Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La montagna incantata

By Thomas Mann

(27)

| Softcover

Like La montagna incantata ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

360 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Cenrifugo o centripeto?

    Ho vissuto la lettura del romanzo come ad un giro di giostra. Una giostra che in alcuni momenti aveva le fattezze delle montagne russe. Spesso ho provato la sensazione di essere un piccolo microbo coinvolto in un'esperienza molto più grande e comples ...(continue)

    Ho vissuto la lettura del romanzo come ad un giro di giostra. Una giostra che in alcuni momenti aveva le fattezze delle montagne russe. Spesso ho provato la sensazione di essere un piccolo microbo coinvolto in un'esperienza molto più grande e complessa della propria esistenza. Vengono approfonditi una miriade di temi esistenziali e alla fine della lettura si sente il bisogno di ripassare alcuni passaggi significativi per rivivere le emozioni. Impossibile indicare il personaggio più riuscito o la pagina meglio concepita senza rimanere a livello aneddotico. Il libro si deve sentire nella sua complessità cercando di percepire tutte le sfaccettature tutte assieme. E' un libro che risulta apparentemente centrifugo ma finisce per essere centripeto, dove tutto si riconduce ad una grande sintesi.

    Is this helpful?

    Cattiverio said on Oct 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    e con questo ... archivio definitivamente Thomas Mann.

    Is this helpful?

    trovateOrtensia said on Oct 10, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Romanzo di formazione memorabile; una lettura in salita e a tratti difficile, ma in ogni istante sei conscio di avere tra le mani un capolavoro, scritto da quel genio di Thomas Mann.
    Siamo negli anni che precedono il primo conflitto mondiale, il giov ...(continue)

    Romanzo di formazione memorabile; una lettura in salita e a tratti difficile, ma in ogni istante sei conscio di avere tra le mani un capolavoro, scritto da quel genio di Thomas Mann.
    Siamo negli anni che precedono il primo conflitto mondiale, il giovane ingegnere Hans Castorp si reca a fare visita a suo cugino, Joachim Ziemssen, ricoverato in un sanatorio svizzero; vi resterà per ben sette anni, durante i quali entrerà in contatto con svariate personalità (su tutte brilla l'italiano Settembrini) che contribuiranno alla sua maturazione.
    Il personaggio che ho amato di più è stato Joachim, fiero soldato dell'esercito prussiano che scalpita per tornare giù in pianura alla sua vita e non è suscettibile quanto Hans alle opinioni altrui; da bravo soldato, è abituato a sacrificare le proprie emozioni al cospetto delle convenienze sociali e, pertanto, le righe in cui cede ai suoi impulsi, poco prima della fine, sono tra le più commoventi: Quel quadro: Joachim immerso, senza alcun riguardo, nel colloquio con Marusja, la ragazza dall'alto seno, con la quale si era seduto per tanto tempo alla stessa tavola senza scambiare una parola; davanti alla quale e alla cui esistenza aveva chinato gli occhi, ragionevole e ambizioso, con espressione severa, benché impallidisse, con la pelle macchiata, quando si parlava di lei,...scosse Castorp più di qualunque segno di indebolimento avesse notato in suo cugino durante quelle settimane.
    Fuor di romanzo, ho adorato alcune delle considerazioni dell'autore, come quelle sul tempo: [...] quella che chiamiamo noia è piuttosto un morboso accorciamento del tempo in seguito a monotonia: lunghi periodi di tempo, se non si interrompe l'uniformità, si restringono in modo da far paura; se un giorno è come tutti, tutti sono come uno solo.

    Is this helpful?

    Il genio dei pensieri said on Sep 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lo avevo quasi finito a 17 anni. Una grande fatica ma meravigliosa. Letto insieme all'ascolto del concerto pianoforte e orchestra di Schumann opera 54 (giuro! Ero una raffinata)ma poi a due passi dalla fine l'ho lasciato e il coraggio di rileggerlo a ...(continue)

    Lo avevo quasi finito a 17 anni. Una grande fatica ma meravigliosa. Letto insieme all'ascolto del concerto pianoforte e orchestra di Schumann opera 54 (giuro! Ero una raffinata)ma poi a due passi dalla fine l'ho lasciato e il coraggio di rileggerlo ancora non c'è. Da leggere e rileggere prima o poi :)

    Is this helpful?

    Smilla said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    in "vivere per raccontarla" Màrquez per dare una raffigurazione della noia e dell'isolamento culturale e sociale che viveva nel collegio da lui frequentato, dice che tra gli studenti si era arrivati a leggere e dibattere con un certo entusiasmo "La m ...(continue)

    in "vivere per raccontarla" Màrquez per dare una raffigurazione della noia e dell'isolamento culturale e sociale che viveva nel collegio da lui frequentato, dice che tra gli studenti si era arrivati a leggere e dibattere con un certo entusiasmo "La montagna incantata".

    Is this helpful?

    Lanoviaroja said on Aug 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "La malattia è la forma impudica della vita. E la vita a sua volta? È forse soltanto una malattia infettiva della materia…" (p. 265)

    "Le corps, l’amour, la mort, ces trois ne font qu’un. Car le corps, c’est la maladie et la volupté, et c’est lui ...(continue)

    "La malattia è la forma impudica della vita. E la vita a sua volta? È forse soltanto una malattia infettiva della materia…" (p. 265)

    "Le corps, l’amour, la mort, ces trois ne font qu’un. Car le corps, c’est la maladie et la volupté, et c’est lui qui fait la mort, oui, ils sont charnels tous deux, l’amor et la mort, et voilà leur terreur et leur grande magie!" (p. 319)

    Is this helpful?

    NULLA_DIES_SINE_LINEA said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book