La morte a Venezia

Tonio Kröger­ - Tristano

di | Editore: Feltrinelli
Voto medio di 1628
| 138 contributi totali di cui 105 recensioni , 30 citazioni , 0 immagini , 3 note , 0 video
Andrea
Ha scritto il 17/02/18
Tra Eros e Arte.
Thomas Mann è uno scrittore alquanto complicato da leggere e da recensire: la sua è una prosa barocca, di stampo realista ma ingioiellata da potenti introspezioni, pagine filosofiche e riflessioni sull'arte, sulla vita e sulla musica, i suoi eroi rag...Continua
Cynthia Collu...
Ha scritto il 23/12/16
Il mare era sempre piatto, nessuna vela tagliava l’orizzonte. Pensò a come fare per riportare la situazione a prima. Al momento della sigaretta, perlomeno. “Hai mai letto Morte a Venezia?” gli chiese senza guardarlo. “Che c’entra.” “Il protagonista...Continua
  • 4 mi piace
  • 3 commenti
Struwwelpeter
Ha scritto il 29/05/16
Sono arrivato al libro dal film di Visconti. Libro e film meravigliosi pur essendo diversi: nel libro il turbamento del vecchio scrittore (compositore nel film) per l’adolescente Tadzio è più introspettivo, meno peccaminoso, e anche il giovane non ha...Continua
  • 3 mi piace
Rossoprimo
Ha scritto il 15/05/16
Amabili ordinari
Tonio Kröger, alter ego di Thomas Mann, è una dichiarazione di amore verso la normalità. Mann capisce - o per lo meno intuisce - che la felicità è delle persone normali, di quei biondi, occhi azzurrini, luminosamente vivi e amabili ordinari, che non...Continua
  • 1 mi piace
Miriam Davì
Ha scritto il 02/05/16
Nota trilogia di romanzi brevi o racconti lunghi, come di solito si definiscono. "La morte a Venezia" narra dello scrittore Gustav von Aschenbach che decide di fare un viaggio a Venezia dove, preannunciato dal titolo stesso, troverà la morte. Prima d...Continua

Hijikata Toshiro
Ha scritto il Jul 23, 2017, 10:26
Le osservazioni e gli incontri di un solitario silenzioso sono insieme più sfumati e più netti di quelli dell'uomo socievole, i suoi pensieri sono più gravi, più singolari, e mai privi di un'ombra di tristezza.
Pag. 24
Valentina
Ha scritto il Dec 10, 2016, 23:56
Felicità per lo scrittore è il pensiero che può diventare interamente sentimento, il sentimento che può diventare interamente pensiero.
Pag. 43
Angelo - anch'io...
Ha scritto il Jul 19, 2012, 12:28
Perchè la felicità, si diceva, non sta nell'essere amati; questa è soltanto una soddisfazione, frammista all'orrore della vanità. La felicità sta nell'amare e, forse, nel carpire qualche piccola ingannevole vicinanza all'oggetto amato.
Pag. 84
Angelo - anch'io...
Ha scritto il Jul 18, 2012, 21:14
Il fatto era che Tonio amava Hns e aveva già molto sofferto per lui. Colui che ama di più è il sottomesso e deve soffrire, - il suo animo quattordicenne aveva già estratto dalla vita questa semplice e dura teoria
Pag. 72
Angelo - anch'io...
Ha scritto il Jul 18, 2012, 20:57
perchè sono così diverso dagli altri e in lotta con tutto, malvisto dai professori ed estraneo in mezzo agli altri ragazzi? Guardali, i bravi scolari e quelli così solidamente mediocri. Loro non trovano buffi gli insegnanti, non fanno versi e pensano...Continua
Pag. 73

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Nov 07, 2016, 09:21
833 MAN 3829 Letteratura Tedesca
Biblioteche...
Ha scritto il Jul 07, 2016, 07:24
833.912 MAN 6580 Letteratura Tedesca
Absit
Ha scritto il Sep 29, 2015, 16:34
n. 300 - 1° ediz. Oscar Mondadori ottobre 1970 - L6 - Buono.
Pag. 1

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi