La morte della farfalla

Zelda e Francis Scott Fitzgerald

Voto medio di 207
| 50 contributi totali di cui 36 recensioni , 14 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Zelda Sayre nasce nell'aprile dell'anno 1900. Nel luglio del 1918, a una festa da ballo in cui è contesa da cavalieri come la più corteggiata fanciulla d'Alabama, conosce un giovane ufficiale: Francis Scott Fitzgerald. È un amore totale, geloso e ...Continua
Ha scritto il 29/04/17
... dove la vita è troppo piena da distruggere se stessa
Ha scritto il 27/12/16
Autore: italiano (1930). Saggio bio-letterario.Citati non è un “professore” (tocco e toga) e direi neppure un “critico” (i critici sono in genere sofferenti di stipsi emotiva). Direi che è soprattutto un lettore che viene coinvolto ...Continua
  • 8 mi piace
  • 8 commenti
Ha scritto il 08/12/16
Citati è un saggista molto particolare, A dominarlo è spesso un bisogno intimo di leggerezza, quasi una necessità di sorvolare le cose senza toccarle. In questa biografia di una relazione ci riesce benissimo. Da leggere non pensando allo ...Continua
Ha scritto il 02/11/16
La tormentata vita di Scott Fitzgerald
La morte della farfalla di Pietro Citati 4/5Una profonda e perfetta biografia del grande Scott Fitgerald e sua moglie Zelda. Una vita grandiosa, dispendiosa, gioiosa e drammatica, il più grande scrittore degli USA ha toccato tutte le fasi ...Continua
Ha scritto il 21/09/16
Piccola biografia sulla turbolenta vita di Fitzgerald e la moglie Zelda. Non la solita biografia dalla nascita alla morte ma incentrata sulla difficoltà del vivere di questa coppia famosa come il famoso "Il grande Gatsby" che ricalca proprio la ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Jul 01, 2016, 20:12
"le illusioni danno un tal colore al mondo, che non ti importa se le cose siano vere o false, fintanto che rendono qualcosa di quel magico splendore".
Ha scritto il Jul 01, 2016, 20:12
"I malati di mente sono semplici ospiti sulla terra: eterni stranieri, che portano con sé decaloghi spezzati che non sanno leggere".
Ha scritto il Sep 14, 2014, 13:10
Voleva possedere un dominio assoluto sulle cose vicine e lontane. Tentava e falliva, falliva e tentava. Solo una cosa era certa: la sconfitta, l'incrinatura, la morte mascherata dietro le luci.
Pag. 10
Ha scritto il Sep 14, 2014, 13:08
Credo che si misuri il proprio grado di amore per una persona con il silenzio e il vuoto che scendono sulla giornata dopo la partenza.
Pag. 29
Ha scritto il Sep 14, 2014, 13:07
Più tardi, sempre in clinica, Zelda dipinse un quadro con una striscia marrone in basso, una striscia azzurra al centro e un piccolo oggetto marrone nell'angolo in alto. Quando il medico le domandò cosa il quadro rappresentasse, Zelda rispose: ...Continua
Pag. 81

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi