Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La moglie nella cornice

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

3.3
(55)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817114227 | Isbn-13: 9788817114226 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Fiction & Literature , Romance

Ti piace La moglie nella cornice?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Joanna è una fotomodella di successo. La più pagata, la più rincorsa da fotografi e testate. Una vita perfetta e da invidiare almeno in apparenza, se non fosse che la giovane porta dentro di se i segni di un grave trauma: lo stupro quando era solo una bambina di nove anni.
    Alberto Fortis è ...continua

    Joanna è una fotomodella di successo. La più pagata, la più rincorsa da fotografi e testate. Una vita perfetta e da invidiare almeno in apparenza, se non fosse che la giovane porta dentro di se i segni di un grave trauma: lo stupro quando era solo una bambina di nove anni.
    Alberto Fortis è un facoltoso avvocato milanese. Vive un’esistenza tranquilla in compagnia del figlio Pietro e della moglie Francesca fino a quando un grave incidente d’auto segna per sempre le loro vite portandosi via l’adorata donna. Sarà proprio tra i corridoi dell’ospedale che Alberto conosce Joanna. Dì lì a pochi mesi la giovane diviene la signroa Fortis, ma nemmeno in questa nuova vita di donna sposata riesce a trovare la serenità. Gli incubi del passato sono vivissimi e poi c’è il fantasma di Francesca, simbolicamente rappresentato dalle tante foto incornicate sparse per casa, con il quale confrontarsi ogni giorno. Solo la tenacia, la grande forza di volontà e l’amore riusciranno ad aiutare Joanna a conquistare la vita, quella vita che cerca disperatamente di portare in casa Fortis.
    In un primo momento il lettore ha l’impressione di trovarsi dinanzi a una trama molto simile al celebre film “Rebecca la prima moglie” e, in effetti, l’autrice, per bocca della protagonista, gioca in un certo senso con l’equivoco. Tuttavia man mano che si procede nella lettura ci si rende conto che si tratta di un romanzo psicologico. La trama ruota attorno agli eventi che hanno coinvolto la povera Joanna. La sua è una crescita, una presa di coscienza del proprio io. Joanna nonostante tutto il male vissuto, non riesce a non trasmettere amore, sacrificando anche se stessa, accettando umiliazioni dall’uomo che ha sposato sempre pronto a giudicarla come se si trattasse di un’imputata in tribunale.
    Riuscitissimo è il personaggio della protagonista. Joanna che vedeva il sesso come un dolore, che si è donata a molti fotografi e allo zio dello stesso Alberto, ora è una donna nuova dotata di nuove consapevolezze.
    Ben costruiti sono anche i personaggi di Alberto, all’apparenza freddo, severo e distaccato, ma, in realtà, debole perchè succube della moglie defunta e del piccolo Pietro, che soffre per la perdita della mamma e per la freddezza dell’ambiente domestico.
    Infine c’è Francesca. Colei che è presente pur non fisicamente. Sempre nei pensieri di Alberto, sempre negli incubi di Joanna, eppure anche lei è una donna che ha sofferto.
    Tema portante del romanzo è la sofferenza espressa sotto diverse sfacettature e forse per questo l’opera potrebbe sembrare pessimista e “pesante”.
    L’autrice narra le vicende in terza persona, cercando di alternare la narrazione con dialoghi e pensieri dei personaggi (i pensieri spesso sono espressi in prima persona). Ella alterna i punti di vista dei personaggi rispetto all’evento narrativo e, purtroppo, questa tecnica suscita un pò di confusione nel lettore che si sente perso e non riesce e sentirsi parte della vicenda.
    Il gran bel finale viene, ahimé, liquidato nello spazio di pochissime pagine, dopo tanto soffrire forse i protagonsiti meritavano maggior accenno alla loro riconciliazione.
    Un romanzo con alcune incertezze stilistiche, ma dalla trama interessante. Merita comunque una lettura.

    ha scritto il