Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La montagna magica

By Thomas Mann

(131)

| Hardcover | 9788804594253

Like La montagna magica ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

È questo il secondo atto dell'impresa di ritraduzione della narrativa manniana avviata nel 2007 da “Romanzi” vol. I (“I Buddenbrook” e “Altezza reale”). Con il titolo “La montagna incantata”, il capolavoro di Mann, uscito a Berlino nel 1924, venne tr Continue

È questo il secondo atto dell'impresa di ritraduzione della narrativa manniana avviata nel 2007 da “Romanzi” vol. I (“I Buddenbrook” e “Altezza reale”). Con il titolo “La montagna incantata”, il capolavoro di Mann, uscito a Berlino nel 1924, venne tradotto in Italia nel 1932 e poi da Ervino Pocar nel 1965 per la collana «Classici Contemporanei stranieri»; da allora è disponibile soltanto in quest'ultima traduzione. Con la pubblicazione del Meridiano, il romanzo di Mann - una vera e propria “opera-mondo” - ritorna finalmente in catalogo in una nuova traduzione corredata, per la prima volta, di un vasto commento analitico, indispensabile viatico per penetrarne la complessità anche filosofica. La traduzione - di Renata Colorni, magistrale traghettatrice dell'opera di Freud presso il pubblico italiano a partire dagli anni Settanta oltre che traduttrice di numerose e importanti opere della narrativa tedesca - grazie all'attenzione tutta nuova verso i suoi caratteri linguistici distintivi restituisce al dettato manniano la sua caleidoscopica unicità. La curatela è di Luca Crescenzi, autorevole voce della germanistica italiana, che oltre al ricco e aggiornatissimo commento firma anche una introduzione che si affianca allo scritto dello studioso tedesco Michael Neumann.

358 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Lo avevo quasi finito a 17 anni. Una grande fatica ma meravigliosa. Letto insieme all'ascolto del concerto pianoforte e orchestra di Schumann opera 54 (giuro! Ero una raffinata)ma poi a due passi dalla fine l'ho lasciato e il coraggio di rileggerlo a ...(continue)

    Lo avevo quasi finito a 17 anni. Una grande fatica ma meravigliosa. Letto insieme all'ascolto del concerto pianoforte e orchestra di Schumann opera 54 (giuro! Ero una raffinata)ma poi a due passi dalla fine l'ho lasciato e il coraggio di rileggerlo ancora non c'è. Da leggere e rileggere prima o poi :)

    Is this helpful?

    Smilla said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    in "vivere per raccontarla" Màrquez per dare una raffigurazione della noia e dell'isolamento culturale e sociale che viveva nel collegio da lui frequentato, dice che tra gli studenti si era arrivati a leggere e dibattere con un certo entusiasmo "La m ...(continue)

    in "vivere per raccontarla" Màrquez per dare una raffigurazione della noia e dell'isolamento culturale e sociale che viveva nel collegio da lui frequentato, dice che tra gli studenti si era arrivati a leggere e dibattere con un certo entusiasmo "La montagna incantata".

    Is this helpful?

    Lanoviaroja said on Aug 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "La malattia è la forma impudica della vita. E la vita a sua volta? È forse soltanto una malattia infettiva della materia…" (p. 265)

    "Le corps, l’amour, la mort, ces trois ne font qu’un. Car le corps, c’est la maladie et la volupté, et c’est lui ...(continue)

    "La malattia è la forma impudica della vita. E la vita a sua volta? È forse soltanto una malattia infettiva della materia…" (p. 265)

    "Le corps, l’amour, la mort, ces trois ne font qu’un. Car le corps, c’est la maladie et la volupté, et c’est lui qui fait la mort, oui, ils sont charnels tous deux, l’amor et la mort, et voilà leur terreur et leur grande magie!" (p. 319)

    Is this helpful?

    NULLA_DIES_SINE_LINEA said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    nel finale il commento dell autore..riassume quello che leggendo si capisce da subito, ovvero che il suddetto libro si apprezzerebbe di pu' leggendolo una seconda volta. ed io concordo pienamente visto le densità sia di contenuti che di riferimenti n ...(continue)

    nel finale il commento dell autore..riassume quello che leggendo si capisce da subito, ovvero che il suddetto libro si apprezzerebbe di pu' leggendolo una seconda volta. ed io concordo pienamente visto le densità sia di contenuti che di riferimenti non sempre comprensibili da subito , sia per il fatto che la storia in se e per se' e gli avvenimenti , di loro, non sono fondamentali quanto l atmosfera ed i contenuti secondari , sicuramente un libro difficile.. in alcuni tratti addirittura noioso ( per me quella parte dei dialoghi tra i due pedagoghi ) forse neanche pienamente apprezzabile ai nostri giorni ma valida di più sul momento, comunque se ti soffermi a prendere una riga qualsiasi del libro e ti metti a leggerla con attenzione mi maniera attenta cercando di comprenderla appieno capisci il vero valore del libro che e' secondo me insito nella scrittura . . .a detta del autore, musicale, appunto un opera di prima grandezza in tutto e per tutto.

    Is this helpful?

    marco said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    C'è dentro di tutto in questo librone. M'inchino davanti all'autore ed alla sua bravura, ma non è certo il romanzo che mi ha appassionato

    Is this helpful?

    mavi said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un capolavoro, un romanzo "di formazione", da leggere e rileggere come suggerisce l'autore stesso per apprezzarne il valore ancora meglio!

    Is this helpful?

    Alberto said on Jul 6, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book