condizioni di stress, viene trasportato, completamente nudo, in un altro tempo e luog ...(continue)

    Henry soffre di una malattia genetica e dall'età di cinque anni è “Persona cronologicamente disorientata” ovvero, in momenti casuali, soprattutto quando si trova in condizioni di stress, viene trasportato, completamente nudo, in un altro tempo e luogo, dalla sua infanzia in poi.
    In questo suo peregrinare nel passato e nel futuro incontra Clare, che diventerà sua moglie, ed ha inizio la loro storia d'amore, vissuta contemporaneamente in diversi tempi, sancita dal destino ma comunque imprevedibile e sorprendente.

    I viaggi nel tempo non sono di genere fantascientifico, non ci sono macchine o scienziati esperti, non sono spostamenti programmati o con un scopo, non c'è possibilità di alterare gli eventi, ricordano più le esperienze estranianti di Billy Pilgrim o di Winston Rumfoord rispettivamente in “Mattatoi n°5” e “Le sirene di Titano” entrambi di Kurt Vonnegut.
    Henry vive questa capacità come una maledizione, viene catapultato in un'altra realtà, senza niente indosso, deve imparare a rubare e fuggire, aspettando il prossimo salto.
    Però al contrario dei personaggi di Vonnegut, lui può contare sull'amore della moglie e l'aiuto degli amici più stretti.

    La storia è raccontata alternativamente dal punto di vista di Clare o di Henry, ogni passo è preceduto dalla data e dall'età dei due protagonisti presenti in quel momento, può capitare che sia solo uno o tre quando Henry appare dal passato o dal futuro.
    Cronologicamente segue la vita di Clare ma intervengono spesso i salti temporali di Henry.
    Questa frammentazione rende bene la sensazione di dislocamento che prova Henry e la sovrapposizione di ricordi e déjà vu di Clare.

    L'autrice risolve il problema dei paradossi dei viaggi nel tempo presentando il continuum come un flusso inalterabile, ogni cosa anche la storia d'amore dei due protagonisti è già scritta ma questo non vuol dire che sia scontata o lineare.
    Henry viaggia nel futuro ma rifiuta quasi sempre di mettere a conoscenza Clare del loro destino insieme.
    Clare ha vissuto nel passato alcuni avvenimenti che riguardano il futuro di Henry, ma li tiene nascosti al marito.
    Entrambi faticano a collegare o prevedere i fatti della loro vita, rimanendo aggrappati al loro amore in una tempesta temporale incessante.

    La loro è una storia d'amore bellissima e commovente, piena di incognite, pericoli e situazioni inalterabili, un puzzle quasi da libro giallo.
    Un romanzo che cattura, una storia che emoziona ed appassiona anche per come è raccontata.

    Piccola nota(vedi battaglia personale) contro i recensori che si ostinano a non leggere i libri prima di scriverne la quarta:-Perché Henry DeTamble è il primo uomo affetto da cronoalterazione, uno strano disturbo per cui, a trentasei anni, comincia a viaggiare nel tempo.-
    Soprassedendo il termine “cronoalterazione”, che descrive alla perfezione lo stato del protagonista ma che nel romanzo non compare, a pagina 33 si legge:-La prima volta è stato magico. Come avrei potuto capire di cosa si trattava? Era il mio quinto compleanno.-
    Non è arrivato neanche al terzo capitolo.

    Is this helpful?

    Franco Leggo said on Jun 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    altroché quantum leap!

    Henry a volte sparisce per ritrovarsi catapultato, nudo (!!!), nel passato o nel futuro: è l’unico essere umano a soffrire di cronoalterazione, che si manifesta dal suo trentaseiesimo anno d’età. Così, Clare, che sarà (o è già stata) sua moglie, vedr ...(continue)

    Henry a volte sparisce per ritrovarsi catapultato, nudo (!!!), nel passato o nel futuro: è l’unico essere umano a soffrire di cronoalterazione, che si manifesta dal suo trentaseiesimo anno d’età. Così, Clare, che sarà (o è già stata) sua moglie, vedrà Henry per la prima volta a sei anni, quando le compare davanti su un prato. Poi (o prima, per Henry), si incontrano quando lei ha vent'anni e lui ventotto. Hai voglia a sincronizzare gli orologi! La chiave comica con cui spesso sono narrate le disavventure di questi due sfasati (nel vero senso della parola!) evita al romanzo di invischiarsi nella melassa. Se la possibilità (incontrollabile) di Henry di viaggiare nel tempo ha evidenti vantaggi (comprare il biglietto vincente della lotteria, vedere la tua prossima casa, avere un po’ più di certezze sul tuo futuro), è vero anche che comparire nudo nel bel mezzo di un pic-nic è piuttosto imbarazzante, e sapere che tua moglie e tua figlia (che chissà se vedrai) rimarranno senza l’uomo di casa può metterti di cattivo umore… Più leggiamo, catturati da quello che è stato e però ancora ha da essere, e più ci accorgiamo che l’autrice, attenta com’è alle dinamiche di relazione tra i personaggi, all’intimità familiare, sembra suggerire in realtà un’idea molto graziosa, che rende la magia del quantum leap assai reale e pratica: in ogni rapporto a volte si viaggia su tempi diversi, come a dire che certo che si è tutti e due innamorati, ma ognuno ogni tanto vive la storia d’amore un po’ a modo suo, si fa il suo film, ecco! Il futuro che Henry porta con sé nel suo amore per Clare (perché è lei a cui è dedicato il titolo, attenzione) serve solo a rendere più significativo il presente e in fondo è una sorta di risarcimento per una vita a due complicata e a volte dolorosa, in cui è difficile progettare insieme. Quindi, se ci sentiamo dire: “ma noi non ci siamo già visti prima?”, occhio che potrebbe non essere un pretesto!

    Is this helpful?

    Paola Rinaldi @pippipaoli said on May 31, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book